Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora
 “Scuola Innovativa” conferenza programmatica inizio cantiere. “Scuola Innovativa” conferenza programmatica inizio cantiere. Mercoledì 27 novembre 2019 conferenza programmatica inizio cantiere SCUOLA INNOVATIVA alla presenza del Senatore Renzo Piano e Gruppo di lavoro “G124” Comitati di Quartiere Comitati di Quartiere TARI TARI Biblioteca Comunale Biblioteca Comunale Sora - Bellezze da Vivere Sora - Bellezze da Vivere Sora Bellezza da VIVERE

Intersezione via costantinopoli via cellaro con nuova rotatoria from Comune di Sora on Vimeo.

Intersezione Via COSTANTINOPOLI e via CELLARO com nuova rotatoria
Guida alla Città di Sora Guida alla Città di Sora Trasporto Pubblico Urbano Trasporto Pubblico Urbano ZONE FRANCHE URBANE ZONE FRANCHE URBANE
Arrivo treno a vapore a Sora di Antonio Mantova

Spot Sora in Rosa 2014 from benchboxheart on Vimeo.

Sora in Rosa 2014: lo Spot
Luminarie Sora Natale 2016 VISTE DAL DRONE
Opere di Michele Rosa Opere di Michele Rosa E' naturale che circa l'ARTE il primo a parlare è l'artista capace di dare espressione ai sentimenti e ai pensieri dell'opera globale che si chiama ARTE che non conosce né confini né popoli, conosce l'umanità. Siamo in una grande epoca in cui l'umanità abbia mai vissuto, che fornirà senz'altro il necessario alimento alla fioritura dello spirito. Comunicare non è mailil fine esplicito dell'artista che lavora quasi sempre per propria soddisfazione è auspicabile che il visitatore abbia la possibilità di vedere, di contemplare, di godere ciò che l'arte realizza..... Michele Rosa
Sora-Corpus Domini-Video RAI
 
 

La dipendente Kofler si trasferisce, i saluti del Sindaco

Categories: Comunicati Stampa, Notizie
Commenti disabilitati su La dipendente Kofler si trasferisce, i saluti del Sindaco

Ultimo giorno di lavoro per la dipendente Maura Kofler che dal 2 agosto prenderà servizio presso il Comando di Polizia Locale del Comune di Cassino con la qualifica di Vice Commissario. Il Sindaco Roberto De Donatis l’ha ricevuta in Municipio per salutarla. “Formulo alla Dott.ssa Kofler i migliori auguri di buon lavoro presso il nuovo ente che l’accoglierà. La ringrazio per l’impegno e la professionalità dimostrati nel corso del suo servizio presso il Comune di Sora” ha dichiarato il Primo Cittadino.

La Dott.ssa KOFLER, laureata in Giurisprudenza ed in possesso del Titolo post universitario biennale di management pubblico, vincitrice di concorso presso il Comune di Roma Capitale, nell’anno 2011, a seguito di procedura di mobilità, è stata assunta alle dipendenze del Comune di Sora dove ha prestato servizio presso il Comando di Polizia Locale e, dal 2018, in distacco presso l’Ufficio del Giudice di Pace quale Cancelliere del Settore penale. (continua)

Tutela del benessere degli invertebrati terrestri, in cattività

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Tutela del benessere degli invertebrati terrestri, in cattività

