Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora

Biblioteca

La sede della Biblioteca Comunale è  in Piazza San Francesco, snc  03039 Sora (FR)

Telefono: 0776828301 – 0776828307 – 0776828314 – 0776828315

e-mail: biblio.sora@comune.sora.fr.it

E’ possibile consultare il link del catalogo on line della biblioteca comunale che permette di effettuare ricerche all’interno del patrimonio documentario della biblioteca.

 

Letture consigliate venerdì 12 luglio 2019

 

Maurizio De Giovanni

“Il purgatorio dell’angelo”

È maggio, e la città si risveglia per avviarsi verso la stagione più bella. Eppure il male non si concede pause. Su una lingua di tufo che si allunga nel mare di Posillipo viene trovato il cadavere di un anziano prete. Qualcuno lo ha barbaramente ucciso. È inspiegabile, perché padre Angelo, la vittima, era amato da tutti.

 

 

 

 

 

Gianrico Carofiglio

“Le tre del mattino”

Antonio è un liceale solitario e risentito, suo padre un matematico dal passato brillante; i rapporti fra i due non sono mai stati facili. Un pomeriggio di giugno dei primi anni Ottanta atterrano a Marsiglia, dove una serie di circostanze inattese li costringerà a trascorrere insieme due giorni e due notti senza sonno.

 

 

 

 

 

 

Antonio Manzini

“Pista nera”

Semisepolto in mezzo a una pista sciistica sopra Champoluc, in Val d’Aosta, viene rinvenuto un cadavere. Sul corpo è passato un cingolato in uso per spianare la neve, smembrandolo e rendendolo irriconoscibile. Poche tracce lì intorno per il vicequestore Rocco Schiavone da poco trasferito ad Aosta: briciole di tabacco, lembi di indumenti, resti organici di varia pezzatura e un macabro segno che non si è trattato di un incidente ma di un delitto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Wilhelm Genazino

“Il collaudatore di scarpe”

Un quarantenne senza qualità che sembra aver raggiunto quello stato per una naturale disposizione è stato appena lasciato dalla donna con cui viveva, accusato di incapacità di progettare il futuro…

 

 

 

 

 

 

Simonetta Agnello Hornby

“La monaca”

Messina, 15 agosto 1839. In casa del maresciallo Peppino Padellani di Opiri, fervono i preparativi per la festa dell’Assunzione della Vergine. È l’ultimo giorno sereno nella vita di Agata, innamorata del ricco Giacomo Lepre e da lui ricambiata.

 

 

Letture consigliate giovedì 11 luglio 2019

 

 

 

Miguel de Cervantes

“La gitanilla”

La Gitanilla , la prima e forse più famosa delle “Novelas ejemplares”, pubblicate nel 1613, è la storia di Preciosa, una zingara d’adozione, e del suo travagliato amore per il rampollo di una nobile famiglia. Una trovata che permette a Cervantes di mettere in scena, contemporaneamente, l’universo patrizio e quello gitano, la cultura nomade e quella ufficiale…

 

 

 

 

 

 

Benito Perez Galdos

“Tristana”

Tristana è un romanzo dello scrittore spagnolo Benito Pérez Galdós, pubblicato nel 1892. Criticata negativamente e subito relegata fra le opere “minori” del popolare scrittore, per lungo tempo l’opera non ha goduto di particolare considerazione da parte del pubblico e degli esperti, ma…

 

 

 

 

 

 

Armando Palacio Valdes

“Santa Rogelia”

L’azione di questo romanzo s’impernia tutta sulla figura della protagonista:donna forte e buona, di sani principi, che a quindici anni ha già formato il suo carattere serio e onesto, con le fatiche che hanno irrobustito il suo corpo, senza toglierle la superba bellezza…

 

 

 

 

 

Gabriel Garcìa Marquez

“Nessuno scrive al colonnello”

Considerata per ritmo e misura, per densità e asciuttezza di stile, la prosa più riuscita del giovane García Márquez, “Nessuno scrive al colonnello” costituisce un prezioso tassello di quel ciclo di Macondo che troverà la sua grande sintesi in Cent’anni di solitudine . Il vecchio militare in attesa di una pensione che non arriva mai, e che sacrifica perfino i magri pasti per allevare un gallo da combattimento da cui si aspetta soddisfazioni e guadagni, appartiene a quella galleria di indimenticabili ritratti di cui è ricco l’universo di Macondo. La sua eroicità semplice e solenne, la sua profonda, dolente verità umana ne fanno uno tra i personaggi più riusciti…

 

 

 

 

 

Julio Cortazar

“Storie di cronopios e di famas”

I “cronopios” e i “famas, due genìe d’esseri che incarnano due opposte e complementari possibilità dell’essere ,sono la creazione più felice e assoluta di Cortazar. I cropios sono la poesia, l’intuizione, il capovolgimento delle norme. I famas sono l’ordine, la razionalità , l’efficienza. Cronopios e famas possono essere definiti solo dall’insieme dei loro comportamenti…

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 9 luglio

 

Philip K. Dick

“Lo stravagante mondo di Mr Fergesson”

Il libro disegna in modo lucido la spietata realtà di un’America in fase di cambiamento, che fagocita la vita degli uomini, condizionandone i comportamenti e segnandone le esistenze, senza offrire possibilità di  redenzione.

 

 

 

 

 

Patricia Highsmith

“Il sepolto vivo” 

 

Sei anni dopo gli eventi narrati in Il talento di mister Ripley, Tom Ripley, ormai trentenne, vive una vita agiata, grazie alla rendita ereditata da Dickie Greenleaf e ad occasionali collaborazioni con un contrabbandiere internazionale , abitando in una grande villa, “Belle Ombre”, nella campagna francese. Vive in compagnia della moglie francese, Héloïse Plisson, che però in quel periodo è in vacanza in Grecia.

 

 

 

 

Daniel Silva

“La spia improbabile”

Storia di spionaggio, “La spia improbabile” è una sorta di classico nel genere “cosa sarebbe successo se…”: siamo infatti nel 1944, gli alleati preparano lo sbarco in Normandia e l’M15 è impegnato a confondere il nemico quando scopre che i servizi segreti nazisti hanno riattivato una loro spia. E’ una donna, e la sua arma principale è la seduzione.

 

 

 

 

 

 

 

Asimov

“Il sole nudo”

Dopo «Abissi d’acciaio», nel «Sole nudo» tornano il detective “umano” Lije Baley e quello “positronico” R. Daneel Olivaw. Questa volta essi sono alle prese con il primo delitto mai avvenuto sul pianeta Solaria, un mondo considerato perfetto dove convivono uomini e robot. Il terribile dubbio è che l’assassino possa non essere un uomo di carne e sangue ma di metallo…

 

 

 

 

 

 

 

Paul Auster,

“Ho pensato che mio padre fosse Dio”

Nel 1999 Paul Auster, incaricato di condurre un programma radiofonico a diffusione nazionale, chiese agli ascoltatori di collaborare inviandogli storie rigorosamente vere che avessero al centro un fatto, un evento, una situazione misteriosi e difficili da spiegare secondo la logica.

 

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 4 luglio 2019

 

 

Ben Pastor

“I misteri di Praga”

Praga, impero austro-ungarico, inizio giugno 1914. Solomon Meisl è un medico ebreo che esercita a Josefstadt, il cuore storico, magico ed esoterico della città. Tenace, intuitivo, paziente, il dottor Meisl affianca alla sua professione quella di detective privato. Così, un giorno d’estate, ecco bussare alla porta del suo studio Karel Heida, un giovane ufficiale dei Lancieri incaricato di fare luce sull’omicidio di una principessa russa.

 

 

 

 

 

 

Walter Mosley

“Volevo uccidere Johnny Fry”

Nella vita di Cordell Carmel non succede mai niente. Nero, di mezza età, traduttore mediocre di testi che non legge quasi nessuno, da otto anni è il compagno di una donna che non sa neppure se ama o no. Un giorno la scopre mentre fa sesso con un amico comune, Johnny Fry, e la sua vita cambia di colpo.

 

 

 

Glenn Cooper

I custodi della biblioteca.

 

Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio… Il silenzio in cui si sono suicidati gli scrivani di Vectis. Dopo aver compilato la sterminata Biblioteca che riporta il giorno di nascita e di morte di ogni uomo vissuto dall’VIII secolo in poi, la loro eredità è una data: il 9 febbraio 2027.

 

 

 

 

 

Audrey Niffengger

“La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo”

Clare incontra Henry per la prima volta quando ha sei anni e lui le appare come un adulto trentaseienne nel prato di casa. Lo incontra di nuovo quando lei ha vent’anni e lui ventotto. Sembra impossibile, ma è proprio così. Perché Henry DeTamble è il primo uomo affetto da cronoalterazione, uno strano disturbo per cui, a trentasei anni, comincia a viaggiare nel tempo.

 

 

 

 

Steven Pressfield

“Io Alessandro”

Le avventure di Alessandro il Grande superano la fantasia di qualunque romanziere. Re di Macedonia a vent’anni, dopo la morte del padre Filippo, ucciso in una congiura, diventa prima il signore della Grecia, poi conquista l’Egitto, sconfigge il re persiano Dario, si impadronisce della Mesopotamia e della Persia, fino ad arrivare all’Indo. A trentadue anni, Alessandro possiede il più grande impero della storia; a trentatre muore a Babilonia, senza rivedere la madrepatria.

 

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 3 luglio 2019

 

Daniel Steel

“Il fantasma”

Una promozione richiama a New York l’architetto Charles Waterstone, che lascia Londra oppresso dalla malinconia per la fine del suo matrimonio. Ma un’imprevista, e magica, vacanza nel New England gli cambierà la vita. Nel castello che prende in affitto aleggia infatti il fantasma di una donna temeraria e passionale che, a distanza di due secoli, può ancora infondere speranza e coraggio a chi è disposto ad ascoltarla.

 

 

 

 

Penelope Douglas

“Mai per amore-Da quando ci sei tu-La mia meravigliosa rivincita”

I tre romanzi di Penelope Douglas qui raccolti raccontano storie in cui l’amicizia vince il dolore e l’attrazione vince ogni resistenza della ragione. In «Mai per amore» e «Da quando ci sei tu» vediamo crescere il legame tra Jared e Tate. Un tempo erano grandi amici, ma dopo aver trascorso un’estate lontani, Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nazim Hikmet

“Poesie d’amore”

Partecipe in eguale misura dell’estrema dolcezza orientale e di una certa crudezza di ritmi di tipo occidentale, in queste “Poesie d’amore” Hikmet mostra le due facce della sua natura, lirica ed epica, saldate in un risultato unico. Versi immortali, che riassumono nell’elemento erotico i diversi aspetti dell’attività e dell’esperienza dell’autore, poeta d’amore perché prima di tutto poeta di battaglie e di idee.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sveva Casati Modignani

“Festa di famiglia”

Era l’inizio di dicembre. Pia Mantovani, proprietaria di un ristorante in piazza Novelli, a Milano, alzò lo sguardo dal fondo della sala, dove stava intrattenendo una coppia di clienti seduti a un tavolo, e vide entrare quattro giovani donne che ogni settimana, il giovedì sera, cenavano da lei.

 

 

 

 

 

 

 

Federica Bosco

“Ci vediamo un giorni di questi”

A volte per far nascere un’amicizia senza fine basta un biscotto condiviso nel cortile della scuola. Così è stato per Ludovica e Caterina, che da quel giorno sono diventate come sorelle. Sorelle che non potrebbero essere più diverse l’una dall’altra. Caterina è un vulcano di energia, non conosce cosa sia la paura.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 2 luglio 2019

 

Raffaele Morelli

“La saggezza dell’anima”

Ogni nostro disagio non è altro che la voce inascoltate dell’anima che vuole farci ritrovare la nostra unicità, il nostro destino. Allora quando arrivano l’attacco di panico, la depressione, i disturbi psicosomatici dobbiamo soltanto chiederci: quale strato profondo di me vogliono portare alla luce?

 

 

 

 

Bruno Vespa

“1989 – 2000. Dieci anni che hanno sconvolto l’Italia”

Vespa ripercorre avvenimenti distanti fra di loro, ma in realtà intrecciati gli uni agli altri: dalla crisi della Prima Repubblica al ruolo decisivo svolto dal primo papa polacco della cristianità.

Sono stati dieci anni che hanno sconvolto l’Italia, svelando inediti retroscena e dando voce a protagonisti e testimoni di questo secolo.

 

 

 

 

Gabriele Baldini

“Manualetto shakespeariano”

Si propone di offrire una esposizione dei problemi essenziali da riferire alla biografia, all’iconografia, all’autenticità degli scritti , agli apocrifi e alla trasmissione e critica del testo di William Shakespeare, vale a dire di tutto ciò che riguarda i fatti documentabili di Shakespeare.

 

 

 

 

 

 

David Foster Wallace

“Questa è l’acqua”

I sei racconti di “Questa è l’acqua”, scritti tra il 1984 e il 2005 , offrono uno sguardo di insieme sulla straordinaria avventura artistica di Vallace, e una summa delle sue tematiche e dei diversi stili con cui le ha affrontate ed esaltate.

 

 

 

 

 

Loredana Lipperini

“Non è un paese per  vecchie”

Un altro libro sul femminile e sulla discriminazione: di genere e anagrafica. Lo sguardo si sposta su un mondo che non accetta l’invecchiamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 24 giugno 2019

Giorgio Soavi

“Guardando: i quadri dei pittori contemporanei”

Il testo raccoglie una vasta scelta dei suoi racconti o brevi romanzi sui pittori, ben lontani dal tono della critica d’arte, una disciplina che non è certo la sua prediletta. Per cui ne scrive con ironia o tenerezza, ma anche sfiorando quei lati misteriosi, surreali nei quali si imbatte quando cerca di capire come sono quegli uomini che fanno i pittori.

 

 

 

 

 

Stefano Zucchi

“La pittura moderna”

 Il volume ripercorre i momenti esaltantidi questa affascinante avventura umana che dalla fine del Settecentogiunge a lambirei nostri giorni attraverso le opere più significative dii cento grandi maestri europei e americani, quali Goya, Manet, Klimt,Picasso,Chagall, Mirò….

 

 

 

A cura di Stefano Zucchi

“Il ritratto”

 Il testo ripercorre in modo chiaro e appassionante la storia del ritratto nella pittura , e si apre a temi particolari, dall’effige del potente all’autoritratto, presentandone i significati simbolici, le soluzioni creative, l’originalità dei maestri.

 

 

 

 

David Hockney

“Il segreto svelato”

Il più grande pittore figurativo contemporaneo si confronta con le tecniche degli artisti del passato e scopre ciò che nessun critico ha mai osato ammettere.

 

 

 

 

 

Omar Calabrese

“Il modello italiano: le forme della creatività”

Il libro è frutto delle riflessioni di numerosi specialisti dei diversi campi delle arti e delle scienze applicate, nonché dell’elaborazione di un piccolo ma illustre Comitato scientifico e…

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 21 giugno 2019

Leonardo Da Vinci

“Capolavori in mostra”

La Sala Leonardo della Biblioteca Reale di Torino ospita in mostra alcuni dei più noti e affascinanti capolavori di Leonardo da Vinci. L’indiscusso protagonista dell’esposizione è L’Autoritratto di Leonardo, realizzato a sanguigna negli ultimi anni di vita dell’artista toscano. Il maestoso volto, in cui risaltano gli occhi, dall’intenso e magnetico sguardo, è attorniato da altri disegni di grande impatto emotivo. Tra essi il Ritratto di fanciulla, uno degli esiti più alti e suggestivi della ritrattistica leonardesca, riconducibile al volto dell’angelo nel dipinto della Vergine delle Rocce conservato al Louvre.

 

 

 

 

Renato DeFusco

“Storia del Design”

Dalla Rivoluzione industriale a oggi, una storia completa del design. Uno dei più grandi fenomeni culturali e socio-economici dell’età contemporanea, visto nei suoi aspetti più specifici: la progettazione, la produzione, il consumo e la vendita. Un nuovo inserto illustrativo completa la nuova edizione del volume.

 

 

 

Bruno Munari

“Da cosa nasce cosa”

La conoscenza del metodo progettuale, del come si fa a fare o a conoscere le cose, è un valore liberatorio: è un ‘fai da te’ te stesso.» Tra i grandi libri di Munari, questo è quello che forse maggiormente rende felici i lettori per la leggerezza incantata con cui li porta a scoprire che saper progettare non è dote esclusiva e innata di pochi. C’è in ognuno di noi una creatività che Munari in queste pagine aiuta a sviluppare e a mettere in luce.

 

 

 

 

Munari

“Design e comunicazione visiva”

Che cosa è la grafica? Chi sono i designer? Come funziona la loro logica creativa? Quale uso fanno delle tecniche e dei materiali? Un maestro del design italiano ha scritto il più divertente manuale per comprenderne i principi, le leggi e le possibili realizzazioni. Bruno Munari (Milano, 1907-1998), pittore, designer e sperimentazione di nuove forme d’arte, ha segnato una svolta fondamentale nella storia del design in Italia e nel mondo.

 

 

 

 

Mirella Marchione

“Il figlio del farmacista”

A volte un caso diventa un pensiero fisso, un’ossessione che occupa la mente come un ingombrante mazzo di chiavi nelle tasche, qualcosa che devi portarti dietro per forza ma di cui ti sbarazzeresti volentieri. Sono le storie che turbano le persone semplici, come Antonio Benciveglia, poliziotto per vocazione e uomo votato unicamente alla famiglia e al suo capo, il commissario Maria Laura Serralta. Insieme, i due si trovano a indagare sulla morte di Francesco Bianchi, il figlio della farmacista del paese, ritrovato nel letto della fidanzata con un foro di proiettile nella nuca.

 

 

 

 

Letture consigliate giovedì 20 giugno 2019

 

Patrizia Mello

“Design contemporaneo”

Il volume di Patrizia Mello intende fare il punto sull’evoluzione del design negli ultimi decenni, valutandone i nuovi orizzonti di sviluppo. Al centro della riflessione gli stimoli introdotti in molti campi del vivere quotidiano dalle nuove tecnologie, che stanno rivoluzionando l’ambiente domestico. Il testo, illustrato con gli oggetti, gli ambienti, ma anche con disegni e computer rendering delle ricerche più recenti, offre una lettura del tutto inedita della contemporaneità e delle mutazioni che interessano il nostro vivere quotidiano.

 

 

 

 

Gillo Dorfles

“Introduzione al disegno industriale”

Si parla con sempre maggior interesse delle questioni relative alla produzione industriale, alla sua progettazione, al significato e al valore d’intervento culturale ed estetico in questi settori. Speciale interesse ciò assume se si considera che quella produzione investe ogni aspetto della vita sociale odierna e che, di conseguenza, ogni intervento in essa assume un’eco e una diffusione eccezionali. Meno chiari, nel dibattito recente, sono i punti di riferimento da cui iniziative ed esperienze muovono. Questo libro, che è da tempo un testo canonico, in modo piano ma nel rispetto della problematicità di ognuno, cerca di trovare tali punti, di coordinarli e di valutarne premesse, significati e conseguenze.

