Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora

PRUSST – Medio Bacino del Liri – Realizzazione di un impianto sportivo in località Valleradice – Campopiano

SETTORE V LAVORI PUBBLICI E AMBIENTE

Sono in via di definizione i lavori per la realizzazione del nuovo impianto sportivo outdoor alla località “Campopiano”. Gli interventi, si ricorda, sono possibili grazie a fondi PRUSST e alla partecipazione attiva e fattiva della Associazione “Valle del Baronio”, che individuata quale soggetto concessionario, garantirà la realizzazione e la gestione dell’impianto per la durata della concessione prevista in atti in anni 20.

Il progetto approvato con D.G.M. n. 389 del 22/12/2014 per l’importo complessivo di € 339.725,97 è previsto a stralci funzionali di cui il primo per un importo di € 102.646,62 garantirà la funzionalità dell’impianto con la realizzazione del campo di gioco dotato di erba artificiale sintetica, di recinzione a norma, degli accessi necessari.

Si ricorda che il Comune partecipa all’intervento, finanziandolo in parte con fondi PRUSST, per l’importo di € 80.000,00 con l’associazione “Valle del Baronio” che assicura le ulteriori coperture economiche richieste. Il quartiere avrà così a disposizione un nuovo impianto per la pratica dello sport outdoor in sicurezza e confort. L’intervento garantisce servizi per le attività sportive, tempo libero, relax, ma nel contempo da modo anche di recuperare un’area degradata posta in prossimità del viadotto S.S.V. Cassino-Sora-Avezzano. Rappresenta quindi ulteriore intervento periferico di recupero di ambiti degradati ed incremento-potenziamento di servizi.

Allo stato attuale, è in via di definizione la recinzione, sono in corso i lavori propedeutici del tappeto in sintetico con tutte le opere accessorie e minori.

I lavori sono a cura della ditta TDS Edilcostruzioni sas con sede in Sora sono monitorati dagli uffici del V settore LL.PP. – Ambiente dell’Ente che ha curato anche tutta la fase della progettazione con particolare riferimento alle autorizzazioni iniziali che hanno richiesto il ricorso all’istituto della variante urbanistica per l’area.

GALLERIA FOTOGRAFICA