CAPITOLO III
DETENZIONE E TUTELA/BENESSERE DEGLI ANIMALI

Art. 12
Prescrizioni per la tutela del benessere degli invertebrati terrestri, in cattività
1. Ferme restando le prescrizioni generali per la tutela del benessere degli animali da affezione di cui all’Art. 6, considerando l’ampia varietà di specie potenzialmente presenti in cattività, a
coloro che tengono in cattività invertebrati per affezione è fatto obbligo in primis di documentarsi sulle esigenze specifiche di specie, ed è fatto altresì obbligo di:
a. tenere gli invertebrati terrestri in terrari o terracquari di dimensioni sufficienti a garantire agli animali adeguate possibilità di movimento, e comunque di dimensioni minime non inferiori a cm. 40 x 30 x 30, e con lunghezza di due lati della base pari ad almeno tre volte la lunghezza dell’animale;
b. assicurare un ambiente che ricrei il più possibile quello naturale di origine della specie, compresa la presenza di rifugi;
c. assicurare che, nel terrario o terracquario, l’ambiente offra condizioni di temperatura, ventilazione e umidità conformi a quelle dell’ambiente naturale di origine delle specie; assicurare agli animali un numero di ore giornaliere di luce e di buio, che riproduca al meglio possibile il fotoperiodo dell’ambiente naturale di origine delle specie;
d. evitare condizioni di sovraffollamento e la convivenza con altri esemplari con cui possa manifestare competizione e/o aggressività intra o inter specifica.
2. Il trasgressore è punito con sanzione amministrativa, ai sensi del presente Regolamento. Le disposizioni di cui sopra si applicano a decorrere da sei mesi dopo l’entrata in vigore di questo Regolamento.
3. Le disposizioni di cui al comma precedente non si applicano al trasporto e o al ricovero di animali per esigenze sanitarie.

Tutela del benessere dei rettili (specie terricole), in cattività

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Tutela del benessere dei rettili (specie terricole), in cattività

CAPITOLO III
DETENZIONE E TUTELA/BENESSERE DEGLI ANIMALI

Art. 11
Prescrizioni per la tutela del benessere dei rettili (specie terricole), in cattività
1. Ferme restando le prescrizioni generali per la tutela del benessere degli animali da affezione di cui all’Art. 6, considerando l’ampia varietà di specie potenzialmente presenti in cattività, a coloro che detengono in cattività rettili per affezione è fatto obbligo in primis di documentarsi sulle esigenze di specie, ed è fatto altresì obbligo di:
a. detenere i rettili in terrari sufficientemente ampi da garantire agli animali adeguate possibilità di movimento, e comunque di dimensioni minime non inferiori a cm 60 x 40 x h.50. Ai rettili, devono essere garantire al minimo una superficie di 100 cm2 per ogni cm di lunghezza dell’animale, per sauri (lucertole, iguane, ecc.) e cheloni (tartarughe e testuggini), e di 60 cm2 per ogni cm di lunghezza dell’animale per gli ofidi (serpenti).
b. assicurare un ambiente che ricrei il più possibile quello naturale di origine della specie, compresa la presenza di rifugi;
c. assicurare che, nel terrario, l’ambiente offra condizioni di temperatura, ventilazione e umidità conformi a quelle dell’ambiente naturale di origine delle specie, e ove necessario, la presenza di acqua;
d. assicurare agli animali un numero di ore giornaliere di luce e di buio, che riproduca al meglio possibile il fotoperiodo dell’ambiente naturale di origine delle specie;
e. evitare condizioni di sovraffollamento e la convivenza con altri esemplari con cui possa manifestare competizione e/o aggressività intra o inter specifica.
2. Il trasgressore è punito con sanzione amministrativa, ai sensi del presente Regolamento. Le disposizioni di cui sopra si applicano a decorrere da sei mesi dopo l’entrata in vigore di questo Regolamento.
3. Le disposizioni di cui al comma precedente non si applicano al trasporto e o al ricovero di animali per esigenze sanitarie.

Tutela del benessere dei pesci, anfibi, rettili e invertebrati a vita prevalentemente acquatica, in cattività

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Tutela del benessere dei pesci, anfibi, rettili e invertebrati a vita prevalentemente acquatica, in cattività