 

 

 

Arthur C. Danto

“Andy Warhol”

A distanza di vent’anni dalla morte, Andy Warhol rimane l’artista più popolare del nostro tempo, forse l’unico il cui nome, volto e stile sono riconoscibili anche da chi non sa nulla di arte. In questo saggio equilibrato e penetrante, all’incrocio tra biografia, critica culturale ed estetica, Arthur C. Danto dimostra come Warhol abbia ridefinito radicalmente la questione dell’arte, obbligando con le sue celebri Brillo Boxes e lattine Campbell a chiedersi qual è la differenza tra due cose esattamente uguali, una delle quali è arte e l’altra no.

 

 

 

 

Karl Mang

“Storia del mobile moderno”

Quest’opera, strutturata in sei capitoli, descrive la storia e gli stili del mobile, i danni e le patologie del legno, i materiali e gli attrezzi necessari per gli interventi di restauro ed i relativi aspetti tecnici. Il libro si conclude con un compendio di casi pratici che sviluppano passo-passo quei progetti di restauro più utili secondo il grado di difficoltà del procedimento.

 

 

 

 

Daniel James

“Storia della moda”

Questo volume ripercorre la storia della moda come una fondamentale espressione, vivace e dinamica, della cultura e della società moderna e contemporanea. La diffusione e le metarmorfosi degli stili vengono analizzate di decennio in decennio, non solo dal punto di vista estetico, ma anche nei rapporti della moda con le diverse arti (visive, applicate e performative), i molteplici intrecci con la cultura popolare, il ruolo decisivo dei nuovi materiali e della tecnologia e la progressiva globalizzazione dei gusti e delle tendenze …

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 19 giugno 2019

 

Clive Cussler

“Naufragio”

Quando lo yacht “Ethernet” lancia una richiesta di soccorso al largo delle coste sudafricane, il primo ad accorrere è Kurt Austin, il capo dei progetti speciali della NUMA. La tempesta però è troppo violenta e lo scafo si inabissa, trascinando con sé l’equipaggio: il magnate delle telecomunicazioni Brian Westgate, sua moglie Sienna, genio informatico e vecchio amore di Kurt, e i due figli della coppia. Una tragedia, dicono tutti.

 

 

 

 

 

Greg Dawson

“La pianista bambina”

Per cinquant’anni della sua vita, il 25 dicembre Greg ha festeggiato con la famiglia il Natale e il compleanno di sua madre. E neppure un giorno, per mezzo secolo, ha sospettato quale enorme segreto potesse nascondersi dietro le candeline soffiate, i regali e gli addobbi. Un segreto che sua madre, a più di ottant’anni, decide di svelare. Ed è così, all’improvviso, che la storia, la Grande Storia, entra nella vita di Greg…

 

 

 

 

Cristina Caboni

“La stanza della tessitrice”

Bellagio è il luogo dove Camilla si è rifugiata per iniziare una nuova vita. Solo qui è libera di realizzare i suoi abiti capaci di infondere coraggio, creazioni che sono ben più di qualcosa da indossare e mostrare. Ma ora è costretta ad abbandonare tutto perché Marianne, la donna che l’ha cresciuta come una madre, ha bisogno del suo sostegno. È lei a mostrarle il contenuto di un antico baule, un abito che nasconde un segreto…

 

 

 

 

Wulf Dorn

“La psichiatra”

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna…

 

 

 

 

Jeffery Deaver

“Il valzer dell’impiccato”

Un nuovo serial killer, il Compositore. Uno scenario inedito, Napoli. L’ultimo emozionante caso di Lincoln Rhyme e Amelia Sachs. Un uomo viene prelevato con la forza a pochi isolati da Central Park e caricato su un’automobile. Unica testimone una bambina, unico indizio un cappio abbandonato sul marciapiede, realizzato con una corda per strumenti musicali.

 

 

Letture consigliate martedì 18 giugno 2019

 

 

 

 

Franco Purini

“Le opere, gli scritti, la critica”

Nato nel 1941, Franco Purini inizia nel 1966 la sua collaborazione con Laura Thermes con la quale riceve importanti riconoscimenti per i progetti della sede della Facoltà di economia e commercio e Magistero di Verona, della riconversione delle scuderie della villa medicea di Poggio a Caiano e della sistemazione dell’area dello Spreebogen a Berlino. Tra le opere più interessanti realizzate dallo studio Purini-Thermes sono le tre piazze a casa Pirello a Nuova Ghibellina, la cappella di Sant’Antonio da Padova e il padiglione fermata dell’autobus a Poggioreale in Sicilia.

 

 

 

 

Carlo Pedretti

“Leonardo architetto”

L’opera in un maestro: pittore, scultore, ingegnere, musicista, matematico e inventore. Il maggiore artista e pensatore del Rinascimento il cui genio multiforme abbracciò, con numerosi campi dell’attività umana, anche l’architettura. Il disegno della città, la ricerca sulla pianta centrale, gli studi sulle opere di carattere militare e idraulico testimoniano il suo interesse e la sua naturale tensione verso le discipline complesse.

 

 

 

 

Toyo Ito

“Le opere i progetti gli scritti”

All’origine delle opere di Toyo Ito vi è il tentativo di liberare l’architettura dalla gravità e la denuncia dei conflitti che scandiscono la convivenza della forma con la pesantezza. Seguendo questo indirizzo di ricerca, gli impianti dei suoi progetti hanno assunto configurazioni sinuose, mentre i rivestimenti tendono a prediligere curve complesse e avvolgenti.

 

 

 

 

 

Winfried Nerdinger

“Walter Gropius”

Walter Gropius ha lasciato una forte impronta nell’architettura del Novecento. Fondatore del Bauhaus e strenuo difensore del Neues Bauen, egli è divenuto una figura mitica dell’architettura e del design moderni, meritandosi in egual misura, sin dagli anni Venti, tanto ammirazione quanto avversione. Questo studio è dedicato all’opera di Walter Gropius, documentata da un vasto patrimonio di disegni, progetti e fotografie; i fondi più cospicui sono stati donati da Gropius al Busch-Reisinger Museum della Harvard University e al Bauhaus-Archiv di Berlino.

 

 

 

 

Massimo Carmassi

“Recupero conservazione riuso”

Nell’ambito del notabile complesso del mattatoio, realizzato da Gioacchino Ersoch nel 1889-91 nel quartiere romano del Testaccio, lo studio Carmassi ha lavorato al restauro del padiglione più importante, la “Pelanda dei suini”.Nell’ambito del notabile complesso del mattatoio, realizzato da Gioacchino Ersoch nel 1889-91 nel quartiere romano del Testaccio, lo studio Carmassi ha lavorato, dal 2001, al restauro del padiglione più importante, noto con il nome di “Pelanda dei suini”, e di alcune costruzioni ad esso collegate quali, tra le altre, una galleria per la concia delle pelli e un edificio contenente grandi serbatoi idrici.

 

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 12 giugno 2019

 

Sarah McCoy

“La figlia dei ricordi”

 Garmisch, Germania, inverno 1944. È un anello di fidanzamento, quello che un ufficiale nazista ha appena messo al dito della giovane Elsie. Un anello che potrebbe cancellare l’amaro sapore della guerra, regalando a lei e alla sua famiglia il sogno di una vita in cui l’aria profuma di biscotti allo zenzero e di serenità. Invece, d’un tratto, Elsie si ritrova a guardare negli occhi la realtà: un bambino ebreo si presenta alla sua porta e la implora di salvarlo, di nasconderlo. E lei lo aiuta.. .

 

 

 

 

Goran Tunstrom

“Il ladro della bibbia”

È la storia di una totalizzante, travolgente passione intellettuale che dalla periferia dell’amata Sunne di fine anni Cinquanta, porta alla corte gotica della Ravenna del V secolo. Fortuitamente capitato in casa di un vecchio professore, Johan capisce che sono i libri che potranno slavare lui e l’amata cugina Hedvig. Uno in particolare, l’antichissima Bibbia Gotica di Uppsala, uno dei libri più preziosi al mondo. Per potersene impossessare però dovrà diventare un esperto mondiale di gotico.

 

 

 

 

Peter Manseau

“Ballata per la figlia del macellaio”

 

Itsik Malpesh ha molte patrie: tante quante i nomi che gli hanno fatto voltare il capo, Isaac, o farlo diventare rosso dalla rabbia, Piscia di scimmia. Perché Itsik ha vissuto più di una vita e tutte, da una parte e dall’altra dell’Oceano, hanno avuto due soli grandi amori: le parole e Sasha, la figlia del macellaio. La prima vita è quella a Kishinev, in Moldavia, iniziata in piena sommossa anti-ebraica e protetta contro la cattiveria dal pugno di una bimba: sarà l’esistenza delle ore interminabili trascorse a spalare escrementi d’oca nella fabbrica di piumini dove il padre, buonanima, è direttore, e la stessa dove agli insegnamenti della scuola religiosa sorta in un ex mattatatoio si sostituiranno presto laiche pagine romanzesche, strappate e passate sottobanco dal primo indimenticato maestro, Chaim Glatt.

 

 

 

Yvette Manessis Corporon

“Dove sussura il mare”

 L’amore sembra aver bussato di nuovo alla sua porta, dopo il grande dolore che l’ha segnata: sta infatti per risposarsi con Stephen, un uomo d’affari che le dà sicurezza e tranquillità. Le nozze si celebreranno a Erikoussa, un’isoletta vicino a Corfù, dove da piccola trascorreva le vacanze insieme alla nonna, la sua Yia-yia. È lei che le ha insegnato a conoscere la natura di quella terra, i suoi antichi miti, le sue leggendarie tradizioni.

 

 

 

 

Jamie McGuire

“Uno splendido sbaglio”

 “Quando un Maddox si innamora è per sempre”. Agli occhi di tutti Cami è forte e indipendente. Al secondo anno alla Eastern University, vive sola e si paga gli studi facendo la barista al Red Door. Ma dietro quell’aria da ragazza determinata e testarda si nascondono tante insicurezze. Perché Cami è dovuta crescere in fretta, circondata dai suoi possessivi fratelli e da un padre che non ha mai approvato nessuna sua scelta. Trent Maddox fa il tatuatore e sa come mettersi nei guai. Se nasce una rissa è stato lui a cominciarla e se c’è un cuore spezzato è quasi sempre colpa sua.

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 11 giugno 2019

 

Stefano Benni

“Elianto”

C’è speranza di riuscire, assieme ai protagonisti, a districarsi tra le mille prove e di attraversare gli infiniti mondi creati dalla fantasia di Stefano Benni?

 

 

 

 

 

 

 

P.D James

“I figli degli uomini”

Nel 2021 per l’umanità sembra non esserci futuro: gli uomini, infatti, hanno smesso di riprodursi. Forse però c’è ancora una speranza, come scopre Theo Faron, storico di Oxford, che vede la sua esistenza tranquilla cambiare radicalmente quando incontra una giovane ribelle che sfida le autorità. Un romanzo insolito e sorprendente da una delle grandi signore del giallo inglese.

 

 

 

 

 

 

Joyce Maynard

“Un giorno come tanti”

“Forse potresti darmi una mano.” La richiesta è pacata, cortese, e ha quasi il tono dell’evidenza. Invece di allarmarsi, Henry si sente quasi fiero che l’uomo si sia rivolto proprio a lui, un ragazzino di tredici anni, fra tanta gente che affolla il grande magazzino. Così, anche se un pantalone dell’uomo è intriso di sangue, lo porta da Adele, sua madre, che sta facendo acquisti qualche scaffale più in là e che accetta senza fare domande la sua richiesta di portarlo a casa con loro. In macchina l’uomo, che si chiama Frank, constata: “Oggi è il mio giorno fortunato.

 

 

 

 

 

Jamie McGuire

“Un disastro perfetto”

Ellie ha appena finito il college quando, a una festa, incrocia lo sguardo magnetico di Tyler Maddox. Quei profondi occhi nocciola la affascinano. Ma si sa che Tyler ha il pugno facile e ama circondarsi di ragazze sempre diverse. In una parola, è il ragazzo sbagliato. Eppure c’è qualcosa di più in lui. Quando sfiora le sue mani, Ellie riconosce un’inaspettata dolcezza. E nel suo caldo abbraccio trova la sicurezza di cui ha bisogno. Un punto di riferimento incrollabile. Solo lui è in grado di leggere nel suo cuore.

 

 

 

 

 

 

Katie McGarry

“Scommessa d’amore”

Beth Risk non è abituata a farsi mettere i piedi in testa da nessuno, ma stavolta non ha scelta: deve tornare a vivere nella sua città natale insieme allo zio Scott, altrimenti lui rivelerà alla polizia il segreto di sua madre.
E se la verità saltasse fuori, la donna finirebbe in prigione. Perciò Beth è costretta a cedere al ricatto, anche se questo significa sacrificare la propria felicità e abbandonare i suoi due migliori amici, Noah e Isaiah. Ryan Stone è una promessa del baseball e un brillante scrittore. La sua “perfetta” famiglia, però, nasconde un segreto, qualcosa che non ha mai rivelato a nessuno, nemmeno al gruppo di amici con cui è solito divertirsi giocando a sfidarsi alle imprese più pazze.

 

 

Letture consigliate venerdì 7 giugno 2019

Margaret Atwood

“L’altra Grace”

Nel 1843 il Canada è sconvolto da un atroce fatto di cronaca nera: l’omicidio del ricco possidente Thomas Kinnear e della sua amante, la governante Nancy Montgomery. Imputata insieme a un altro servo, la sedicenne Grace Marks viene spedita in carcere e, sospettata di insanità mentale, in manicomio. A lungo oggetto dei giudizi contrastanti dell’opinione pubblica – propensa a vedere in lei ora una santa, ora una carnefice -la protagonista di questo romanzo può finalmente raccontare la propria vita al giovane dottore Simon Jordan. Convinto di mettere le proprie conoscenze al servizio della verità sul caso, e al tempo stesso contribuire al progresso della scienza psicologica, Jordan non potrà fare a meno di restare ammaliato da questa personalità complessa e inafferrabile.

 

 

 

 

 

Giusi Marchetta

“Lettori si cresce”

Hanno dodici, quindici, sedici anni. Sono insicuri, confusi, hanno dubbi su tutto. Meno che su una cosa: leggere è noioso, difficile e non rende felici. Leggere, insomma, non serve a niente. I ragazzi fuggono dalla pagina scritta: le storie le trovano in tv, le informazioni su Google, e la bellezza se la cercano addosso. Pensare di poterne fare esperienza attraverso le parole che si trovano nei libri, nei fumetti, nelle riviste, è un’idea che non li sfiora neppure. Verrebbe quasi voglia di arrendersi e lasciarli andare. Oppure no. Dopo aver narrato la scuola nel romanzo “L’iguana non vuole”, Giusi Marchetta mette a frutto la sua esperienza di insegnante e di lettrice appassionata per raccontare agli altri insegnanti, ai genitori e anche ai ragazzi,  che il desiderio di leggere si può trasmettere.

 

 

 

 

Paul Auster

“Mr Vertigo”

Walt Rawley è un ragazzino senza futuro nell’America degli anni ’20. È orfano, vive nelle strade di St. Louis, ma possiede “il dono” e Master Yehudi, un personaggio misterioso, gli promette di insegnargli a volare. L’apprendistato è bizzarro e comprende l’essere seppellito sottoterra per ventiquattr’ore, ma alla fine Walt diventa davvero il “Bambino Prodigio”, star di uno spettacolo ambulante di cui Master Yehudi è il regista nascosto. Il bambino volante attraversa la storia di mezzo secolo americano tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e vite bruciate, finendo per aprire a Chicago negli anni ’30 un locale clandestino destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo.

 

 

 

 

Margaret Atwood

“L’altro inizio”

Sul pianeta Terra è tempo di contare i sopravvissuti al Diluvio Senz’Acqua, il devastante flagello scatenato dall’azione sconsiderata dell’uomo, illuso di poter controllare la propria esistenza abusando della scienza. I pochi umani scampati, accompagnati dai Craker, la specie pacifica, creata in laboratorio, tentano di riprendere la propria vita nel villaggio-rifugio. Ma la convivenza di questi mondi, l’umano e il transgenico, si regge su un equilibrio molto precario, che rischia di spezzarsi sotto il peso di incomprensioni e sospetti reciproci, e delle terribili minacce di morte che continuano a giungere dall’esterno…

 

 

 

 

Philip Roth

“Zuckerman scatenato”

È il 1969 e Nathan Zuckerman ha raggiunto il successo firmando un best-seller che racconta le vicende di Gilbert Carnovsky e, ormai passata la trentina, vorrebbe allontanarsi un po’ dalle scomode luci della ribalta. Sceglie dunque di rompere con gli amici di lunga data, di separarsi dalla virtuosa moglie e, addirittura, di rinnegare il profondo affetto che lo lega al fratello minore. Intanto, i fans lo identificano in tutto con l’eroe del suo libro ed è diventato il bersaglio di ogni sorta di critico letterario. Anzi, siccome gli omicidi Kennedy e l’uccisione di Martin Luther King non sono molto lontani, Zuckerman rischia di scoprire che la parola bersaglio può avere anche un significato non figurato.

 

 

Letture consigliate il 06 giugno 2019

 

Richard Bach

“Via dal nido”

Pochi ingredienti, un angelo, un bambino, un volo in deltaplano mettono in moto le riflessioni dell’autore sul proprio passato, sull’amore, sul dolore, su tutti gli aspetti più importanti dell’esistenza. L’autore incentra la propria narrazione sul distacco e sulla necessità di lasciare il nido, per poter spiccare il volo con cui inizia la propria vita.

 

 

 

 

 

 

Ernest Hemingway

“Vero all’alba”

Scritto tra il 1954 e il 1956 dopo un soggiorno in Kenya e poi abbandonato da Hemingway (che riprese a lavorarci solo prima della morte) “Vero all’alba” è un romanzo autobiografico che narra la storia di un safari in un paese africano. Vent’anni dopo l’esperienza raccontata in “Verdi colline dell’Africa”, Hemingway descrive un paese che trova molto cambiato. Odori e colori del continente nero, descrizioni di caccia grossa e della rivolta dei Kikuyu contro i proprietari terrieri bianchi, si alternano con la storia d’amore che lega il narratore a una ragazza Wakamba.

 

 

 

 

 

Ernest Hemingway

“Addio alle armi”

Composto febbrilmente tra il 1928 e il 1929, “Addio alle armi” è la storia di amore e guerra che Hemingway aveva sempre meditato di scrivere ispirandosi alle sue esperienze del 1918 sul fronte italiano, e in particolare alla ferita riportata a Fossalta e alla passione per l’infermiera Agnes von Kurowsky. I temi della guerra, dell’amore e della morte, che per diversi aspetti sono alla base di tutta l’opera di Hemingway, trovano in questo romanzo uno spazio e un’articolazione particolari.

