Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora

“La Riforma della Contabilità”: si è svolta ieri la giornata formativa per dipendenti pubblici

corso contabilità corso contabilità1Lunedì 28 ottobre, dalle ore 9.30 alle ore 18.30, la sede del Polo Didattico della Facoltà di Scienze della Comunicazione ha ospitato la giornata formativa promossa dal Comune di Sora sul tema “La Riforma della Contabilità: principi e metodologie del nuovo sistema contabile”.

Ha partecipato all’evento, organizzato dalla Fondazione LOGOS P.A., il personale del Comune di Sora e di altri Enti locali del territorio.

Il convegno è stato aperto dai saluti istituzionali dell’Assessore al Personale Francesco Ganino che ha ringraziato i promotori della giornata di formazione che risponde alle esigenze di una pubblica amministrazione che cambia continuamente: “Il lavoro svolto dai dipendenti comunali deve essere idoneo a soddisfare le aspettative della P.A. e della cittadinanza. Per questo il Sindaco Ernesto Tersigni ha puntato sulla formazione continua del personale, facendo costante ricorso all’aggiornamento”.

Sono intervenuti al corso di formazione anche il Presidente del Consiglio Comunale Giacomo Iula e l’Assessore al Bilancio Agostino Di Pucchio.

Dopo i saluti dell’Assessore Ganino hanno preso la parola l’Avv. Roberto Mastrofini, presidente della LOGOS P.A., e la Dott.ssa Lucia Leto, Segretario Generale del Comune di Sora, la quale ha sottolineato “l’importanza della coesione del personale dell’Ente che deve fare squadra nel lavoro per raggiungere gli obiettivi dell’Amministrazione”.

A seguire l’interessantissima relazione del Dott. Patrizio Belli, funzionario della Provincia di Roma, il quale nella mattinata ha introdotto il tema della riforma della contabilità pubblica alla luce del decreto legislativo 23 giugno 2011, n.118 Il provvedimento dispone che le regioni, gli enti locali ed i loro enti strumentali (aziende società, consorzi ed altri) adottino la contabilità finanziaria, cui devono affiancare, a fini conoscitivi un sistema di contabilità economico-patrimoniale, per garantire la rilevazione unitaria dei fatti gestionali sia sotto il profilo finanziario che sotto il profilo economico-patrimoniale. Il nuovo sistema contabile entrerà in vigore a pieno regime nel 2015.

Nel pomeriggio la parola è andata al Prof. Francesco Delfino, componente della Commissione Tecnica Paritetica Federalismo fiscale. Il Prof. Delfino ha spiegato nel dettaglio la riforma, definita “impegnativa” perché implica la cesura netta con le modalità di gestione della finanza pubblica utilizzate fino ad oggi. La riforma non riguarderà solo i settori della Ragioneria ma investirà l’intera struttura degli enti perché comporta che tutti i responsabili stabiliscano una rete di relazioni che porti ad una reale integrazione tra settori. Cambia, quindi, radicalmente il modo di raccogliere le risorse pubbliche e di impiegarle. La principale novità è rappresentata dal nuovo criterio di contabilizzazione delle entrate e delle uscite: la contabilità finanziaria non anticipa più la registrazione dei fatti gestionali ma li contabilizza in un periodo molto più prossimo alla fase finale del processo (incasso o pagamento). E’ prevista una nuova struttura del bilancio per assicurare una maggiore trasparenza delle informazioni riguardanti il processo di allocazione delle risorse e la destinazione delle stesse. Il Piano Integrato dei Conti è lo strumento che consentirà di raggiungere l’obiettivo di consolidare e monitorare i conti pubblici attraverso una migliore raccordabilità delle registrazioni contabili delle Pubbliche Amministrazioni con il sistema europeo dei conti.

Share