CAPITOLO III
DETENZIONE E TUTELA/BENESSERE DEGLI ANIMALI

Art. 10
Prescrizioni per la tutela del benessere dei pesci, anfibi, rettili e invertebrati a vita prevalentemente acquatica, in cattività.
1. Ferme restando le prescrizioni generali per la tutela del benessere degli animali da affezione di cui all’Art. 6, a coloro che detengono in cattività, a titolo di affezione, pesci, anfibi e rettili a vita prevalentemente acquatica, considerando l’ampia varietà di specie potenzialmente presenti in cattività, è fatto obbligo in primis di documentarsi sulle esigenze di specie, ed è fatto altresì obbligo di:
a. non tenere animali in acquari di forma sferoidale;
b. garantire ai pesci un volume d’acqua sufficiente a consentire il loro movimento naturale. Per questo, e al fine di garantire acqua sufficientemente ossigenata, gli acquari devono avere le seguenti dimensioni minime: una capienza non inferiore a
30 litri; un’altezza (profondità) non superiore alla lato della base più corto, aumentato del 50%; il lato della base più lungo pari almeno a 10 volte la misura della specie più lunga ospitata;
c. mantenere le specie di anfibi e rettili a vita prevalentemente acquatica in un terracquario, dotato di una parte emersa, facilmente raggiungibile dagli animali, e, ove necessario, di fonti riscaldanti, e con dimensioni non inferiori a cm 60 x 40 x 50 e
comunque in relazione alle dimensioni dell’animale e alle sue esigenze ecologiche, fisiologiche ed etologiche;
d. assicurare il ricambio, la depurazione, l’ossigenazione dell’acqua, le cui caratteristiche chimico-fisiche e di temperatura devono essere conformi alle esigenze fisiologiche delle specie ospitate;
e. assicurare negli acquari e terracquari un ambiente che ricrei il più possibile quello naturale di origine della specie, compresa la presenza di rifugi;
f. assicurare che l’ambiente nei terracquari offra condizioni di umidità e ventilazione idonee alle esigenze delle specie ospitate; in particolare, per le specie anfibie, deve essere mantenuta una percentuale di umidità dell’aria conforme a quella dell’ambiente naturale di origine delle specie stesse, per evitarne la disidratazione.
g. assicurare agli animali un numero di ore giornaliere di luce e di buio, che riproduca al meglio possibile il fotoperiodo naturale, e condizioni di temperatura comprese entro
un intervallo simile a quello presente nell’ambiente naturale di origine delle specie;
h. assicurare che le specie sociali siano tenute in gruppi composti di un numero di esemplari adeguato alla specie, e comunque non inferiore a tre esemplari compatibili, nel rispetto della loro etologia;
i. evitare condizioni di sovraffollamento e la convivenza di esemplari appartenenti a specie di cui è nota l’inclinazione a manifestare competizione e/o aggressività interspecifica.
2. l trasgressore è punito con sanzione amministrativa ai sensi del presente Regolamento. Le disposizioni di cui sopra si applicano a decorrere da sei mesi dopo l’entrata in vigore di questo Regolamento.
3. Le disposizioni di cui al comma precedente non si applicano al trasporto e o al ricovero di animali per esigenze sanitarie.

Tutela del benessere degli uccelli d’affezione in cattività

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Tutela del benessere degli uccelli d’affezione in cattività

CAPITOLO III
DETENZIONE E TUTELA/BENESSERE DEGLI ANIMALI

Art. 9
Prescrizioni per la tutela del benessere degli uccelli da affezione, in cattività
1. Ferme restando le prescrizioni generali per la tutela del benessere degli animali d’affezione di cui all’Art. 6, a coloro che detengono in cattività uccelli, a scopo di compagnia oppure per diletto, considerando l’ampia varietà di specie potenzialmente detenibili in cattività, è fatto obbligo in primis di documentarsi sulle esigenze di specie ed è fatto, altresì, obbligo di:
a. assicurare che le voliere abbiano dimensioni tali da consentire agevolmente il volo fra almeno due posatoi;
b. assicurare che le gabbie siano dotate di un numero sufficiente di mangiatoie e di abbeveratoi, al fine di evitare competizioni tra soggetti;
c. garantire la disponibilità di acqua o sabbia per la pulizia del piumaggio e, ove applicabile, cassette nido, o comunque se all’aperto un posatoio munito di riparo, per le specie che lo richiedono;
d. non tenere gli uccelli in condizioni di sovraffollamento;
e. non lasciare permanentemente all’aperto senza adeguata protezione da correnti d’aria, sole, eventuali predatori, o quant’altro posso interferire con il loro benessere, specie esotiche tropicali e/o subtropicali o migratrici;
f. non tenere volatili acquatici stabilmente in spazi privi di stagni o vasche idonee a consentirne la naturale permanenza in acqua;
g. non effettuare interventi sulle ali o sulla coda, che possano determinare una menomazione, se non per ragioni esclusivamente mediche e al fine di salvaguardare la salute dell’animale stesso; nel caso si renda necessaria, l’operazione deve essere effettuata da un medico veterinario che ne attesti per iscritto la motivazione. Tale certificato deve essere conservato a cura del detentore dell’animale e deve seguire l’animale nel caso di cessione dello stesso;
h. non mantenere i volatili legati al trespolo o legati con catenelle o altro, con eccezione degli animali impiegati in attività di falconeria, tenuti da falconieri muniti
di licenza, che, durante i mesi di attività venatoria, possono essere tenuti legati tramite “lunga” all’apposito posatoio.
Il trasgressore è punito con sanzione amministrativa, ai sensi del presente Regolamento. Le disposizioni di cui sopra si applicano a decorrere da sei mesi dopo l’entrata in vigore di questo Regolamento.
2. In ogni caso è fatto obbligo prevedere un arricchimento ambientale in grado di stimolare i comportamenti naturali degli uccelli ed evitare stereotipie ed assicurare agli uccelli la presenza di uno o più compagni, salvo i casi di accertata incompatibilità intra o interspecifica.
3. Le disposizioni di cui sopra non si applicano nel trasporto e o al ricovero di animali per esigenze sanitarie.