 

 

 

 

 

 

Paul Auster

“L’invenzione della solitudine”

ll libro si compone di due scritti speculari. Il primo, “Il ritratto di un uomo invisibile”, è una meditazione sulla scomparsa del padre, scritta qualche settimana dopo la sua morte. “Niente è più terribile che trovarsi faccia a faccia con gli oggetti di un morto. Le cose di per sé sono inerti: assumono significato solo in funzione della vita  di chi ne fa uso”, scrive Auster nel passare in rassegna le carte e gli oggetti del padre. Nel secondo “pezzo”, “Il libro della memoria”, l’autore sposta la sua attenzione dalla sua identità di figlio a quella di padre: riflette sulla condizione solitaria dello scrittore e prova a immaginare quella che sarà fatalmente la separazione dal figlio che cresce…

 

 

 

 

Paul Auster

“Nel paese delle ultime cose”

Immaginate un posto dove le persone (la nonna, il droghiere, il vicino di casa) e gli oggetti (le auto, lo spazzolino, la caffettiera, la gomma da cancellare) sono a rischio di estinzione. Una mattina ti alzi e non c’è più il postino o lo schiaccianoci. E non solo il tuo, ma quello di tutti. Qualsiasi rimasuglio diventa allora l’oggetto più prezioso del mondo, soprattutto per i “cacciatori di oggetti”, persone in grado di uccidere per accaparrarsi  un mozzicone di matita. La prima edizione italiana di questo romanzo è stata pubblicata nel 1996 da Guanda.

 

 

 

 

Letture consigliate il 05 giugno 2019

 

Marcello Simoni

“L’Abbazia dei cento delitti”

 Ferrara, 1347. Il cavaliere Maynard de Rocheblanche sta indagando sulla truce morte del monaco Facio di Malaspina, collegata alla ricerca del leggendario “Lapis exilii”. Per far luce sulla vicenda, Maynard deve accedere alla corte estense e guadagnarsi la fiducia del marchese Obizzo, signore di Ferrara. Intanto, nella vicina abbazia di Pomposa, l’abate Andrea assiste impotente alla fuga del suo protetto, il giovane miniaturista Gualtiero de’ Bruni, diretto ad Avignone con la speranza di ritrovare la madre. Ma l’inaspettato dilagare della peste nera sovverte i piani di tutti…

 

 

 

 

Genn Cooper

“La biblioteca dei morti”

Nel dicembre 782 in un’abbazia sull’isola di Vectis (Inghilterra),  il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e inizia a scrivere un’interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante.  Il 12 febbraio 1947, a Londra,  Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Il 10 luglio 1947, a Washington,  Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero…

 

 

 

 

Roberto Saviano

“Zero zero zero”

Da sette anni a questa parte un ragazzo, un uomo, è costretto a vivere sotto scorta. Una vita al buio, per aver avuto il coraggio di fare nomi e cognomi, per aver scoperchiato il vaso di Pandora sul mondo della Camorra. Era il settembre del 2006 quando Roberto Saviano, da poco arrivato in libreria con il suo libro d’esordio, “Gomorra”, finiva nel mirino del Clan dei Casalesi, cominciando una vita da esule in patria. Da quel momento è diventato, suo malgrado, lo scrittore italiano più venduto, nonché il più conosciuto al mondo. Michele Monina, biografo delle rockstar si allontana per una volta dal mondo della musica per scrivere la biografia dello scrittore che, più di ogni altro, ha acceso i riflettori sul mondo del crimine organizzato.

 

 

 

 

Belva Plain

“Il giardino che brucia”

La splendida tenuta di Eleuthera, nell’isola caraibica di San Felice, appartiene da più di trecento anni a una turbolenta famiglia. In questo lussureggiante paradiso, in un intreccio di passioni ardenti, amori clandestini e violenza, si muovono i protagonisti di questo libro.

 

 

Belva Plain

“Il canto delle stelle”

Quando scopre di essere un figlio illegittimo, Adam vede crollare molte certezze, ma insieme sorge in lui una potente voglia di rivalsa. Deciso a trovare un posto per sé nel mondo, il ragazzo parte quindi verso il prospero Ovest portandosi dietro poche ma preziosissime doti: un bel vestito, una buona cultura da autodidatta e tanta determinazione. Grazie a queste trova subito un incarico stimolante: risollevare le sorti di un negozio d’abbigliamento trascurato da troppo tempo.

 

 

 

Letture consigliate il 23 maggio 2019

 

Falcones

“La cattedrale del mare”

Barcellona, XIV secolo. NeI cuore dell’umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza. Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana, Arnau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt’oggi incarna lo spirito di Barcellona, all’epoca in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto e mercanti e banchieri in ascesa, sempre più influenti nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie per il controllo dei mari…

 

 

 

Falcones

“La mano di Fatima”

Nei villaggi delle Alpujarras è esploso il grido della ribellione. Stanchi di ingiustizie e umiliazioni, i moriscos si battono contro i cristiani che li hanno costretti alla conversione. È il 1568. Tra i rivoltosi musulmani spicca un ragazzo di quattordici anni dagli occhi incredibilmente azzurri. Il suo nome è Hernando. Nato da un vile atto di brutalità – la madre morisca fu stuprata da un prete cristiano -, il giovane dal sangue misto subisce il rifiuto della sua gente. La rivolta è la sua occasione di riscatto: grazie alla sua generosità e al coraggio, conquista la stima di compagni più o meno potenti. Ma c’è anche chi, mosso dall’invidia, trama contro di lui. E quando nell’inferno degli scontri conosce Fatima, una ragazzina dagli immensi occhi neri a mandorla che porta un neonato in braccio, deve fare di tutto per impedire al patrigno di sottrargliela. Inizia così la lunga storia d’amore tra Fatima ed Hernando, un amore ostacolato da mille traversie e scandito da un continuo perdersi e ritrovarsi.

 

 

 

Dolores Redondo

“Il guardiano invisibile”

Amaia Salazar non è una donna qualunque. È una poliziotta esperta e intelligente, che è riuscita a superare l’ostilità dei colleghi uomini fino a guadagnarsi la loro stima. Anche la sua vita privata è ricca e appagante, grazie a un marito che la ama moltissimo. Ma quando una serie di delitti atroci la richiamano nel paese di origine dove vive la sua famiglia e che Amaia era ben felice di avere abbandonato, ogni certezza si sgretola improvvisamente: antiche angosce si risvegliano, segreti che sperava dimenticati e che invece ritornano, come se fossero misteriosamente collegati a quegli omicidi. Per risolvere il caso Amaia è costretta a confrontarsi con il lato buio della sua anima mettendo a rischio la solidità della propria vita, i legami familiari, perfino la certezza del proprio lavoro, e cercare l’assassino lungo i sentieri di antiche leggende, superstizioni inquietanti che parlano di un potere ancestrale e invincibile..

 

 

Falcones

“La regina scalza”

Siviglia, gennaio 1748. Una giovane donna con la pelle nera come l’ebano cammina lungo le strade della città andalusa. Il suo nome è Caridad; si è lasciata alle spalle un passato di schiavitù nella lontana colonia di Cuba, ma il paese sconosciuto in cui si ritrova inaspettatamente libera le appare persino più spaventoso delle catene. Il suo destino sembra ormai segnato quando incrocia i passi di Melchor, un gitano rude ma affascinante. Accolta nel borgo di Triana, dove il ritmo dei martelli nelle fucine dei fabbri fa da sottofondo al cante flamenco e alle sensuali movenze delle danze gitane, Caridad conosce Milagros, la bella nipote di Melchor e tra le due donne nasce un’amicizia profonda…

 

 

 

Susana Fortes

“Quattrocento”

Firenze, aprile 1478. Sono giorni terribili, quelli che seguono il fallimento della congiura ordita dalla famiglia Pazzi contro i Medici. Firenze è assetata di sangue, decisa a punire con la tortura o con la morte chiunque abbia partecipato alla cospirazione. Al sicuro nel suo palazzo, Lorenzo il Magnifico viene a sapere dei cadaveri gettati in Arno, delle decapitazioni, dei linciaggi. È la città intera che vendica l’assassinio di suo fratello Giuliano e che si consegna nelle sue mani, rendendolo potente come non mai. Però Lorenzo non sa che i fili di quella congiura sono stati tirati da personaggi molto più influenti della famiglia Pazzi. E ignora di essere lui stesso un burattino nelle mani della Storia… Firenze, oggi. Sono in pochi a conoscere Pierpaolo Masoni, pittore rinascimentale dallo stile e dall’animo tormentati…

 

Letture consigliate il 21 maggio 2019

 

Alexandre Dumas

“I tre moschettieri”

Il giovane d’Artagnan va a Parigi in cerca di fortuna. Divenuto amico dei moschettieri Porthos, Athos e Aramis, entra con loro al servizio del re. I quattro devono combattere le trame del cardinale Richelieu e della perfida Milady de Winter. Salveranno l’onore della regina che imprudentemente aveva regalato al duca di Buckingham, come pegno d’amore, una collana di diamanti avuta in dono dal marito Luigi XIII. Giustizieranno Milady, che aveva fatto uccidere il duca e una cameriera amata da d’Artagnan. Questi, riconciliatosi col cardinale, verrà promosso luogotenente, Athos si ritirerà in campagna, Porthos si sposerà e Aramis si farà abate.

 

 

 

Victor Hugo

“I miserabili”

Un successo vasto e durevole, dovuto alla straordinaria capacità di Hugo di sintetizzare la sua vocazione poetico-simbolica e quella realistico-sociale, dando così vita a un’opera in cui le vicende dei tanti, indimenticabili personaggi si intrecciano con la storia del popolo di Parigi e la rievocazione dei momenti cruciali della sua epopea, dalla battaglia di Waterloo ai moti insurrezionali del 1832

 

 

 

Moliere

“Tutto il teatro”

Molière, genio teatrale e prolifico commediografo del XVII secolo, con abili interventi sul linguaggio e sulla sceneggiatura, riuscì a creare veri e propri capolavori d’avanguardia. Utilizzando la struttura farsesca più tradizionale, cara anche alla commedia dell’arte, Molière sceglie di rappresentare il ridicolo per esorcizzare il dolore e l’amarezza. La caricatura di stereotipi classici, quali il misantropo o il malato immaginario, rappresentano per il teatro moderno e contemporaneo, ma anche per l’intera produzione letteraria europea da quel momento in poi, un caposaldo di riferimento.

 

 

 

 

Stendhal

“La certosa di Parma”

Nato da una nobile famiglia di fede austriaca e reazionaria, Fabrizio del Dongo fugge di casa per seguire Napoleone e assiste così al disastro di Waterloo. Messo al bando dalla famiglia, si rifugia presso l’affascinante zia Gina Sanseverina a Parma, dove vive mille avventure tra duelli, carceri, fughe rocambolesche e soprattutto amori, per lo più infelici. Summa delle sue esperienze sentimentali, politiche ed estetiche, in questo romanzo modernissimo e profondamente “realista” – Stendhal riassume sia lo spaesamento che la nascente società borghese determina nell’uomo immerso in una realtà politica e sociale in evoluzione, sia la perdita tutta individuale delle illusioni.

 

 

Stendhal

“Il rosso e il nero”

Grande affresco dell’epoca postnapoleonica e al tempo stesso appassionato romanzo d’amore, “Il rosso e il nero”, il capolavoro di Stendhal pubblicato nel 1830, inaugura magistralmente la felice stagione del romanzo ottocentesco. La vicenda di Julien Sorel, giovane di umili natali, intelligente, sensibile, esuberante, ambizioso, che cerca di farsi largo tra la mediocrità imperante nella Francia della Restaurazione sfruttando i favori e poi innamorandosi di due donne, è lo specchio di un tempo difficile, di una realtà ostile, di un potere politico ingiusto, di un inarrestabile svilimento morale, di una inaccettabile tirannia dell’opinione pubblica. Il giudizio di Stendhal sui suoi contemporanei emerge in tal modo severo, definitivo, implacabile, anche laddove il suo coerente e vigoroso realismo si arricchisce di una passionalità spontanea, impetuosa, tipicamente romantica.

 

 

Letture consigliate il 20 maggio 2019

 

Nelle terre della mora incantata.

“L’arte islamica in Portogallo”

Il volume guida il visitatore alla scoperta di cinque secoli di civiltà islamica che segnano profondamente la cultura dell’antico Gharb al Andalus. Da Coimbra all’Algarve, palazzi, moschee cristianizzate, castelli e centri urbani testimoniano lo splendore di un glorioso passato, le cui tracce emergono dalla sottile simbiosi tra le tecniche costruttive islamiche e i programmi decorativi dell’architettura popolare della regione.

 

 

 

L’arte Mudejar

“L’estetica islamica nell’arte cristiana”

L’Arte Mudejar: l’estetica islamica nell’arte cristiana rivela l’affascinante ricchezza di una simbiosi culturale e artistica tipicamente ispanica che diventò un elemento caratterizzante della Spagna cristiana che seguì al dominio arabo. I Mudejares erano i musulmani ai quali fu concesso di restare nei territori riconquistati e gli artisti e artigiani mudejar influenzarono massicciamente l’arte e la cultura dei   cristiani. Le decorazioni di meravigliose chiese costruite in laterizio, monasteri…

 

 

 

 

L’arte mamelucca

“Splendore e magia dei sultani”

L’Arte Mamelucca: splendore e magia dei sultani racconta i quasi tre secoli di stabilità politica ed economica in Egitto conseguita dai sultani mamelucchi grazie alla difesa del territorio dalle minacce di mongoli e crociati. La fioritura intellettuale, scientifica e artistica soprattutto in architettura e nelle arti decorative, si rivela assai prossima ai canoni estetici moderni. Con la sua elegante e vigorosa semplicità testimonia la vitalità dei commerci, la solidità culturale ed il prestigio militare e religioso raggiunto dal sistema mamelucco.

 

 

 

 

 

Christian Jacq

“Il segreto della cattedrale”

I templi antichi e le cattedrali medievali, secondo Christian Jacq, nascondono rivelazioni che vanno ben oltre le religioni e le credenze: le loro pietre racchiudono segreti che ci appartengono, perché interessano l’essenza dello spirito, della nostra vita interiore. Ma chi erano gli uomini che costruivano le cattedrali? Come e perché hanno scolpito il destino di tutti noi? Quale cammino dobbiamo compiere per entrare davvero nel tempio e avere accesso al suo mistero? Essere nella cattedrale, ci insegna Jacq, significa compiere un pellegrinaggio nell’Opera e in essa cercare la verità dell’esistenza. Dal momento in cui il portico ci “inghiotte”, superiamo la frontiera tra visibile e invisibile, fra il mondo manifesto e il mondo delle cause ed entriamo nel mondo del simbolo, dando inizio a un cammino sapienziale.

 

 

 

Letture consigliate il 16 maggio 2019

 

R.Bonelli-C.Bozzoni-V.Franchetti Pardo

“Storia dell’architettura medievale”

Dalla rinascenza carolingia alle grandi creazioni pre-romaniche e romaniche, dalle cattedrali gotiche al Quattrocento fiorentino. Le diverse opere – da quelle più note a quelle spesso ignorate – sono documentate da un ricco apparato illustrativo e analizzate sia sotto il profilo tecnico costruttivo sia in relazione ai contesti di cultura urbana.

 

 

 

 

 

Mario Botta

“Serie di architettura”

Negli anni a venire Botta porta a compimento due importanti sedi museali, che gli valgono il favore internazionale: il già citato MoMA di San Francisco e il MART di Rovereto (1988-2002). Nel primo caso, il gesto forte consiste nel realizzare, in un panorama dominato dalla verticalità d’infiniti grattacieli, una sorta di fortezza ancorata al suolo e sviluppata in orizzontale con un chiarissimo impianto distributivo, che consente di coglierne a prima vista l’organizzazione spaziale…

 

 

 

Marco Biraghi

“Architettura del Novecento”

Il Novecento rappresenta un “luogo” del tempo fondamentale per l’architettura. In questo secolo infatti si sono sviluppate teorie, si sono formate scuole, si sono sperimentate tecniche costruttive, ma soprattutto si sono realizzati edifici in una misura maggiore rispetto a ogni altra epoca del passato: è nel corso del XX secolo che le città sono cresciute in modo imponente.

 

 

 

Corrado Augias

“Modigliani”

Fra storia e leggenda la vita romantica e disperata di Amedeo Modigliani, artista geniale e uomo problematico, narrata da Corrado Augias, che ne ripercorre la vicenda umana e artistica. Dall’esordio nella nativa Livorno agli anni della bohème vissuti fra i più grandi artisti del primo Novecento, una biografia romanzata che traccia un affresco fedele di un periodo irripetibile della cultura europea.

 

 

 

 

“Gli Omayydi: La nascita dell’Arte islamica”

La nascita dell’arte islamica compie un viaggio attraverso i grandi cambiamenti artistici e culturali che nel corso dei secoli VII e VIII diedero vita con grande creatività alla fase formativa dell’arte islamica. Gli Omayyadi attinsero alle culture mediterranee e persiane sviluppando una sintesi originale che assume in sé l’eredità del periodo classico, bizantino e sasanide. L’elegante architettura dei castelli del deserto, gli affreschi, i mosaici e i capolavori d’arte figurativa e decorativa evocano il forte senso di realismo e l’enorme vitalità culturale, artistica e sociale dei grandi centri del Califfato Omayyade.

 

Letture consigliate il 14 maggio 2019

 

Manieri Elia

“Architettura e mentalità dal Classico al Neoclassico”

La storia dell’architettura intesa non solo come ~ riflessione sul passato ma anche come ricerca ~ dei modelli “materiali”. In questo volume i luoghi, i manufatti, le idee di centrale importanza nell’evoluzione dell’architettura dall’antichità classica alla Rivoluzione francese.

 

 

 

Murray

“L’architettura del Rinascimento italiano”

Per facilità di scrittura e ricchezza di illustrazioni, la guida migliore per comprendere e gustare uno dei momenti più alti dell’architettura italiana. Tutti gli architetti, le città e le opere d’arte più importanti e significative del Rinascimento.

 

 

Andrè Chastel

“Architetturae cultura nella Francia del cinquecento”

L’ultimo libro di André Chastel, dedicato all’architettura francese del XVI secolo, offre non solo l’occasione di conoscere un aspetto meno noto di uno storico dell’arte divenuto familiare soprattutto grazie alle sue straordinarie interpretazioni del Rinascimento italiano, ma di ripensare, a due anni dalla morte (18 luglio 1990), alla sua lunga attività di studioso. Dei nove brevi saggi, quattro, insieme all’introduzione, sono estratti da ” Culture et demeures en France au XVI siècle”, raccolta di conferenze e lezioni tenute al Collège de France, dove Chastel insegnò per più di quindici anni.

 

 

 

 

Martine Buysschaert

“Il rinascimento dell’architettura da Brunelleschi a Palladio”

L’architettura italiana del Quattrocento scatena una rivoluzione costruttiva e concettuale che si diffonderà in tutta Europa – Gli architetti del Rinascimento abbandonano l’empirismo medievale e cercano nuovi modelli nell’antico. Una serie di principi generali – simmetria, proporzioni – e complesso di forme – ordini colonne , cupole – diventano le parole del nuovo linguaggio. In meno di due secoli si concentrano le esperienze dei più grandi architetti di ogni tempo: da Brunelleschi a Leon Battista Alberti, da Francesco di Giorgio a Bramante, da Michelangelo a Palladio.-

 

 

 

 

Leonardo Benevolo

“L’architettura nel nuovo millennio”

Se il ciclo dell’architettura moderna può essere consegnato alla storia, la cultura architettonica può smettere di riflettere su se stessa e riflettere piuttosto sullo scenario fisico mondiale. Il nuovo punto di partenza non deve essere un consuntivo delle esperienze passate, ma un giudizio obiettivo sul loro risultato complessivo: il paesaggio concreto, prodotto di tutti gli interventi avvenuti, delle proposte innovative di ogni genere e delle resistenze contrapposte.

 

 

 

 

 

Letture consigliate l’8 maggio 2019

 

a cura di Romaldo Giurgola e Jaimini Mehta, Louis I. Kahn.

Progettare è comporre forme in ordine. La forma emerge da un sistema costruttivo. Crescita è costruzione. Nell’ordine è la forza creativa. Da quello che lo spazio vuole essere l’ignoto può essere rivelato all’architetto. Dall’ordine deriverà la forza creativa e il potere di autocritica per dare forma a questo ignoto. Il Bello evolverà”. E così faranno le creazioni di Louis Kahn, attraverso il tempo, come l’ignoto diventa noto, rivelando la pienezza della sua composizione sinfonica.

 

 

 

 

 

A cura di Gianni Braghieri, Aldo Rossi.

Aldo Rossi ha sviluppato una concezione della città totalmente nuova rispetto all’idea di Le Corbusier, idea che aveva dominato tutto il primo ‘900: Rossi la vedeva come la somma di tutte le epoche, di tutti gli stili architettonici fino ad allora presenti. Non potendo “rompere” totalmente con il passato come facevano gli architetti dell’International Style, egli pertanto si trovava a dover rendere la sua costruzione “organica” all’interno della città. La sua soluzione è stato l’utilizzo degli Archetipi. Questi sono delle forme ricorrenti nella storia dell’architettura, forme che vanno a costituire un vero e proprio richiamo alla cittadina esistente, rendendo il proprio risultato nello stesso tempo innovativo e tradizionale. Molti sono stati gli archetipi utilizzati da Rossi nel corso della sua carriera e la loro bellezza sta nella facile riconoscibilità da parte di tutti, sia dall’esperto che dal ragazzino.

 

 

A cura di Paolo Desideri, Pier Luigi Nervi jr, Giuseppe Positano, Pier Luigi Nervi.

I disegni, i particolari tecnologici e costruttivi, gli elementi strutturali, le immagini e le informazioni sull’impostazione del cantiere e sui sistemi di prefabbricazione utilizzati. Attraverso più di 400 illustrazioni e un testo che analizza i problemi progettuali e le soluzioni adottate da Nervi, gli autori hanno voluto dare un taglio dichiaratamente didattico.

 

 

 

 

 

 

A cura di Salvatore Santuccio, Luigi Moretti.

Luigi Moretti è conosciuto più per le sue polemiche, le sue polemiche, le sue compromissioni, le sue inimicizie, che per la sua effettiva produzione professionale. E’ importante sottoscrivere l’importanza di sue opere prima e dopo la guerra: le Case della gioventù a Piacenza, Trastevere e Trecate, l’Acccademia di Scherma, le case-albergo milanesi e alcune delle più belle palazzine romane degli anni ‘50 e ‘60.

 

 

 

 

Letture consigliate il 07 maggio 2019

 

a cura di Sergio Crotti, Vittorio Gregotti

Il mio consiglio più importante è: quando fate architettura fate il meno rumore possibile. Ciò si ottiene con l’attenzione e la pazienza, senza dimenticare mai che l’architettura è un lavoro. Regola principale per chi si mette a progettare, fare silenzio attorno per essere più attenti, e capaci di vedere piccolo : tra le cose.

 

 

a cura di Bruno Zevi, Frank Lloyd Wright

Questo libro è una guida per le nuove generazioni, ma anche, finalmente, il compendio che è sempre mancato nella mai completa pubblicistica sul genio di Taliesin. Genio eretico, tra i massimi protagonisti della vicenda architettonica di tutti i tempi, Wright ha anticipato e poi oltrepassato i maestri europei de movimento moderno: una lunga e affascinante avventura umana, che si lega strettamente ad una  produzione inesauribile che ha costellato l’America di centinaia di capolavori.

 

 

 

 

 

a cura di H. R. Von der Muhl, Kenzo Tange.

“ La città del XX secolo è un luogo di produzione e di scambio delle informazioni. Ci sono stati grandi mutamenti nella concezione strutturale degli edifici e della stessa città. Oggi è molto più importante progettare non solo strutture funzionali, ma anche simboli che integrino funzioni e rapporti”.

 

 

 

 

 

 

a cura di Silvio Cassarà, Richard Meier.

L’elaborazione che Meier fa della struttura abitativa viene percepita, al suo esordio, come sussulto di un purismo di pura importazione europea e come saggio elegante di composizione architettonica; esempio estremo della complessità e della raffinatezza di interpretazione del rigorismo di matrice lecorbusieriana.

 

 

 

 

 

 

a cura di Willy Boesiger, Le Corbusier.

“A 17 anni ebbi la fortuna di conoscere un committente che senza alcun pregiudizio mi diede l’incarico di costruirgli la casa. Fra i 18 e i 19 costruii una casa con molta cura ed una quantità di dettagli…,indenne dall’architettura di routine del tempo…”

 

 

Letture consigliate il 17 aprile 2019

 

 

Massimo Bignardi

“La pittura contemporanea in Italia meridionale”

Un’indagine storiografica sistematica, frutto di decenni di ricerca e attività critica, propone alle nuove generazioni, una panoramica della pittura degli ultimi cinquant’anni in italia meridionale.

 

 

 

 

 

 

Alessandro Conti

“Manuale di restauro”

Argomento del libro è l’analisi delle varie procedure di restauro a cui vengono sottoposti i dipinti e, più marginalmente, la policromia delle sculture. Il nodo dei problemi che si presentano, di volta in volta, nelle fasi di conservazione e restauro, la corretta conservazione dei materiali originali e il recupero estetico dell’opera.

 

 

 

Elena Capretti

“Brunelleschi”

Filippo Brunelleschi (1377 – 1446) è uno dei padri nobili del Rinascimento. Scultore, teorico e soprattutto architetto, elabora un linguaggio nuovo che rivoluziona il modo stesso di pensare il mestiere dii artista nella Firenze della prima metà del ‘400.

 

 

 

 

 

 

Cristina Caboni

“La stanza della tessitrice”

Gli abiti che Camilla rielaborava e confezionava erano creati sui sogni individuali di chi li indossava, capaci di infondere protezione, coraggio, sicurezza.

 

 

 

 

 

Cristina Caboni

“La rilegatrice di storie perdute”

Un nuovo romanzo sul potere dei libri, grazie ai quali due donne coraggiose, così lontane nel tempo, si incontrano diventando una forza dell’altra, nella ricerca della libertà e di un futura migliore.

 

 

 

Letture consigliate il 16 aprile 2019

 

 

Enrico Parlato e Serena Romano

“Roma e Lazio il Romanico”

Il presente volume abbraccia un arco di tempo di un secolo e mezzo. Tale è il periodo che intercorre tra i due pontificati assunti a limite cronologico dell’opera, quello di Gregorio VII (1073-1085) e quello di Onorio III (1216-1227). A Roma in questi decenni si evidenzia l’emergere di una cultura artistica fortemente ancorata alla tradizione antichizzante – la Renovatio – determinata dalla Riforma ecclesiastica e dal conflitto fra Papato e Impero. Nel Lazio, invece, si configura un…

 

 

 

 

 

Matilde Battistini

“Simboli e Allegorie”

Che cosa dicono le opere d’arte e cosa rappresentano? E’ possibile che al di sotto di quello che vedono i nostri occhi l’artista abbia celato un messaggio nascosto? I pittori hanno attinto dal vastissimo repertorio di simboli del passato immagini e codici rappresentativi di cui spesso si è persa la chiave di lettura. Questi codici fanno parte integrante della struttura dell’opera e senza la loro conoscenza lo spettatore non è in grado di riconoscere quello che le immagini raccontano e il messaggio che vogliono comunicare.

 

 

 

 

Emilio Gentile

“Fascismo di pietra”

Il” fascismo di pietra”è la vistosa e indelebile impronta che il regime di Mussolini ha lasciato per i secoli futuri. Nei monumenti, negli edifici, nelle strade, nelle piazze di antiche città d’Italia, come nelle città nuove fondate dal duce, si è materializzata una concezione dell’uomo, della vita e della politica che pretendeva di essere universale come universale era stata la civiltà romana nel mondo antico.

 

 

 

 

Curcio, M. Manieri Elia

“Architettura e Città: i modelli e la prassi”

Il volume presenta un profilo storico generale dell’architettura italiana, dall’antichità classica al secolo XVIII e tratta, inoltre, alcuni argomenti nodali, molto interessanti nell’ambito dell’approccio relativo alla metodologia e bibliografia…

 

 

 

 

 

 

Mario Rigoni Stern

“L’ultima partita a carte”

Con uno stile intenso e vivo, Mario Rigoni Stern narra la sua esperienza di ragazzo nella Seconda guerra mondiale, dall’arruolamento tra gli alpini, appena diciassettenne, alle campagne di Grecia, Albania e Russia. In ogni pagina la biografia si fonde con la storia collettiva, per poi disperdersi in rivoli di storie individuali, in episodi apparentemente marginali che custodiscono un altro senso della storia. Così per sussulti e frammenti, la storia di un uomo e di un’epoca ci viene incontro. Un libro “esile di pagine ma denso di vita”, un distillato prezioso in cui Rigoni Stern concentra in un modo del tutto nuovo mezzo secolo della sua scrittura.

 

 

 

Letture consigliate il 15 aprile 2019

 

Luca Mozzati

“Arte islamica”

l volume raccoglie mille anni di storia di una civiltà  dalla raffinatissima cultura artistica, che ha dato contributi inestimabili nell’ambito dell’architettura, della ceramica, della calligrafia, della miniatura e della tessitura.

 

 

 

 

Mark Rothko

“Lo spazio e la sua disciplina”

La prima monografia critica in lingua italiana di Mark Rothko (1903 – 1970). Ad essere indagata è soprattutto la preoccupazione costante dell’artista per lo spazio. Il saggio si articola in tre percorsi tematici tra loro interrelati, che si soffermano sulla lettura di alcune opere singole…

 

 

 

 

 

 

Giovanni Agosti

“Su Mantegna”

Premio Viareggio Saggistica 2006. Il contrastante successo nei secoli di Mantegna viene ricostruito attraverso episodi concreti, volti a mettere in luce lo stretto legame fra il pittore e gli scrittori, dai suoi contemporanei ai nostri contemporanei. La ricerca procede tra accumuli eruditi, parentesi didattiche, divagazioni divertite, affondi polemici, mentre ogni epoca scopre un Mantegna diverso e il libro, di pagina in pagina, di nota in nota, si trasforma in un portolano su come si fa la storia dell’arte oggi.

 

 

 

 

Dizionari dell’Arte

“Angeli e demoni”

 

Serafini e cherubini, limbo e paradiso, giusti e dannati, cavalieri dell’Apocalisse, danze macabre, possessione diabolica ed esorcismo: lunga è la lista dei soggetti iconografici che ruotano intorno alla problematica del Giudizio, della salvezza, della dannazione e dell’aldilà, temi chiave e fonte d’ispirazione per gli artisti fin dagli albori del cristianesimo. Il volume è dotato di un vario apparato iconografico: 350 opere d’arte, tra dipinti, affreschi, sculture, codici miniati e incisioni, popolate di creature angeliche e infernali.

 

 

 

Rodin

“I disegni proibiti: la raccolta completa dei capolavori erotici”

Nel 1917, tra il patrimonio di opere dall’artista destinate allo stato, viene individuato un misterioso cartone che l’artista in persona aveva classificato come “Museo Segreto”. Al suo interno 121 fogli, ricoperti di disegni e acquarelli, frutto di una frenesia creativa scandalosamente audace. Questi nudi di donna…

 

 

Letture consigliate l’11 aprile 2019

 

Agatha Christie

“Tre stanze per un delitto”

Dopo l’ennesimo caso risolto, Hercule Poirot ha finalmente deciso di prendersi una vacanza. E visto che viaggiare è molto stancante, quale migliore destinazione di Londra stessa? Così, senza dire nulla a nessuno, ha affittato una camera in una pensione cittadina, deciso a godersi il meritato riposo, al riparo dagli assalti di chi cerca il parere del detective più famoso del mondo. Ma se, per una volta, Poirot non insegue il mistero, è il mistero a inseguire lui.

 

 

 

 

 

Enrico Deaglio

“Patria 1978-2008”

Ma davvero è successo tutto questo? In un libro di novecento pagine, una cavalcata in quel vero romanzo che è stata l’Italia degli ultimi trent’anni. È come guardare un film sulla nostra vita, in cui gli avvenimenti sono raccontati mentre succedono. Si comincia con Aldo Moro nella prigione del popolo, nell’anno che ha cambiato tutto. E poi, l’ascesa della mafia, il rapporto stretto tra crimine e potere, la guerra e i segreti di Cosa Nostra, i morti e i soldi che li hanno accompagnati.

 

 

 

 

 

Nuto Rivelli

“Il prete giusto”

“Il prete giusto” è la storia di un uomo libero, don Raimondo Viale (1907-1984), costretto a una sfida impari e solitaria con gli eventi più aspri del Novecento. Abbandonato dalla Chiesa e malato, ha affidato a Nuto Revelli la memoria della sua vita. Sullo sfondo della campagna povera del cuneese si snodano gli anni duri dell’infanzia, della prima guerra mondiale, le prime ribellioni in seminario, l’impegno nella parrocchia di Borgo San Dalmazzo fino allo scontro con i fascisti, le prediche coraggiose contro la guerra, l’imbarazzo della Chiesa, il confino. Poi, in un crescendo, i grandi drammi collettivi: l’8 settembre, le stragi naziste e fasciste, la persecuzione degli ebrei, fino alla sospensione “a divinis.

 

 

 

 

Paul Ginsborg

“Salviamo l’Italia”

Il 150° anniversario della nazione non dovrebbe essere solo l’occasione per sventolare bandiere tricolori o indulgere nella retorica: richiede invece un ripensamento profondo sulla storia d’Italia e sul contributo del Paese al futuro del mondo moderno. A tal fine si rivisitano le grandi figure del Risorgimento (da Cattaneo a Cavour, da Manin a Pisacane, da Mazzini a Garibaldi) così che le loro riflessioni si mescolano in presa diretta alle nostre. Per “salvare” l’Italia, Paul Ginsborg fa affidamento su alcuni elementi fragili ma costanti presenti nel nostro passato: l’esperienza dell’autogoverno urbano, l’europeismo, le aspirazioni egualitarie e l’ideale della mitezza.

 

 

 

 

 

 

Carlo Levi

“Scritti politici”

Questo volume raccoglie tutti i saggi di carattere politico che Carlo Levi ha scritto negli anni che vanno dal 1922 al 1942. Sono gli anni dell’Italia fascista e dei totalitarismi, la difficile stagione che precede la maturità di uno scrittore che tutti conoscono attraverso il romanzo “Cristo si è fermato a Eboli”. In queste pagine il lettore scoprirà un sorprendente filosofo civile che ha guardato la crisi dell’Italia di provincia, di una classe politica che si spaccia per grande esperta e spesso è solo alla disperata ricerca di un posto al sole. Carlo Levi delinea così i deficit culturali di un paese che si crede moderno e che, invece, mostra tutte le proprie inadeguatezze.

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 10 aprile 2019

 

Bruno Vespa

“Dieci anni che hanno sconvolto l’Italia”

dieci anni è cambiato sulla scena politica italiana tutto quello che non si era mosso dalla fine della guerra in poi. Dai primi successi della protesta autonomista della Lega Nord ai primi arresti eccellenti di Tangentopoli, dall’eclisse di un’intera classe dirigente accusata per il finanziamento illecito della politica, all’incerta transizione guidata da due presidenze decisive come quelle di Cossiga e Scalfaro, dalla vittoria elettorale di Forza Italia alla prima volta di un ex comunista a Palazzo Chigi.

 

 

 

 

 

Rebecca Done

“Una bellissima colpa”

Jessica Hart non ha mai dimenticato Matthew Landley. Dopo tutto, è stato il suo primo amore, quando lei aveva appena quindici anni. Ma lui, trentenne bello e misterioso, aveva la colpa di essere anche il suo professore di matematica. E il loro amore era inesorabilmente finito in tragedia, con una condanna per lui e la macchia dello scandalo per lei. Ora, molti anni dopo, Jessica si è costruita la sua vita e, a quanto pare, lo ha fatto anche Matthew.

 

 

 

 

 

David Baldacci

“Il candidato”

Quel maledetto 26 settembre 1996 bastò un attimo, una frazione di secondo per far morire un uomo e distruggere la vita di un altro. L’agente del Servizio segreto Sean King, addetto alla scorta di un candidato alla presidenza degli Stati Uniti, ha pagato con la carriera quell’istante di distrazione che costò la vita a Clyde Ritter, ucciso da un attentatore durante un incontro con i suoi sostenitori. A otto anni di distanza, Sean King si è riciclato come avvocato di provincia e vive appartato in una casa in mezzo ai boschi della Virginia. Ma l’antico dramma improvvisamente si ripete

 

 

 

 

 

Steve Shagan

“Il cerchio”

Una catena di atroci delitti, primo tra questi l’assassinio, nel 1979, del presidente coreano Park e un susseguirsi di misteriosi eventi all’origine dei quali ci sono la CIA e il generale Chung, fanatico successore di Park, convinto di agire per ispirazione del Buddha… Un caso che scotta per Phil Richer, sostituto procuratore degli Stati Uniti, reduce dal Vietnam. Un cerchio enigmatico in cui sono coinvolti molti personaggi importanti, incluso il presidente americano in persona…

 

 

 

 

 

 

Agatha Christie

“Tre stanze per un delitto”

Dopo l’ennesimo caso risolto, Hercule Poirot ha finalmente deciso di prendersi una vacanza. E visto che viaggiare è molto stancante, quale migliore destinazione di Londra stessa? Così, senza dire nulla a nessuno, ha affittato una camera in una pensione cittadina, deciso a godersi il meritato riposo, al riparo dagli assalti di chi cerca il parere del detective più famoso del mondo. Ma se, per una volta, Poirot non insegue il mistero, è il mistero a inseguire lui.

 

 

 

Letture consigliate il 9 aprile 2019

 

Francesco Recami

Commedia nera n.1

Antonio Maria e Maria Antonietta sono speculari e non solo nel nome. Lei è commissario di polizia, prorompente, insaziabile e poliziotta politicamente scorretta. Lui ha ereditato dal padre il mestiere di sarto, è introverso e sottomesso. Nel tempo il loro rapporto si è deteriorato…

 

 

 

 

 

Daniele Del Giudice

“Lo stadio di Wimbledon”

Il protagonista dello “Stadio di Wimbledon”, – primo romanzo di Del Giudice, è un giovane che si mette sulle tracce di un certo personaggio, amico di Saba e Montale e incontra le persone che lo conobbero, reticenti o evasivi custodi di un mistero. Di lui rimane soltanto un’invincibile fascinazione e nessun libro. Trieste, dove il viaggio comincia per terminare a Londra, riserva sorprese e il silenzio di una vita trascorsa nonostante la letteratura. La ricerca è difficile, attraversa luoghi e persone, donne che vengono dalla poesia come Gerti e Ljuba e uomini della memoria e del sogno.