Il nuovo numero di telefono da utilizzare per contattare il Funzionario di P.O. Area Lavori Pubblici

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Il nuovo numero di telefono da utilizzare per contattare il Funzionario di P.O. Area Lavori Pubblici

 

Per contattare il Funzionario-P.O. dell’Area Lavori Pubblici Arch. Luisa Arcese, è necessario comporre il numero 0776828623 poichè, a  causa di un problema tecnico, non è più possibile  utilizzare il numero 0776828600.

 

 

Contributi per frequentare i Centri Esivi, al via le domande

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Contributi per frequentare i Centri Esivi, al via le domande

L’Amministrazione Comunale, cogliendo l’occasione del periodo di sospensione delle attività didattiche, al fine di promuovere attività ludico-ricreative e di concorrere allo sviluppo delle potenzialità di relazione, autonomia, creatività nonché per la ripresa della socialità di bambini e ragazzi, in un adeguato contesto ludico e cognitivo, rivolge alle famiglie dei minori residenti sul comune di Sora un contributo destinato al potenziamento dei Centri Estivi che svolgono la loro attività nel territorio sorano.

Il Comune di Sora, in esecuzione della delibera di Giunta Comunale n. 193 del 19.07.2021, in attuazione dell’art. 63 (Misure per favorire le opportunità e per il contrasto alla povertà educativa) del Decreto del Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia del 25 maggio 2021 n.73 “misure urgenti connesse all’emergenza da Covid-19, per l’imprese, il lavoro, la salute e i servizi territoriali”, INVITA le famiglie con minori che frequentano o intendono frequentare un centro estivo attivo nel territorio comunale, a presentare la domanda di contributo economico per l’abbattimento della quota mensile di partecipazione.

Le modalità di richiesta del contributo sono disponibili nell’avviso riportato di seguito unitamente al modello di domanda.

Il termine ultimo di presentazione delle richieste è fissato a venerdì 20 agosto 2021

AVVISO PUBBLICO CENTRI ESTIVI 2021

MODULO RICHIESTA ISCRIZIONE CENTRI ESTIVI 2021

 

 

“Sora in Rosa”, successo per l’edizione “nove e mezzo”

Categories: Comunicati Stampa, Notizie
Commenti disabilitati su “Sora in Rosa”, successo per l’edizione “nove e mezzo”

Bilancio positivo per la kermesse “Sora in Rosa edizione 2021”, resa possibile dalla sinergia nata tra l’Associazione Culturale Iniziativa Donne ed il Comune di Sora.

Emozionante la serata di premiazione del concorso di poesie “Poetando in rosa” decima edizione, tenutasi nella cornice del Museo della Media Valle del Liri venerdì 23 luglio. La giuria, composta da Anna Tomassi in veste di presidentessa, Ilaria Paolisso e Massimiliano Tersigni, ha attribuito riconoscimenti e menzioni. Terzo premio a Paola Ferri, secondo premio a Mario Ferrera, primo premio a Daniela Evangelista. Toccante il ricordo dell’indimenticabile Rodolfo Damiani: a ricevere il premio penna dell’anima, a lui dedicato, Raffaele Sais.

Le opere sono state lette ed interpretate da Giulia di Carlo mentre i commenti da Letizia Morsilli. Nella serata del venerdì spazio alle tre giovani scrittrici Maja Esposito, Ludovica Urbano e Gaia De Gasperis e al teatro con l’omaggio a Dante Alighieri nel settimo centenario della sua morte a cura degli attori del comitato provinciale FITA Frosinone con lo spettacolo teatrale ideato e diretto da Federico Mantova. A presentare le due serate Ilaria Paolisso. (continua)

PIAZZOLLA2021 – 100 anni Astor

Categories: Comunicati Stampa, Notizie
Commenti disabilitati su PIAZZOLLA2021 – 100 anni Astor

PIAZZOLLA2021 – 100 Anni Astor”: questo è il titolo del concerto in programma mercoledì 4 agosto 2021, alle ore 21.15, a Sora, presso il Chiostro di Palazzo Baronio, in Via Napoli.

Il concerto è organizzato dall’Amministrazione Comunale per celebrare i cento anni della nascita di Astor Piazzolla. Sul palcoscenico, musicisti del panorama concertistico internazionale.

Protagonisti della serata saranno: Tania Di Giorgio soprano, Loreto Gismondi violino, Fabio Gemmiti direttore e solista, accompagnati dall’Orchestra “I Solisti Liriensi”.

Astor Piazzolla, musicista e compositore argentino, nacque l’11 marzo del 1921 a Mar del Plata da genitori di origine italiana: il padre, Vicente Piazzolla era figlio di Pantaleone, un pescatore nativo di Trani in Puglia, che emigrò in Argentina dopo il naufragio della sua imbarcazione; la madre, Asunta Manetti era invece nativa di Massa Sassorosso, frazione di Villa Collemandina. Nel 1925 si trasferì con la famiglia a New York dove visse fino a 16 anni. All’età di 8 anni ricevette in regalo dal padre un bandoneon e iniziò a strimpellare da autodidatta, incoraggiato dal padre, appassionato di musica.

Piazzolla è passato alla storia come riformatore del tango argentino. Il suo stile si distingue dalla tradizione poiché attinge al jazz e fa uso del cosiddetto “Conjunto Electronico”. Conosciuto nella sua terra natale come El Gran Astor o El Gato (il Gatto, per la sua abilità e ingegno), è considerato tra i più importanti musicisti di tango della seconda metà del XX secolo.

Piazzolla fu una figura controversa nei confronti degli argentini, sia musicalmente sia politicamente. La sua musica ha ottenuto consensi in Europa e in America del Nord prima che nel suo Paese e la rivoluzione che ha apportato al tango tradizionale lo ha allineato, forse inevitabilmente, a coloro che volevano fare anche altri cambiamenti nella società argentina.

Il Sindaco Roberto De Donatis annuncia che sarà proposto al pubblico un originale programma dedicato al grande compositore argentino: “Ascolteremo alcuni dei brani più noti e amati di una delle figure più innovative della musica di oggi, proposti in un’inedita versione per fisarmonica, voce e orchestra, realizzata sulle partiture originali, a suggellare l’intenzione e lo spirito che sono alla base della musica di Piazzolla: gettare un ponte tra il mondo “popolare” e quello “classico”, tra comunicatività e struttura, tra passione e intelletto”. (continua)

Certificazione verde Covid -Green Pass-cos’è e come richiederla

Categories: Notizie
Commenti disabilitati su Certificazione verde Covid -Green Pass-cos’è e come richiederla

È una Certificazione in formato digitale e stampabile, emessa dalla piattaforma nazionale del Ministero della Salute, che contiene un QR Code per verificarne autenticità e validità

La Certificazione verde COVID-19 è richiesta in Italia per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”.

Dal 6 agosto servirà, inoltre, per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici.

Dal 1 luglio la Certificazione verde COVID-19 è valida come EU digital COVID certificate e rende più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen.

Per ulteriori info è possibile collegarsi al sito del Governo al seguente link

(fonte governo.it)