 

 

 

 

 

Glenn Cooper

“Il debito”

Forse non è il paradiso, ma per Cal Donovan, docente di Storia della religione, è come se lo fosse. Per ringraziarlo del suo ruolo cruciale nel caso del sacerdote con le stigmate, papa Celestino VI ha infatti concesso a Cal un privilegio straordinario: l’accesso illimitato alla Biblioteca Vaticana e all’Archivio Segreto Vaticano; chilometri di scaffali su cui sono conservati centinaia di migliaia tra manoscritti, documenti antichi e reperti inestimabili. E Cal ne approfitta subito per le sue ricerche su un oscuro cardinale italiano vissuto a metà dell’Ottocento, durante i moti rivoluzionari che avevano sconvolto lo Stato Pontificio. Ed è così che s’imbatte in una lettera privata del segretario di Stato dell’epoca, in cui si fa riferimento a un banchiere e alla necessità di trasferirlo in gran segreto fuori Roma.

 

 

 

 

 

Susana Fortes

“Quattrocento”

Firenze, aprile 1478. Sono giorni terribili, quelli che seguono il fallimento della congiura ordita dalla famiglia Pazzi contro i Medici. Firenze è assetata di sangue, decisa a punire con la tortura o con la morte chiunque abbia partecipato alla cospirazione. Al sicuro nel suo palazzo, Lorenzo il Magnifico viene a sapere dei cadaveri gettati in Arno, delle decapitazioni, dei linciaggi. È la città intera che vendica l’assassinio di suo fratello Giuliano e che si consegna nelle sue mani, rendendolo potente come non mai. Però Lorenzo non sa che i fili di quella congiura sono stati tirati da personaggi molto più influenti della famiglia Pazzi. E ignora di essere lui stesso un burattino nelle mani della Storia…

 

 

 

Marcela Serrana

“Quel che c’è nel mio cuore”

 

Camila, cilena di nascita e rifugiata da anni negli Stati Uniti, è una reporter. Ha appena perso il figlio, è disperata, in crisi con il marito e incapace di chiedere l’aiuto della madre perché nutre nei suoi confronti un devastante senso di inferiorità. Malgrado tutto, accetta di fare un reportage in

 

 

 

 

Letture consigliate l’8 aprile 2019

 

 

Il Mobile Impero in Italia. Arredi e Decorazioni d’interni del 1800 al 1843

L’originale metodologia utilizzata nello studio delle arti decorative e la novità dei materiali impiegati, fanno di questo volume un fondamentale punto d’arrivo nella conoscenza di uno dei più importanti periodi della storia del mobile italiano.

 

 

 

 

 

François Boespflug

Le immagini di Dio.

 

Dio, essere unico e quindi irrappresentabile per definizione, ha ispirato tantissime e diverse immagini nel corso dei secoli. Alcune sono risultate effimere, altre hanno avuto un successo duraturo. Molte sono state ritenute legittime, tante altre blasfeme. Tutte queste immagini hanno plasmato nei secoli il nostro immaginario, e però poche di loro continuano a farlo, parecchie sembrano essere cadute nell’oblio.

 

 

  

 

Massimo Bulgarelli-Leon Battista Alberti

“1402-1472 Architettura e storia”

Specifica intenzione del libro è indagare l’uso di forme e modelli architettonici da parte di Leon Battista Alberti. La prima parte è dedicata a un’analisi ravvicinata di alcuni degli edifici più conosciuti di Alberti, palazzo Rucellai e Santa Maria Novella a Firenze, Sant’Andrea a Mantova. La seconda comprende un’indagine sul modo di usare i modelli, antichi e medievali, da parte di Alberti, in relazione principalmente alle conoscenze storiche disponibili al tempo che vengono fatte reagire con luoghi e committenti con i quali l’architetto si confronta.

 

 

 

 

Anna Bedon

“Il Campidoglio  Storia di un monumento civile nella Roma papale”

II volume affronta la storia della costruzione della piazza del Campidoglio dalle sue origini nel XIV secolo al rifacimento della pavimentazione di A. Munoz nel 1938. La piazza è sempre stata il simbolo delle libertà cittadine e nel 1538 si decise di dare forma architettonica alle idealità del Popolo Romano. L’artista scelto dal Papa e dal popolo per la riqualificazione dei palazzi fu Michelangelo, che affrontò il tema della piazza civica con il consueto impegno civile, sebbene gli esiti siano in parte lontani dalle sue intenzioni originarie. Il testo è accompagnato da una serie di ricostruzioni grafiche che restituiscono i molti progetti per la piazza e per i palazzi che si susseguono, in una lotta per il prestigio personale e familiare che ha sempre un riflesso nell’allestimento del complesso.

 

 

 

 

Il mobile barocco in Italia Arredi e decorazioni d’interni dal 1600 al 1738

Gli interessi degli studiosi nei confronti dei complessi fenomeni artistici e culturali che generarono e diffusero lo stile barocco in Italia e negli altri Stati europei ha determinato in questi ultimi cinquant’anni il fiorire di numerosi studi, incentrati soprattutto sull’evoluzione della pittura, della scultura e dell’architettura dal tardomanierismo fino alla metà del Settecento. Un limite cronologico questo che si è voluto mantenere anche nella stesura del presente volume interamente dedicato alla mobilia italiana di quel periodo, restringendo però l’arco temporale agli anni Trenta del Settecento, quando il gusto scenografico, tipico delle soluzioni ornamentali barocche, fu progressivamente soppiantato a tutto favore delle nuove mode francesi.

 

 

Letture consigliate il 5 aprile 2019

 

 

Danielle Steel

“Irresistibile”

Per Maxine, sposare Blake è stata una splendida avventura. Astuto uomo d’affari, affascinante e imprevedibile, Blake ha guadagnato miliardi grazie alla sua intraprendenza. Ma la sua costante ricerca di nuove sfide lo spinge a fare continui viaggi in giro per il mondo, allontanandolo dalla famiglia…

 

 

 

 

 

Jan Guillou

“Il mercato dei ladri”

Stoccolma, estate 2003. In una città che libera tutta la sua luminosa bellezza, una serie di furti sconvolge i nuovi ricchi dell’alta finanza. Unico indizio: i ladri si portano sempre via, oltre a gioielli e quadri, una costosissima bottiglia di vino pregiato. È la Banda delle Cantine. L’inchiesta è affidata all’ispettore capo Ewa Johnsen, 39 anni, da poco divorziata, fisico statuario e folta chioma bionda, tutta intuito, volontà e sex appeal. Ma in realtà, la lunga sequenza di crimini non è che la punta dell’iceberg di uno scandalo ben più ampio, che coinvolge l’alta borghesia, stimati professionisti, poteri forti, tutti criminosamente legati tra loro.

 

 

 

James Patterson

“Jack & Jill”

Washington, una notte di dicembre un senatore muore, assassinato nel suo lussuoso appartamento. Unico indizio: una macabra poesia firmata “J. & J.”, in cui si minaccia una serie di altri delitti di persone in vista. Nella stessa notte, in un quartiere popolare della città, una bambina viene trovata senza vita. Esiste un collegamento tra i due delitti?

 

 

 

 

 

 

 

Francesco Recami

“La clinica Riposo & Pace”

La clinica Riposo & Pace sorge in un luogo ameno su ridenti colline, dove è tutto un cinguettar di uccellini su prati tosati a dovere, gli edifici lindi e luminosi, il personale amabile. Proprio in fondo al parco si intravede un padiglione un po’ appartato; è lì che Riposo & Pace si trasforma in stress e conflitto, una vera e propria lotta per la sopravvivenza. Alfio Pallini viene portato con la forza e con l’inganno nella villa dagli affezionati nipoti, ridotto all’impotenza si accorge ben presto dove sia capitato…

 

 

 

 

Clive Cussler

“Piranha”

1902, isola della Martinica: una terribile e totalmente inattesa eruzione del vulcano La Pelée distrugge sotto la sua lava rovente la cittadina di Saint-Pierre. Insieme a centinaia di abitanti, l’eruzione uccide anche uno scienziato tedesco nascosto nell’isola, i cui studi sono alla vigilia di una svolta sorprendente…

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 4 aprile 2019

 

Katharina Hagena

“La casa tra i salici”

La città è avvolta nel silenzio della notte. Ma Ellen non riesce a prendere sonno. Si domanda se quegli occhi che ha incrociato di sfuggita siano proprio di Andreas, il suo amico d’infanzia che non vede da anni. Tutto è partito da quell’attimo. Da allora è stato impossibile frenare il flusso dei ricordi che l’hanno riportata dove non avrebbe mai voluto: a Grund. Alla casa tra i salici sulla riva del fiume; al gracchiare lontano delle rane; al riflesso dorato dei campi di girasole. Lì dove Ellen è cresciuta ed è stata felice, si è innamorata, ma ha anche sofferto. Per sua madre che, ogni giorno più distante da lei, non poteva più rallegrarla con la magia dei suoi dolci; per la fine della sua amicizia con Andreas che all’improvviso, senza spiegazione, ha deciso di non parlare più con nessuno.

 

 

 

Margherita Hack

“Così parlano le stelle”

Una studentessa curiosa con la passione delle stelle, una celebre astronoma sempre disponibile a dialogare con i ragazzi, una settimana di vacanza: il libro è nato così, da questi semplici ingredienti e dall’amicizia che lega una maestra e un’allieva davvero speciali. Non capita tutti i giorni di avere a disposizione uno scienziato da interrogare liberamente, cercando le risposte alle questioni che non si è mai riusciti a capire fino in fondo o agli interrogativi più strani, che nessun testo potrà mai soddisfare. Ben consapevole di questo, la giovane Eda ha sottoposto la sua autorevole insegnante a una specie di maratona nei vastissimi campi della fisica e della cosmologia, alla scoperta delle leggi fondamentali che regolano l’universo: la forza di gravità, l’elettromagnetismo, le interazioni nucleari e quella forza, ancora misteriosa, che si opporrebbe alla gravità

 

 

Naomi Lewis

“Il paese dei cavalli  a dondolo”

Una raccolta di storie classiche e non solo, dove i protagonisti sono giocattoli ed in cui si esplora implicitamente il rapporto esclusivo che si instaura tra un bambino e il suo giocattolo preferito. In questi racconti realtà e finzione si intrecciano in maniera così indissolubile che il lettore finisce per confonderle, esattamente come succede ai bambini quando, immersi nel loro gioco, trascendono la realtà che li circonda per trasferirsi in una dimensione tutta loro.

 

 

 

Annalisa Strada

“L’isola dei libri perduti”

Thia è un’isola, ma forse no. Di certo è la prigione senza sbarre in cui vivono Amalia e Nazario, due ragazzi che sanno puntare lo sguardo oltre la recinzione d’acqua e di pregiudizio che iniziano a sentire stretta. La loro smania d’andarsene li avvicina a Flora e Corrado, l’una piena di rabbia sopita e l’altro reso inetto dalla ristrettezza delle proprie vedute. Si avvicinano guardinghi gli uni agli altri, superando la barriera della diffidenza fino a mettere le basi di una relazione che è quanto di più vicino a un’amicizia possa nascere in quel luogo. Insieme iniziano a imbastire l’avventura della vita, quella per cui ci si sente disposti anche a morire. Due tentativi di fuga, la rivelazione di un luogo segreto e poi la grande rincorsa verso la libertà.

 

 

Susanna Tamaro

“Il grande albero”

Un racconto  sull’amore, sul coraggio, sulla speranza in grado di conquistare il cuore di tutti i lettori. La storia di un abete e della sua lunga vita, dei suoi incontri con personaggi illustri, dei suoi viaggi, quando, tagliato, dovrà lasciare la radura in cui è nato per diventare l’albero di Natale di piazza San Pietro a Roma. Infine della sua amicizia con lo scoiattolo Crik che lo aiuterà a tornare a casa.

 

 

 

 

Diane Barbara

“Il segreto dei venti”

Il vento di Gorges ha distrutto l’unica ricchezza di Matteo e della madre, un terreno sperduto in mezzo alle montagne. Sapranno ritrovare il colpevole?

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 2 aprile 2019

 

 

Fernando Pessoa

“Il libro del genio e della follia”

Il genio è la peggiore maledizione con cui Dio può benedire un uomo”. La questione del rapporto tra il genio e la follia e dell’identità ­ psicologica e storica ­ del genio costituì per Pessoa una vera e propria ossessione durante l’intero arco della vita. Nel fondo pessoano della Biblioteca Nazionale di Lisbona sono recentemente emersi numerosi testi, in gran parte inediti, e progetti di lavoro tutti relativi a questo nucleo tematico. Sono scritti importantissimi per il dialogo che stabiliscono con il discorso medico­psichiatrico, ma soprattutto per il loro carattere speculativo sul piano dell’estetica, nonché per l’analisi di carattere storico­culturale.

 

 

 

 

Bernard Cornwell

“Un cavaliere e il suo re”

IX secolo dopo Cristo. Uhtred, giovane inglese allevato dai vichinghi danesi ma tornato a combattere per il suo re Alfredo il Grande, ha conseguito un’importante vittoria e scongiurato temporaneamente il pericolo di un’invasione dal Nord. Ma le corti inglesi sono un nido di vipere e qualcuno trama nell’ombra per far cadere in disgrazia Uhtred e allontanarlo dal sovrano. Costretto all’esilio, il giovane cavaliere si imbarca in una serie di avventure sulle coste inglesi, ma le sue disgrazie non sono finite. Accusato di un delitto non commesso, Uhtred deve affrontare la prova più crudele e temuta dell’epoca…

 

 

 

 

Laurie Lico Albanese

“La bellezza rubata”

Dalla seducente Vienna di inizio Novecento, scossa dalla rivoluzione di Freud e dai fermenti artistici della Secessione, alle devastazioni della Seconda guerra mondiale, La bellezza rubata è un’entusiasmante epopea d’amore, guerra e arte. Laurie Lico Albanese ha dato voce a due donne straordinarie, riportando alla luce la storia nascosta dietro il piú famoso quadro di Klimt. « La bellezza rubata è una vera opera d’arte, di quelle che inquietano e insieme riscaldano il cuore». Nella scintillante atmosfera della Vienna di inizio Novecento, Adele Bloch-Bauer, discendente di una facoltosa famiglia ebrea, fa il suo debutto nell’alta società. Tra frenetici giri di valzer e accese discussioni sul valore dell’ avant-garde, la ragazza si lascia trascinare in un vortice di sensualità che la fa cadere tra le braccia del pittore Gustav Klimt.

 

 

 

Alice Munro

“La vita delle ragazze e delle donne”

La vita delle ragazze e delle donne , pubblicato per la prima volta in Canada nel 1971, è l’unica incursione di Alice Munro nella forma-romanzo, seppure declinata secondo il metodo e lo stile inconfondibile dell’autrice. In principio Del ha nove anni, l’età delle curiosità complesse di un bambino che anticipa la propria pubertà. Sono gli anni Quaranta: da qualche parte è in corso una guerra, i cui echi contaminano…

 

 

 

 

 

Katharina Hagena

“La casa tra i salici”

La città è avvolta nel silenzio della notte. Ma Ellen non riesce a prendere sonno. Si domanda se quegli occhi che ha incrociato di sfuggita siano proprio di Andreas, il suo amico d’infanzia che non vede da anni. Tutto è partito da quell’attimo. Da allora è stato impossibile frenare il flusso dei ricordi che l’hanno riportata dove non avrebbe mai voluto: a Grund. Alla casa tra i salici sulla riva del fiume; al gracchiare lontano delle rane; al riflesso dorato dei campi di girasole. Lì dove Ellen è cresciuta ed è stata felice, si è innamorata, ma ha anche sofferto. Per sua madre che, ogni giorno più distante da lei, non poteva più rallegrarla con la magia dei suoi dolci; per la fine della sua amicizia con Andreas che all’improvviso, senza spiegazione, ha deciso di non parlare più con nessuno.

 

Letture consigliate il 1 aprile 2019

 

 

Ben Pastor

“La camera dello scirocco”

Autunno del 1914. La Prima Guerra Mondiale è scoppiata da poche settimane; già il sangue scorre a fiumi dalla Francia alla Russia, eppure tra i civili regna ancora l’euforia. In questa atmosfera paradossale, dove mezza Europa si avvia allegramente verso l’abisso, la città di Praga è scossa da un bizzarro episodio di cronaca nera: il rapimento di una stella del teatro…

 

 

 

 

Elisabeth George

“Nessun testimone”

Thomas Lynley torna a indagare affiancato dalla sua collega Barbara Havers e da Winston Nkata, da poco promosso detective, e il caso che devono affrontare richiederà tutte le loro abilità deduttive. Per le strade di Londra si muove un sinistro assassino. Sulla sua strada ha lasciato il corpo nudo e mutilato di un giovane adolescente e una serie di macabri indizi lasciano pensare all’opera di un serial killer. Lynley scopre presto che l’assassino ha già colpito altre tre volte, senza che la polizia sia arrivata a collegare i casi o a dare loro importanza. La ragione purtroppo è molto semplice…

 

 

 

 

Camilla Lackberg

“Il bambino segreto”

L’estate sta per finire a Fjällbacka, la cittadina sulla costa occidentale della Svezia, lentamente si svuota della folla di turisti, e per Erica è arrivato il momento di affrontare una scoperta inquietante: nella soffitta di casa, in un baule dove la madre Elsy conservava i suoi oggetti più cari, ha trovato alcuni diari e una medaglia dell’epoca nazista avvolta in una camicina da neonato macchiata di sangue. Pur spaventata dal rischio di rivelazioni che forse sarebbe meglio continuare a ignorare, decide finalmente di interpellare uno storico esperto della seconda guerra mondiale, da cui ottiene però solo risposte molto vaghe. Due giorni dopo, il vecchio professore viene assassinato.

 

 

 

 

 

Gunter Grass

“Sbucciando la cipolla”

L’autobiografia di Günter Grass si apre nel 1939, con lo scoppio della guerra, nella quale risulta immediatamente coinvolta Danzica, la città natale dello scrittore e il centro nevralgico dell’opera che gli diede la fama, “Il tamburo di latta”. E proprio con la stesura e la pubblicazione del grande romanzo negli anni Cinquanta, il libro si chiude. L’attenzione della stampa internazionale si è soprattutto concentrata sulle pagine in cui Grass confessa di essere stato nelle Waffen-SS: presentatosi volontario a quindici anni per servire nei sottomarini, viene, due anni dopo, arruolato in un battaglione delle SS appena costituito. La sua presenza sul fronte orientale dura poche settimane: sopravvive ad alcune operazioni di guerra e finisce prigioniero degli americani.

 

 

 

 

Thomas Glavinic

“Le invenzioni della notte”

In un normalissimo mattino di luglio, Jonas si sveglia nella sua casa di Vienna. Dopo il solito caffè, scopre che la televisione non funziona, internet non va, il giornale non gli è stato consegnato, e il telefono della sua fidanzata continua a suonare a vuoto. Perplesso, esce per andare al lavoro, ma dopo qualche passo si rende conto che c’è un silenzio innaturale, e si accorge di essere l’unico per strada. In breve arriva alla sconcertante certezza di essere rimasto solo al mondo: uomini e animali sono scomparsi dalla faccia della Terra, come se nella notte si fossero volatilizzati.

 

 

Letture consigliate il 29 marzo 2019

C.S. Lewis

“Il principe Caspian”

Per i quattro fratelli sta per ricominciare la scuola. Ma mentre si dirigono a prendere il treno,  vengono….

 

 

 

 

 

Bruno Munari’s

“ABC”

“ABC” è un alfabetiere scritto e disegnato da Bruno Munari nel 1960, con la consueta colorata ironia. Destinato originariamente agli Stati Uniti, diventa una semplice e divertente lezione d’inglese per grandi e bambini. Munari riempie le pagine di questo libro con immagini semplici e piene di colore, di oggetti semplici e quotidiani, accomunati dall’iniziale con la quale iniziano i loro nomi. E’ così che avremo una civetta insieme a una cipolla, o una banana gialla con una farfalla blu.

 

 

 

Simona Vinci

“Strada provinciale tre”

Chi non ha sognato, almeno una volta, di piantare tutto e tutti, e sparire? Una donna corre lungo la Strada provinciale Tre, tra i camion e i gas di scarico, in un paesaggio italiano irrimediabilmente mutato e sconvolto. Forse ha scelto di fuggire, o forse deve. Che cosa nasconde, quale peso insostenibile? Ai margini di tutto, dove sembrava non esserci nulla, si compone un mondo di umanità commovente. Una storia di incontri, di misteri e di colpi di scena. Una storia che, infine, parla della nostra stessa esperienza di esseri umani, della possibilità che si ha ancora di darle un senso. E di che cosa significa oggi essere, o credersi, liberi.

 

 

 

Simona Sparaco

“Equazione di un amore”

Singapore è una bolla luminosa a misura di gente privilegiata e Lea, che non indossa nemmeno un gioiello, ha lasciato Roma per vivere lì. Ha sposato un avvocato di successo e si è trasferita a Singapore, tempio finanziario dello sfarzo e del consumo. La ragione le dice che, anche se a tratti si sente malinconica, non avrebbe potuto scegliere compagno più affidabile di Vittorio. Ma nel suo cuore brucia ancora il ricordo di un amore così doloroso da indurla a fuggire. Si chiama Giacomo e l’ha conosciuto a quattordici anni, sui banchi di scuola…

 

 

 

Ivan Turgenev

“Padri e figli”

Pubblicato nel 1862, Padri e figli è uno di quei romanzi che sanno fissare indelebilmente il colore di un’epoca. Nella grande Russia conservatrice e patriarcale dei latifondi e dei primi moti liberali, il rapporto conflittuale tra vecchio e nuovo, trova una rappresentazione esemplare nella vicenda di due amici appena usciti dall’università di Pietroburgo…

 

 

Letture consigliate il 22 marzo 2019

Tim Parks

“Un’educazione Italiana”

Prendendo come osservatorio la propria famiglia, ormai italianizzata, lo scrittore traccia un panorama di vizi, virtù e manie tipici della nazione italiana: l’approssimazione, il bigottismo, la calciomania, l’incomprensione tra Nord e Sud, i difetti del sistema educativo…

 

 

John Beattie

“Uomini diversi da noi”

Che cosa è l’antropologia sociale; quali argomenti affronta; in che modo conduce le sue ricerche. E poi: le credenze e i valori, le istituzioni della parentela e del matrimonio, il mantenimento dell’ordine sociale, le relazioni economiche, le istituzioni magiche e religiose, nell’esperienza e nella cultura di “uomini diversi da noi”. Un manuale di antropologia sociale esauriente e ricco di spunti critici. John Beattie ha insegnato Filosofia al Trinity College di Dublino, Antropologia sociale a Oxford e da ultimo Studi africani a Leyda.

 

 

 

Florence Seyvos

“Senza entusiasmo”

Vincent, ha il solo obiettivo di perfezionare con metodica implacabile la propria apatia. Blindato nel proprio scetticismo, egli sorveglia il proprio orizzonte interiore, spiando l’insorgere del più piccolo sintomo di entusiasmo, pronto a debellarlo con la propria diligente indolenza. Ma una figura è destinata a sovvertire la vita interiore di Vincent: il nuovo professore di tedesco, un insegnante del tutto impersonale e assolutamente banale. Vincent è convinto di aver trovato un gemello spirituale in quell’insegnante senza qualità. Lo pedina, cerca di scoprirne le abitudini…

 

 

 

 

Herman Melville

“Moby Dick”

Da più di un secolo e mezzo uno spettro si aggira nelle acque extraterritoriali della letteratura: Moby Dick. Coalizzati in una sacra caccia, da allora non facciamo che braccarlo, per sottometterlo alle nostre interpretazioni, e questa caccia maniacale e consapevole, che è anzitutto una caccia a noi stessi, ci condanna. Melville compose, in una stagione di creatività febbrile, quello che è un romanzo d’avventura,  un saggio enciclopedico, una fiaba mostruosa e un’allegoria intollerabile, un’epopea o una forma totalmente nuova .

 

 

 

M.E.Kerr

“Aquiloni nella notte”

Sono diversi, gli aquiloni notturni? Scivolano nel buio, che li protegge, più di quanto già non li difenda il silenzio. È come un aquilone, Pete. Vola alto con la fantasia e scrive racconti. Ed è diverso, Pete, ma nessuno lo sa. La sua famiglia, una famiglia borghese, molto americana, scopre la diversità di Pete in maniera drammatica, quando gli esami clinici attestano che la sua insistente malattia si chiama AIDS.

 

 

Letture consigliate il 20 marzo 2019

 

Paola Tabet

“La pelle giusta”

La pelle giusta è la pelle bianca. E’ bianco chi ha potere e benessere, chi ne è privo – bosniaci o albanesi, zingari o africani – è nero e appare inquietante. L’ossessione e la paura degli “altri”: è il tratto che caratterizza gran parte dei settemila temi raccolti da Paola Tabet in una ricerca condotta presso centinaia di scuole italiane, elementari e medie, dal Veneto alla Sicilia. L’età dei bambini coinvolti, l’immediatezza e la forte carica emotiva dei loro lavori, che non si nascondono dietro l’ipocrisia e l’ostentazione dei buoni sentimenti, mettono definitivamente in crisi l’affermazione per la quale “gli italiani non sono razzisti”. La pelle giusta è un documento che, grazie anche al confronto tra le idee elaborate nei temi e la cultura trasmessa dagli adulti, ci avvicina alle contraddizioni e alle ambiguità dei ragazzi, divisi tra odio e pena, simpatia e rifiuto per il “diverso”, e aiuta a capire da dove nascono e dove si riflettono le nostre paure.

 

 

Raymond Boudon

“L’ideologia”

Il termine ideologia fu coniato alla fine del XVIII secolo da Destutt de Tracy, il quale l’adoperava per disegnare la scienza dell’origine delle idee. E’ a partire da Napoleone che la nozione d’ideologia acquista il suo significato moderno: quello di teorie tanto astratte quanto dubbie, che, pretendendo di fondarsi sulla ragione e sulla scienza, mirano a modellare l’ordine sociale e a orientare l’azione politica. A cent’anni e più dalla sua formulazione, cosa ne è oggi dell’ideologia? E, soprattutto, come funzionano i suoi meccanismi? In questo saggio Raymond Boudon spiega come nascano i dogmi collettivi grandi e piccoli, il ruolo che giocano le posizioni e le disposizioni culturali e sociali, i valori della retorica, del simbolo e degli effetti di comunicazione.

 

 

 

 

Wolfgang Sofsky

“Il paradiso della crudeltà”

Se nel suo studio precedente Sofsky avvalorava la tesi secondo cui la violenza è connaturata all’uomo e l’ordine civile, lungi dall’eliminarla, ne modificava semplicemente la forma, ora prende in considerazione fatti di straordinaria violenza cui la cronaca ci ha abituato. Simili avvenimenti sono riconducibili a un ventaglio di cause a tal punto ampio da indicare soltanto che la violenza cieca non è legata ad alcun motivo particolare. Piuttosto essa è “un processo di trasformazione sociale”, dove la concatenazione degli eventi supera l’orizzonte dei protagonisti.

 

 

 

 

Francesco Germinario

“Argomenti per lo sterminio”

Fra la prima metà dell’Ottocento e gli inizi del Novecento in Europa si afferma una cultura che procede sicura nell’antisemitismo, ed è, per tale motivo, che la cultura europea non può rivendicare patenti di immunità o di innocenza. La cultura politica antisemita ha agito semmai da amplificatore di giudizi e atteggiamenti antiebraici…

 

 

 

 

 

 

Maria Sardu

“Italiani”

Una raccolta di interviste a italiane e italiani che a vario titolo rappresentano, per esperienza e per capacità di interpretare il pensiero collettivo del nostro Paese, una sorta di “microcosmo Italia”. Un viaggio – in tempi di globalizzazione, di multiculturalità diffusa e crollo delle barriere territoriali, ma soprattutto culturali – tra i valori, i simboli, i significati e l’attualità di un pensiero così individuale, e insieme collettivo, come la propria identità nazionale.

 

 

 

 

 

ùLetture consigliate il 19 marzo 2019

 

Camilla Lackberg

“La Strega”

Trent’anni prima, quando era ancora una ragazzina, Marie e la sua amica del cuore erano state accusate di aver ucciso la piccola Stella, una bambina di appena quattro anni, la cui morte aveva profondamente scosso l’intera comunità. Quando  un’altra bambina scompare misteriosamente nelle stesse circostanze, il ricordo di quei drammatici eventi riaffiora con forza. Può davvero essere una coincidenza? Per capire se esiste un collegamento tra passato e presente…

 

 

 

 

 

Antoni Manzini

“La giostra dei criceti”

Quattro balordi della mala romana, hanno organizzato un furto in banca, ma qualcosa andrà storto. Nel frattempo nei palazzi del potere, negli uffici del ministero del Tesoro, alcuni burocrati organizzano una trama allucinante per risolvere drasticamente il problema delle pensioni. Tra questi due mondi apparentemente senza contatto, in cima e in fondo alla scala sociale, tutti cercano la stessa cosa: il colpo grosso e definitivo, quello che ti sistema per sempre. Nel mondo di Manzini il male, la violenza, la volgarità, la presunzione, non risparmiano nessuno.

 

 

 

 

Andrea Vitali

“Biglietto, signorina”

Alla stazione ferroviaria di Varenna c’è trambusto. Il capotreno Ermete Licuti è sceso dal convoglio scortando una passeggera pizzicata senza il biglietto regolare. E senza un quattrino per pagare la multa. Fa intendere che arriva da Milano, che vuole andare a Bellano, ma non parla bene l’italiano. Ligio alle norme, il capotreno non sente ragioni e la consegna al capostazione, Amilcare Mezzanotti, che protesta vivace. Ma il regolamento parla chiaro, la faccenda tocca a lui sbrogliarla. E così adesso il povero capostazione si trova lì, nel suo ufficietto, con davanti Marta Bisovich.

 

 

 

 

A cura di Mauro Bertini

“La psicoanalisi e l’antisemitismo”

Un’antologia che ricostruisce le interpretazioni psicoanalitiche dell’antisemitismo dagli anni Trenta a oggi: interpretazioni che, sotto il fascismo, rappresentarono quasi un’opposizione politica e che, oggi, continuano ad affrontare un fenomeno ancora, e tenacemente, attuale.

 

 

 

 

 

Jan Assmann

“La memoria culturale”

Questo affascinante saggio dell’egittologo Jan Assmann si occupa delle relazioni fra i temi del ricordo, dell’identità e della perpetuazione culturale, cioè del costituirsi della tradizione.

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 18 marzo 2019

 

M.K. Gandhi

“Teoria e pratica della non-violenza”

Questa antologia, che comprende una scelta degli scritti politici 1919- 48, dall’ “Autobiografia” e da “La forza della verità”,vuole mettere in luce i momenti essenziali in cui si articola la non-violenza gandhiana, intesa come unità di pensiero e azione.

 

 

 

Benjamin Skinner

“Schiavi contemporanei : Un viaggio nella barbarie”

Mai nella storia dell’umanità gli schiavi sono stati così numerosi. E questa indagine straordinaria ne racconta le storie, i protagonisti, i traffici, le piccole e grandi tragedie, ovunque si calpesti la dignità dell’uomo con il crimine più antico e odioso.

 

 

 

 

 

 

Julian S. Huxley, Alfred C. Haddon

“Noi Europei: Un’indagine sul problema razziale”

l volume rappresenta una pietra miliare sul  concetto di razza e sul cammino che, nel secondo dopoguerra, porterà a riscrivere la storia evolutiva dell’uomo per mezzo degli strumenti sempre più efficaci forniti dalla genetica.

 

 

 

 

 

Salvatore Basile

“Lo strano viaggio di un oggetto smarrito”

E’ la storia di due anime che riescono a colorarsi a vicenda per affrontare la vita senza arrendersi mai. Salvatore Basile ci regala una favola piena di magia, emozione e speranza. Un caso editoriale che ha subito conquistato tutte le case editrici del mondo.

 

 

 

 

 

Stefano Zecchi

“Sensualità”

Stefano Zecchi, si rivela un profondo conoscitore dell’animo femminile e riesce a dare vita a due memorabili figure di donna che, nell’esprimere visioni antagoniste del mondo, divengono simboli viventi dell’amore.

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 15 marzo 2019

 

Miguel Barnet

“Autografia di uno schiavo”

Nel 1963 un giornale dell’Avana dedicava un servizio agli abitanti più vecchi dell’isola. Miguel Barnet, un giovane scrittore etnologo, notò tra essi, un ex schiavo fuggiasco: Esteban Montejo, che allora aveva centoquattro anni. Barnet registrò il racconto della sua vita, ordinandolo cronologicamente, e lo ripropose in tutta la sua forza documentaria e poetica, conservandone il sapore e il colore della parlata del suo personaggio. Un documento unico e irripetibile che ci racconta in modo avvincente le varie tappe dell’esistenza di questo schiavo: la durezza della vita, la fuga e l’isolamento, il lavoro nelle piantagioni di canna, gli usi e i costumi, le donne, i balli, le cerimonie dei santeros delle religioni afrocubane, fino alla guerra d’indipendenza dalla Spagna negli anni 1895-1902. Come ha scritto Alejo Carpentier, Barnet ci offre “un monologo che sfugge a ogni meccanismo di creazione letteraria e tuttavia si inserisce nel quadro della letteratura per il mondo poetico che traduce”.

 

 

Maurizio Valenzi

“Ebrei italiani di fronte al “razzismo””

Curato dal giornalista e studioso della shoah Nico Pirozzi, il pamphlet elaborato da Maurizio Valenzi, Ebrei Italiani di fronte al “razzismo,” è una testimonianza inedita del Valenzi ebreo, che da spettatore ebbe modo di assistere alla svolta razzista impressa da Mussolini all’Italia, a conclusione di un lungo processo di avvicinamento alla Germania. Un processo che tendeva ad annullare tutte le dissonanze esistenti tra fascismo e nazismo.

 

 

 

 

 

Massimo Nava

“Vittime”

Massimo Nava è stato inviato di guerra in molti angoli del mondo, dall’Africa all’Asia, dai Balcani all’Iraq, dove ha raccontato per il «Corriere della Sera» l’ultima guerra. Ha visto cadere regimi e dittatori, finire nel sangue movimenti e rivoluzioni e ha soprattutto narrato le storie degli esseri umani che in queste svolte epocali venivano travolti, costretti a fuggire, uccisi, bombardati, talora secondo una logica che pretende di difendere i loro interessi, migliorare le loro condizioni di vita, liberarli da una dittatura, esportare il bene superiore della democrazia. In questo libro l’autore rievoca i conflitti più importanti prima della caduta del Muro e la lunga serie di guerre e massacri degli anni successivi…

 

 

 

 

Maria Pace Ottieri

“Raggiugere l’ultimo uomo”

Nell’India splendente del boom economico, centinaia di milioni di persone non riescono a mangiare due volte al giorno. Analfabeti, oppressi dalla povertà e dalla divisione in caste, vivono in uno stato costante di paura e insicurezza. Da trentacinque anni, la “Scuola dei piedi nudi” di Bunker Roy cerca di migliorare la vita dei contadini insieme a loro, offrendo risultati tangibili: trovare acqua per irrigare la terra, curare le malattie, vedere i propri figli frequentare la scuola. A Tilonia, migliaia di giovani che nessuno avrebbe impiegato sono addestrati a una professione.

 

 

 

 

Tahar Ben Jelloun

“Il razzismo spiegato a mia figlia”

Mentre mi accompagnava a una protesta contro un disegno di legge sull’immigrazione, mia figlia mi ha chiesto del razzismo. Abbiamo parlato molto. I bambini sono in una posizione migliore di chiunque altro per capire che non nasciamo razzisti, ma a volte lo diventiamo. Questo libro, che cerca di rispondere alle domande di mia figlia, è per i bambini che non hanno ancora pregiudizi e vogliono capire meglio la realtà. Per quanto riguarda gli adulti che lo leggeranno, spero che li aiuti a rispondere alle domande, più imbarazzanti di quanto pensano, dei propri figli.

 

 

 

 

Letture consigliate il 14 marzo 2019

 

Umberto Veronesi

“Dell’amore e del dolore delle donne”

In questo libro si parla di vita,di amore, volontà, gioia, amicizia, dolore. Un uomo decide di raccontare la propria storia. Le battaglie etiche e scientifiche che lo hanno visto protagonista. E lo fa attraverso le storie delle molte donne che ha incontrato lungo tutta la sua vita, con le quali ha condiviso sentimenti, amicizie e lavoro. Donne che di volta in volta si sono impegnate in una battaglia: contro la guerra, i pregiudizi, la malattia, la paura.

 

 

 

 

Susan Sontag

“Davanti al dolore degli altri”

Sfogliando i quotidiani, guardando i telegiornali, assistiamo di continuo ad atrocità di ogni genere: distruzioni, bombardamenti, violenze su uomini e donne, vittime innocenti di guerre che non vogliono ma che subiscono passive e inermi. Nelle società contemporanee, in cui i mezzi di informazione hanno un ruolo sempre più centrale, il dolore degli altri è uno spettacolo all’ordine del giorno. Susan Sontag si interroga sul modo in cui le immagini influenzano la nostra percezione di quanto accade, formano le opinioni comuni, inducono a contrastare i conflitti bellici o a sostenerli…

 

 

 

Goffredo Parise

“Guerre politiche”

Una collezione di articoli di approfondimento del Parise giornalista. Scrittura limpidissima e stile molto particolare. Particolarmente interessante l’indagine della guerra in Biafra – una fecondissima regione secessionista della Nigeria – durante la quale l’opinione pubblica europea venne ingannata da un’azione di disinformazione da parte di un ufficiale protestante e di buoni studi di nome Ojukwu.

 

 

 

 

 

Gian Antonio Stella

“Negri froci giudei & co”

L’inondazione di odio in Internet, i cori negli stadi contro i giocatori neri, il risveglio del demone antisemita, le spedizioni squadristiche contro gli omosessuali, i rimpianti di troppi politici per “i metodi di Hitler”, le avanzate in tutta Europa dei partiti xenofobi, le milizie in divisa para-nazista, i pestaggi di disabili,  gli omicidi di clochard, gli inni immondi alla purezza del sangue…

 

 

 

 

 

 

Maria Sardu,

“Italiani. Una questione di identità”

Una raccolta di interviste a italiane e italiani che a vario titolo rappresentano, per esperienza e per capacità di interpretare il pensiero collettivo del nostro Paese, una sorta di “microcosmo Italia”. Un viaggio – in tempi di globalizzazione, di multiculturalità diffusa e crollo delle barriere territoriali, ma soprattutto culturali – tra i valori, i simboli, i significati e l’attualità di un pensiero così individuale, e insieme collettivo, come la propria identità nazionale. Un’attualità che prende corpo nel contributo che ogni singola identità “locale” rappresenta nella costruzione di una convivenza “globale”.

 

 

 

Letture consigliate il 13 marzo 2019

 

Ruth Peltason – Grace Ong-Yan

“Architetti”

Lo scopo del Premio Pritzker è “onorare annualmente un architetto vivente le cui opere realizzate dimostrano una combinazione di quelle qualità di talento, visione e impegno, e che ha prodotto contributi consistenti e significativi all’umanità e all’ambiente costruito attraverso l’arte dell’architettura”. Conferito tutti gli anni a un architetto vivente per la sua opera, è quindi un importantissimo riconoscimento alla carriera. L’approccio teorico e progettuale di ciascun architetto è presentato attraverso citazioni tratte da interviste e scritti teorici: riflessioni personali sull’architettura contemporanea e sul modo di costruire mettono così in risalto il pensiero creativo alla base delle opere.

 

 

 

Roberta Bernabei

 “Chiese di Roma”

Fin dagli albori dell’era cristiana la storia delle chiese di Roma procede di pari passo con la diffusione del cristianesimo. Questo volume dà conto dell’importanza della committenza religiosa dell’Urbe attraverso una selezione di cento edifici, meta dei pellegrini nel medioevo, segno del potere dei papi nel rinascimento, rappresentazione della chiesa trionfante durante la controriforma. Gli edifici religiosi di Roma si mostrano all’osservatore odierno non solo come capolavori dell’architettura attraverso i secoli, ma anche come scrigni preziosi che racchiudono una profusione di capolavori di tutte le arti …

 

 

 

 

James Ackerman

“Palladio”

L’architettura del Palladio è apparsa a molte generazioni come la perfetta incarnazione della tradizione classica. Quel senso d’ordine, di relazione delle parti fra loro e col tutto, Palladio lo ereditò dalla grande scuola di architetti italiani -dal Brunelleschi a Bramante e a Michelangelo rielaborandolo in termini che rappresentano la quintessenza del Rinascimento. Questa di Ackerman è la monografia per eccellenza su Palladio, il suo mondo, la sua attività.

 

 

 

Renzo Piano

“Gli schizzi”

Un percorso fatto di idee e intuizioni capaci di restituire la grande attitudine al progetto di un maestro autore di opere quali il museo per la collezione de Menil a Houston, l’aeroporto internazionale del Kansai a Osaka, il centro culturale Jean Marie Tjibaou a Nouméa in Nuova Caledonia, la sede della Fondazione Beyeler a Basilea, il progetto di risistemazione di Potsdamer Platz a Berlino, il nuovo museo Paul Klee in Svizzera, l’ampliamento della Morgan Library a New York. Il volume propone una selezione di schizzi autografi di Renzo Piano, molti dei quali realizzati con pennarello verde su carta da schizzo.

 

 

 

 

 

Renata Codello

“Progettare un museo”

Il progetto di un sistema espositivo integrato, di un percorso di continuità tra antico e moderno. Il volume presenta il progetto esecutivo per il restauro, l’adeguamento funzionale e l’ampliamento delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, nel complesso monumentale della Carità, frutto di un lavoro d’équipe coordinato da Tobia Scarpa e Renata Codello. Il progetto propone al visitatore un percorso di continuità tra uno spazio storicizzato e uno contemporaneo. Si sottolinea così la collocazione di grandi capolavori del passato in un’architettura straordinaria, costruita da Bon, Palladio, Massari, Maccaruzzi e Selva, ai quali si aggiunge l’opera di Carlo Scarpa, maestro dell’architettura del Novecento.

 

Letture consigliate il 12 marzo 2019

 

A cura di Sylvia Ferino – Pagden

“L’Ultimo Tiziano”

Intorno alla metà del ‘500, Tiziano si inventa un nuovo modo di dipingere: il colore si stende libero e veloce sulla tela e si sovrappone in pennellate leggere e, nello stesso tempo, corpose, le forme si scompongono, si accentua una grande sensualità e contemporaneamente una profonda spiritualità.

 

 

 

 

 

Fazio

“Passato e futuro delle città”

Milioni di italiani vivono il ruolo di “utenti della città”, disinformati e assenti, firmando una delega in bianco a architetti, ingegneri, geometri, amministratori comunali. Questo libro vuole avvicinare all’architettura e all’urbanistica gli “utenti” che considerano tali argomenti materie da iniziati, documentando attraverso vaste indagini un dato di fatto innegabile: negli ultimi decenni, l’architettura è riuscita raramente a comunicare sensazioni di gioia e di appartenenza. La scissione tra architettura di massa e architettura d’autore ha accentuato il distacco dalle esigenze umane e dal contesto storico e naturale.

 

 

 

 

 

A cura di Willy Boesiger

“Le Corbusier”

Le Corbusier avviò il suo irruente dialogo, con il pubblico e gli architetti destinato a svilupparsi nei successivi quarant’anni, in innumerevoli pubblicazioni e in opere costruite e progettate tra le più importanti dell’architettura moderna. Oltre a essere il primo testo della collezione dell'”Esprit Nouveau”, il libro, che enuncia i fondamenti di una teoria architettonica di straordinaria modernità e singolare forza innovativa, costituisce uno dei maggiori documenti della cultura parigina ed europea di quegli anni.

 

 

 

 

 

A cura di Stefano Chiodi Domitila Dardi

“Spazio”

La nozione di Spazio viene affrontata in questo catalogo attraverso la pluralità di invenzioni, ipotesi, interpretazioni che compongono il paesaggio creativo e intellettuale della mostra.Tra le varie attività in programma, il MAXXI organizzerà una serie di esposizioni tematiche con opere della propria collezione, affiancate da una ristretta selezione di prestiti scelti per la loro particolare
attinenza al tema portante individuato. Ognuna di queste esposizioni temporanee avrà infatti un tema specifico che farà da filo conduttore dell’esposizione e ogni volta questo tema sarà interpretato da curatori differenti.

 

 

 

 

Francesco dal Co – Giuseppe Mazzariol

“Carlo Scarpa”

La forza del presente volume risiede nel percorso delicato e commosso attraverso il quale Francesco dal Co e Giuseppe Mazzariol ci conducono lungo gli itinerari della vita, della formazione, umana e culturale, dei sentimenti di Scarpa architetto e artista.

 

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate l’8 marzo 2019

 

F.Giuliani-S.Fortuna-M.Pasquino

“Storie di femministe filosofe rumorose”

Tre giovani filosofe del linguaggio affrontano i temi classici della cultura femminista (genere, differenza, corporeità, autocoscienza, universo simbolico) in un modo del tutto inconsueto, mettendoli a confronto con la più spregiudicata esplorazione filosofica contemporanea sulle questioni dell’etica e della soggettività.

 

 

 

 

 

 

Merry E. Wiesner

“Le donne nell’Europa moderna”

Dalla Spagna alla Scandinavia, Merry E. Wiesner racconta la vita delle donne europee, dal 1500 al 1750, facendo il punto degli studi sulla condizione femminile nell’Europa moderna. Il volume, la cui edizione italiana è introdotta da un’autorevole studiosa di genere come Angela Groppi, si rivolge agli studenti di diverse discipline che si avvicinano alla storia secondo una prospettiva di genere.

 

 

 

 

 

 

John Stuart Mill e Harriet Taylor

“Sull’ eguaglianza e l’emancipazione femminile”

I saggi sull’eguaglianza e l’emancipazione femminile di John Stuart Mill e di sua moglie Harriet Taylor costituiscono un tentativo coerente di imporre all’attenzione del dibattito politico e filosofico la condizione di sottomissione subita dalle donne nella famiglia e nella società, conseguenza di un sistema educativo che faceva apparire l’inferiorità femminile come naturale e legittima. Caratteristici della stagione di riforme istituzionali, che a partire dalla metà dell’Ottocento hanno accompagnato la transizione democratica dei governi e della società civile europea, gli scritti contenuti in questo volume rappresentano una pietra miliare del femminismo teorico contemporaneo.

 

 

 

 

 

Simone de Beauvoir

“Quando tutte le donne del mondo…”

Famiglia, contraccezione, amore, aborto, violenza: attraverso articoli, interviste, note, Simone de Beauvoir affronta senza reticenze la condizione della donna e invita uomini e donne a considerare la vera uguaglianza dei sessi una conquista necessaria al progresso della società. Pubblicato in Italia nel 1982, le pagine militanti di questo libro conservano una straordinaria e bruciante attualità, soprattutto oggi che alcuni diritti civili, conseguiti grazie alle lotte del movimento femminista, vengono messi in discussione da certi ambienti politici e confessionali.

 

 

 

 

 

Patrizia Gabrielli

“Vivere da protagoniste”

Con i processi di modernizzazione che segnano l´Italia tra Otto e Novecento e con la nascita dei movimenti per il suffragio e per l´emancipazione, le donne vanno acquisendo una maggiore visibilità sia nello spazio privato che in quello pubblico. Queste trasformazioni hanno dei riflessi non secondari sulla produzione di fonti documentarie: grazie ad una maggiore padronanza della scrittura nascono archivi di donne, mentre l´esplosione della parola favorisce l´affermazione di una nuova figura professionale, quella di scrittrice e giornalista e, con essa, la fioritura di periodici che dibattono i ruoli di genere.

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 7 marzo 2019

 

Lilli Gruber

“Streghe”

Libere di decidere del proprio corpo, capaci di mantenersi, brave ad amare ma anche a stare da sole. Così sono, o vorrebbero essere, le donne di oggi. Le loro simili, nel Cinquecento, venivano bruciate come streghe. E trent’anni fa hanno invaso le piazze d’Italia proprio al grido di “le streghe sono tornate” reclamando parità, divorzio, aborto. Oggi i roghi sono spenti per sempre, e sono sfumati gli echi dei cortei. Ma ci sono ancora diritti da chiedere. Perché le donne rimangono la maggiore risorsa non sfruttata del nostro Paese: solo il 46,3 per cento lavora, guadagnando meno di un pari grado maschio.

 

 

 

 

Maria Pia Ammirati

“Due Mogli”

Le storie di tre famiglie che si intrecciano, prima e durate quel terribile, indimenticabile 2 agosto. Una bella scrittura, per raccontare bene l’atmosfera di quel tempo, i diversi caratteri degli interpreti e le loro dinamiche familiari, le imprevedibili evoluzioni del destino. Riesce a far vivere quasi di persona le sensazioni provate da chi nella stazione di Bologna quel maledetto sabato c’era. In forma di romanzo, non di cronaca giornalistica.

 

 

 

 

 

James Patterson

“A Jennifer con amore”

Quando apprende che la nonna Samantha è stata ricoverata in ospedale, Jennifer si trasferisce nella vecchia casa d’infanzia, una magnifica villa sul lago, per assisterla e per starle vicina il più possibile. Lì, nel luogo dove ha trascorso gli anni più spensierati e gioiosi, trova ad attenderla qualcosa che le cambierà la vita… È una storia di intrighi e desideri proibiti, di un segreto di famiglia nascosto per decenni e soprattutto è la storia dell’amore più grande e intenso che Jennifer abbia mai sentito. E Jennifer imparerà a credere in una seconda opportunità.

 

 

 

 

Marta Boneschi

“Santa pazienza”

Attraverso le testimonianze di donne note e meno note, l’analisi dei fatti di cronaca e dei contributi che la radio, la televisione, la pubblicità, i fotoromanzi e i rotocalchi hanno dato al formarsi dell’identità femminile. Marta Boneschi ci racconta come per le donne, il mondo sia cambiato più rapidamente che per gli uomini, facendoci rivivere la meno sanguinosa e la più riuscita rivoluzione del nostro secolo.

 

 

 

 

 

 

Deborah Rodriguez

“La parrucchiera di Kabul”

Da lontano sembrano fiori nella polvere, sprazzi di azzurro nel grigio delle strade di Kabul. Fiori calpestati, ma non spezzati, che sotto il burqa celano storie di sofferenza e coraggio. Come quella di Baseera, promessa sposa a dodici anni a un uomo più vecchio di lei e costretta a partorire sul nudo cemento di un ospedale privo di personale medico. O quella della quindicenne incarcerata perché fuggita dal marito che la picchiava e denunciata alla polizia dagli stessi genitori.

 

 

 

 

Letture consigliate il 6 marzo 2019

 

Honorè de Balzac

“Un tenebroso affare”

Uno dei primi romanzi “noir” ambientato nella Francia napoleonica. Tratta del sequestro di un senatore per scopi politici e per vendetta e rievoca un fatto realmente accaduto in Francia. In quest’opera personaggi storici quali Napoleone e i ministri Talleyrand e Fouchè  si alternano e interagiscono con personaggi d’invenzione.

 

 

 

Sthendhal

“La Certosa di Parma”

Un capolavoro narrativo come la Certosa Di Parma sta a rappresentare  la perenne attualità  del romanzo ottocentesco, per la ricchezza dei casi psicologici proposti, il movimento della fantasia che sempre vagheggia e propone nuove avventure dello spirito umano…

 

 

 

 

 

 

 

Luca Mozzati

“Arte islamica”

Per chi ha voglia di intraprendere un viaggio per immagini alla scoperta dei luoghi e dei capolavori dell’arte islamica, dalla Spagna alla Persia, dall’Asia centrale all’India, il volume raccoglie mille anni di storia di una civiltà dalla raffinata cultura artistica, che ha dato contributi9 inestimabili nell’ambito della ceramica, dell’architettura, della calligrafia…

 

 

 

 

 

 

C.L. Frommel, S. Ray , M. Tafuri

“Raffaello architetto  –  Electa”

Il volume è una guida a più voci per accostarsi all’architettura di Raffaello e, nel contempo, un testo che rende conto dello stato degli studi sul tema.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giusi Quarenghi

“Principessa della notte”

Valentine Agathe non è la solita principessa debole e indifesa che nelle storie medioevali viene salvata da un cavaliere, innanzitutto perché è capacissima di salvarsi da sé, visto che duella e cavalca meglio di qualsiasi cavaliere, e poi perché è intrepida, coraggiosa e molto fantasiosa…

.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate il 5 marzo 2019

 

 

Bruno Munari

“Arte come mestiere”

Originale opera in cui un grande artista italiano, ha demolito il mito dell’artista-divo per sostituirlo con la figura del designer. Munari attraverso una avvincente analisi di opere e di temi, fornisce una presentazione esauriente del design e delle sue diverse specializzazioni…

 

 

 

 

 

Bruno Munari

“Da cosa nasce cosa”

Munari porta i lettori a scoprire che saper progettare non è una dote esclusiva per pochi, perchè in ognuno di noi c’è una creatività che l’Autore aiuta a sviluppare e a mettere in luce.

 

 

 

 

 

 

Bruno Munari

“Design e comunicazione visiva”

Che cosa è la grafica? Chi sono i designer? Come funziona la loro logica creativa? Quale uso fanno delle tecniche e dei materiali? Munari, maestro del design italiano, ha scritto il più divertente manuale per comprenderne i principii, le leggi e le possibili realizzazioni.

 

 

 

 

 

 

Gillo Dorfles

“Introduzione al disegno industriale”

La produzione industriale investe ogni aspetto della vita sociale odierna e, ogni intervento assume un’eco e una diffusione eccezionali per il significato  e il valore d’intervento culturale ed estetico nei vari settori.

 

 

 

 

 

Alessandro Conti

“Manuale di restauro”

Argomento del libro è l’analisi delle varie procedure di restauro a cui vengono sottoposti i dipinti e, più marginalmente, la policromia delle sculture. Il nodo dei problemi che si presentano nelle fasi di conservazione e restauro è costantemente affiancato alle due coordinate principali: la corretta conservazione dei materiali originali ed il recupero estetico dell’opera…

 

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 4 marzo 2019

 

 

Michael Edwards

“Vino Rosso”

Un’autorevole guida ai migliori vini rossi del mondo. Consigli sulla degustazione, il servizio e la conservazione del vino. Notizie sui maggiori vitigni del mondo e schede informative sulle grandi case vinicole.

 

 

 

 

 

 

 

Carlo Gracco

“In principio era l’anguria salata”

Carlo Gracco ci accompagna in una passeggiata straordinaria ,alla scoperta di tutti gli ingredienti che danno valore a un piatto , ricordandoci che “il più importante rimane l’emozione, quella nasce  nel momento  in cui tu lo mangi e ti fa vedere le stelle”.

 

 

 

 

Italo Svevo

“Senilità”

A trentacinque anni Emilio Brentani vive un’esistenza grigia accanto alla sorella Amalia, una donna semplice e buona, ma non più giovane né bella finché incontra Angiolina una vitale e “facile” popolana con cui intreccia una relazione. Emilio attribuisce a questo rapporto un significato che l’indole morale…

 

 

 

 

Oscar Wilde

“Il delitto di Lord Arthur Savile”

E’ un racconto del 1887 che narra di Lord Arthur Savile acui, un chiromante predice una minaccia imminente: egli stesso sarà l’artefice di un omicidio…

 

 

 

 

Lev Toltoj

“Denaro falso”

Denaro falso è un racconto in due parti di Lev Tolstòj, ideato alla fine degli anni ottanta del XIX secolo, composto non prima del 1904 e pubblicato postumo nel 1911.
Il  racconto è diviso in due parti: nella prima la falsificazione di un titolo di credito di piccolo valore, fatta da due studenti, Mìtja e Màchin, innesca una catena di eventi che coinvolgono decine di altre persone…

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 1 marzo 2019

 

Carlos Ruiz Zafon

“Le luci di settembre”

Nell’estate del 1937 Simone Sauvelle, rimasta all’improvviso vedova, abbandona Parigi, assieme ai figli, e si trasferisce in un piccolo paese sulla costa per sfuggire agli ingenti debiti accumulati dal marito. Trova lavoro come governante per il facoltoso fabbricante di giocattoli Lazarus Jann in una gigantesca magione chiamata Cravenmoore, dove l’uomo vive con la moglie malata. Tutto sembra andare per il meglio. Lazarus si dimostra un uomo gradevole, tratta con riguardo Simone e i figli, ma…

 

 

 

 

 

Nicolas Barreau

“La donna dei miei sogni”

Un fugace incontro in un caffè di Parigi, un biglietto non del tutto leggibile con un nome e un numero di telefono.

Il romanzo d’esordio di Nicolas Barreau, porta i lettori in alcuni dei luoghi più affascinanti e romantici dalla Ville Lumiere. Da leggere.

 

 

 

 

 

 

Antonio Moresco

“L’addio”

E’ un travolgente romanzo, metafisico e d’azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore , delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile.

La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto.

 

 

 

 

 

Francesco Recami

“Commedia nera n. 1”

Un legame coniugale opprimente, un doppio vincolo, una prigionia psicologica che si trasforma inevitabilmente in una vera prigione dalla quale l’unica evasione possibile è il delitto.

 

 

 

Jeffery Deaver

“La bambola che dorme”

Il romanzo ha tutti i classici ingredienti “deaveriani”, ritmo serratissimo, suspense mozzafiato, trama perfettamente congegnata, colpi di scena a ripetizione e, in più due protagonisti – antagonisti memorabili: un killer astuto e una figura di detective molto umana.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 27 febbraio 2019

 

Luis Sepùlveda- Carlo Petrini

“Un’idea di felicità”

La felicità è ancora di questo mondo? In un’epoca frettolosa e spesso cupa, dai ritmi di vita e di lavoro innaturali, dov’è finito il tempo per la vita, per la persona, per la condivisione? C’è ancora, è la risposta di Luis Sepùlveda e Carlo Petrini, purché sappiamo trovarlo, rubando ai nostri giorni frenetici lo spazio per far germogliare un seme, per scambiarci un aneddoto spezzando il pane, o per fare la nostra parte nella battaglia per un mondo più sostenibile e generoso. Dall’Amazzonia al cuore dell’Africa, dall’esperienza amara dell’esilio all’abbraccio collettivo di Terra Madre, ricordi e pensieri di due autori d’eccezione si intrecciano in una conversazione che attraversa attualità e letteratura, gastronomia e politica, difesa della natura e della tradizione. Tra incontri e racconti, storie di grandi leader e di piccoli eroi del quotidiano, Petrini e Sepùlveda ci guidano alla ricerca di quel diritto al piacere che è oggi il più rivoluzionario, democratico, umano degli obiettivi…

 

 

 

Herman Koch

“La cena”

Due coppie sono a cena in un ristorante di lusso. Chiacchierano piacevolmente, si raccontano i film che hanno visto di recente, i progetti per le vacanze. Ma non hanno il coraggio di affrontare l’argomento per il quale si sono incontrati: il futuro dei loro figli. Michael e Rick, quindici anni, hanno picchiato e ucciso una barbona mentre ritiravano i soldi da un bancomat. Le videocamere di sicurezza hanno ripreso gli eventi e le immagini sono state trasmesse in televisione. I due ragazzi non sono stati ancora identificati ma il loro arresto sembra imminente, perché qualcuno ha scaricato su Internet dei nuovi filmati, estremamente compromettenti…

 

 

 

 

 

Anita Nair

“Il custode della luce”

Nell’India del XVII secolo vive e commercia Idris, mercante somalo ed “eterno viaggiatore alla ricerca dei confini della terra e dell’uomo”. Arrivato nel Malabar in occasione dei festeggiamenti in onore dello Zamorin, nel grande tumulto di quei giorni incontra Kandavar, un ragazzino di nove anni, e capisce subito che è il figlio che non sapeva di avere, frutto di una fugace relazione proibita. Idris vuole imparare a conoscere Kandavar e provare a insegnargli quello che sa, nel tentativo di sottrarlo al destino della sua casta, quello di diventare un guerriero suicida. Ma…

 

 

 

 

 

David Mitchell

“I mille autunni di Jacob de Zoet”

È il 1799 e Jacob de Zoet, un povero apprendista di bottega,  per ottenere la mano di Anna, la figlia del padrone, dovrà accumulare una piccola fortuna. Così, parte con un importante incarico della Compagnia delle Indie Orientali per l’isola di Dejima, unico punto di contatto con il Giappone. Cinque anni deve durare il mandato, poi potrà tornare, con la sua dote, per sposare la fidanzata. Quando Jacob arriva a destinazione si trova in un mondo nuovo che lo affascina subito: la piccola isola artificiale è selvaggia e dolce al contempo. Jacob ne è attratto immediatamente…

 

 

 

 

Philippa Gregory

“La sesta moglie”

A trent’anni, Caterina Parr è una donna ancora giovane, eppure già vedova due volte, di due mariti sposati per ragioni molto pratiche e ben poco romantiche. Ora, finalmente, ha un amore segreto che la appaga profondamente, e non chiede di più. Ma quando un uomo abbastanza vecchio da essere suo padre, un uomo che ha già seppellito quattro mogli, le intima di sposarlo, lei non ha scelta e..

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 26 febbraio 2019

 

 

Maurizio De Giovanni

“Il metodo del coccodrillo”

Un killer freddo e metodico sta seminando il panico in città. Lo chiamano il Coccodrillo. Come il rettile sa aspettare la preda e colpirla al momento giusto, e dopo aver ucciso piange, o almeno cosí sembra. Delle indagini finirà con l’occuparsi, quasi per caso e con disappunto dei superiori, un ispettore siciliano trasferito da Agrigento per punizione. Un pentito lo ha accusato di collaborare con la mafia e lui ha perso ogni cosa: il lavoro, la moglie, la figlia. Il suo nome è Giuseppe Lojacono e sorprenderà tutti, tranne il giovane magistrato Laura Piras, donna brusca e appassionata che crede in lui da subito. I due avranno modo di incontrarsi di nuovo: a Pizzofalcone …

 

 

 

 

Andrea Vitali

“A cantare fu il cane”

La quiete della notte tra il 16 e il 17 luglio 1937 viene turbata a Bellano da un grido di donna che urla. Ha visto un’ombra sospetta muoversi tra i muri di via Manzoni. E in effetti un balordo viene poi rocambolescamente acciuffato dalla guardia notturna Romeo Giudici. È Serafino Caiazzi, noto alle cronache del paese per altri piccoli reati finiti in niente soprattutto per le sue incapacità criminali.

 

 

 

 

 

 

Marco Buticchi

“La luce dell’Impero”

“XIX secolo”. Austria e Francia sono acerrime nemiche sui campi di battaglia. Perché allora Massimiliano d’Asburgo, per volere dell’avversario di sempre Napoleone III, viene nominato imperatore del Messico, un paese oggetto da tempo di violentissime rivolte? Massimiliano è un sovrano illuminato, amante delle meraviglie della natura e desideroso d’apprendere. Perché, nei suoi diari di viaggio, non parla dell’acquisto di due diamanti considerati ancor oggi i più grandi e preziosi mai estratti nel nostro emisfero?

 

 

 

 

 

Charlotte Link

“L’ultima volta che l’ho vista”

Galles, 2009. Una calda e bellissima giornata di agosto. Boschi e colline solitarie da una parte, la potenza del mare dall’altra. Vanessa e Matthew Willard, in viaggio da Holyhead a Swansea, si fermano in un parcheggio isolato. L’uomo si allontana per pochi minuti, e al suo ritorno scopre che la moglie è scomparsa senza lasciare traccia.
Matthew non sa che è stata rapita: il suo sequestratore, Ryan Lee, la rinchiude in una grotta nella «valle della volpe», un luogo isolato che lui solo è in grado di raggiungere, ma viene arrestato e incarcerato per un crimine precedente. Di Vanessa non si sa più nulla, e il marito sprofonda nell’incubo dell’incertezza. Nessun indizio, nessuna pista concreta. Tre anni dopo, Ryan viene rimesso in libertà…

 

 

 

 

Sarah Vaughan

“Anatomia di uno scandalo”

Westminster, Londra. James Whitehouse è un uomo di potere, un maschio attraente, un padre devoto. Ed è accusato di violenza sessuale da una donna con cui ha ammesso di aver avuto una relazione. La moglie Sophie è convinta della sua innocenza, ma le sue certezze, o forse le sue speranze, si scontrano con la tenacia di Kate, l’avvocata dell’accusa, determinata a colmare il divario tra giustizia e privilegio. La verità, come spesso accade, è complessa…  Thriller psicologico, ritratto di famiglia e insieme giallo giudiziario…

 

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 25 febbraio 2019

 

Glenn Cooper

“Il libro delle anime”

È un semplice libro antico, ma custodisce un segreto. Un segreto che è stato scritto col sangue nel 1297 da innumerevoli scrivani coi capelli rossi e con gli occhi verdi, forse toccati dalla grazia divina, forse messaggeri del diavolo.  E’ riapparso nel 1334, in una lettera vergata da un abate ormai troppo anziano per sopportare il peso di quel mistero…

 

 

 

 

 

 

 

Michela Marzano

“Avere fiducia”

Michela Marzano dà avvio alla  riflessione sul senso e sul valore della fiducia negli altri nella società contemporanea in cui, da tempo, dominano paura e sfiducia.

 

 

 

 

 

 

Ernst H. Gombrich

“Ombre”

Non gli oggetti che sono nei quadri, ma la loro ombra fa da filo conduttore al volume. Ernst Gombrich ci parla della presenza di qualcosa di incorporeo, che diventa reale solo perché può essere guardato, e quindi rappresentato figurativamente. E nel contempo ci mostra l’importanza di qualcosa che, nell’alternanza di zone chiare e scure, disegna gli oggetti, consentendoci di identificarne la forma.

 

 

 

 

 

 

Italo Calvino

“Il cavaliere inesistente”

Il romanzo si svolge tra i paladini di Carlomagno, in quel Medioevo fuori d’ogni verosimiglianza storica e geografica che è proprio dei romanzi cavallereschi.

 

 

 

 

 

 

 

Gustavo Zagrebelsky

“Diritto allo specchio”

Diritto allo specchio è una riflessione sul diritto che, per chiarezza e profondità, si volge a un ampio pubblico. Il libro già dal titolo segnala il suo intento: chiarire la natura del diritto attraverso i tanti problemi in cui s’imbatte chiunque, per qualsiasi ragione, entra nel mondo giuridico, incontrandone molteplici e spesso confliggenti concezioni. Tra queste, non solo il giurista di professione ma anche il singolo …

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 22 febbraio 2019

 

 

Vinicio Caposella

“Non si muore tutte le mattine”

Non si muore tutte le mattine è il primo libro scritto dal cantautore Vinicio Capossela e pubblicato nel 2004.Non viene definito “romanzo” nel senso più comune del termine, poiché non c’è lo svolgersi lineare di una trama: ha una struttura molto frammentata che rende particolare la lettura.

 

 

 

 

 

Claudio Rendina

“Vita segreta dei Papi”

Racconti ambientati all’epoca delle catacombe, o nell’oscuro Medioevo tra personaggi femminili in veste di “papesse” e antipapi manovrati dagli imperatori, tra limpide figure di santi e ambigui fautori di crociate dalle dubbie finalità, dalla “cattività” avignonese allo scisma d’Occidente. L’esaltazione rinascimentale e barocca accompagna la creazione di uno Stato della Chiesa che mette in vendita le indulgenze e impone il serraglio degli Ebrei, uno Stato coinvolto in processi della Santa Inquisizione, cui la breccia di Porta Pia non impedirà di rinnovarsi come Santa Sede nel contesto della Città del Vaticano.

 

 

 

 

Italo Calvino

“Sono nato in America….”

Centouno interviste distribuite nell’arco di quattro decenni: il più imponente corpus disponibile di autocommenti calviniani. L’effetto è quello di un grande cantiere autobiografico: un’autobiografia in progress, mobile e sfaccettata, costruita per successive espansioni: un’auto-presentazione simile a un prisma rotante che prende forma davanti ai nostri occhi, senza mai consentire una visione completa e stabilizzata. Proprio così, forse, Calvino avrebbe desiderato apparire: coerente ma non inerte, dinamico senza essere dispersivo, e intento a un’assidua costruzione di sé, nella quale può riuscire di volta in volta ostinato o volubile, tenace o extravagante, ma mai immobile, mai appagato o equivoco.

 

 

 

 

 

Franco Fortini

“Attraverso Pasolini”

Scrive Franco Fortini: “E’ qui raccolto quel che dal 1952 a oggi ho scritto su Paolini: articoli, appunti, saggi, lettere, intenzioni, polemiche e pretesti. A quelle scritture, le edite e le inedite, accompagno informazioni e commenti, spesso intenzionalmente arbitrari. Non ho avuto in passato, voglio ripeterlo, né ho l’intenzione o capacità di tenere oggi un vero discorso critico sull’opera di Pasolini. Il lettore si avvedrà da solo dei limiti e dei propositi dei singoli contributi.” E, a proposito del titolo: “Vorrei perciò dare a quel verbo anche un altro e non secondario significato: quello di reciproco intoppo, contraddizione, ostacolo.

 

 

 

Giacomo da Lentini

“I poeti della scuola Siciliana”

II volume è interamente dedicato a Giacomo da Lentini (1210 ca-1260 ca), il “fondatore” della lirica italiana, oltre che caposcuola dei poeti siciliani, autore di sorprendente maturità e di altissimo valore poetico, “inventore” del sonetto. Nel Meridiano sono riprodotti tutti i componimenti (canzoni e sonetti) attribuitigli con verosimiglianza dalla tradizione manoscritta: tra questi si possono ricordare le canzoni “Madonna”, “dir vo voglio” (che apre il codice Vaticano Latino 3793, il più importante canzoniere delle origini, ed è citata da Dante nel “De vulgari eloquentia”), “Meravigliosamente” (la canzone più celebre di Giacomo, presente in tutte le antologie)

 

 

 

 

Letture consigliate giovedì 21 febbraio 2019

 

 

Khaled Hosseini

“E l’eco rispose”

Sulla strada che dal piccolo villaggio di Shadbagh porta a Kabul, viaggiano un padre e due bambini. Sono a piedi e il loro unico mezzo di trasporto è un carretto rosso, su cui Sabur, il padre ha caricato la figlia di tre anni…

 

 

 

 

 

 

Pasolini, Saggi sulla letteratura e sull’arte

“I Meridiani”

L’opera, in due tomi, è curata da Walter Siti e Silvia De Laude e introdotta da un saggio di Cesare Segre. Vi si trovano “Passione e ideologia”, “Empirismo eretico. Descrizione di descrizioni”, ma anche saggi sparsi in giornali e riviste e dichiarazioni rilasciate per inchieste, tavole rotonde, dibattiti letterari.

 

 

 

 

 

Georges Simenon

“Pedigree”

Georges Simenon nella introduzione al suo romanzo “Pedigree”, ci confessa di essere stato mosso da motivi privatissimi a ricostruire la sua prima infanzia e parte della sua adolescenza, vissute a Liegi sotto le ali protettive di una madre ambiguamente compassionevole. Minacciato da un male oscuro lo scrittore trentenne avrebbe voluto trasmettere a suo figlio i dati del suo pedigree famigliare, spinto da un bisogno di verità, di comunicazione, totale. ..

 

 

 

 

 

Elisabeth George

“Le conseguenze dell’odio”

Non c’è pace per l’ispettore di New Scotland Yard Thomas Lynley. che, reduce dalla difficile indagine condotta in Italia, si trova a scavare tra i segreti, i risentimenti e i rimorsi di una famiglia segnata da un lutto terribile: un suicidio che, ogni giorno di più, rivela risvolti agghiaccianti, costringendo Lynley ad affrontare i suoi stessi, dolorosissimi fantasmi, in quello che si annuncia come il caso più complesso della sua carriera. La vita non sorride nemmeno al suo storico braccio destro, Barbara Havers, che attraversa una profonda crisi personale e professionale.

 

 

 

 

 

Emily Murdoch

“Il segreto delle stelle bianche”

Carey vive nel bosco da quando ha quattro anni. Deve prendersi cura della sorellina Jenessa lottando contro il gelo, la fame e una madre dipendente dalle droghe. Jenessa non parla. Ma non è muta. La notte delle stelle bianche ha fatto calare il silenzio e ha fatto nascere il segreto che il bosco custodisce come uno scrigno. Un giorno, all’improvviso, un rumore di passi cambia per sempre la vita delle due sorelle. Un uomo e una donna. La donna è un’assistente sociale e l’uomo è quell’uomo: il padre di Carey. Le tessere del puzzle si incastrano, i ricordi riaffiorano…

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 19 febbraio 2019

 

 

 

Primo Levi

“Se non ora , quando?”

In questo romanzo Primo Levi racconta le avventure drammatiche e vere di quei partigiani ebrei polacchi e russi che resero colpo su colpo a chi tentò di sterminarli. Venato di comicità sottile e mai incline a mai compiaciute descrizioni, “Se non ora, quando?” è il primo , vero romanzo dell’autore.

 

 

 

 

 

 

 

 

Eric R. Kandel

“L’età dell’inconscio”

“Kandel, uno dei pionieri nelle moderne neuroscienze, ha efficacemente stabilito un ponte fra le due culture, la scienza e gli studi umanistici. Un compito che molti filosofi hanno considerato impossibile.”

 

 

 

 

Paolo Crepet

“I figli non crescono più”

Molti adolescenti di oggi non si sentono spinti a camminare da soli, a rischiare. In questo libro, rivolto ai giovani ma anche ai loro genitori e insegnanti, Crepet affronta una delle più forti ipoteche su futuro della società e cerca di suggerire i possibili rimedi che coinvolgono sopratutto la famiglia e la scuola.

 

 

 

 

 

Piero Chiara

“Saluti notturni dal Passo della Cisa”

La verità sul delitto Spinacroce, una verità certa e univoca, sembra  inafferrabile. L’interesse, senza dubbio, l’avidità, il cinismo, forse la passione, sono la chiave per spiegare quei due cadaveri trovati, nella bella villa borghese…

 

 

 

 

 

 

Jean- Marc Louis

“Riconoscere e aiutare i bambini precoci”

Il bambino precoce all’inizio sorprende, ma presto sconcerta. Nella prima parte del libro, dedicata al riconoscimento della precocità, seguono riflessioni e indicazioni pratiche per i genitori e per i diversi operatori, al fine di favorire l’inserimento scolastico e sociale del bambino precoce.

 

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 18 febbraio 2019

 

 

Flavia Falcone

“La Violetta di Santa Gertrude”

Il 13 gennaio 1915 alle 7.48, un violento terremoto dell’XI grado della Scala Mercalli, colpì l’Italia centrale. La città di Sora, registrò 262 morti sotto le macerie. Il libro, molto scorrevole,  racconta la storia di una di quelle vittime:Elvira Dell’Unto nata ad Avezzano il 29 agosto 1912 e deceduta a Eboli il 10 novembre 1983.

 

 

 

 

 

 

 

James Patterson

“Private L. A.”

La coppia di attori più famosa di Hollywood è stata rapita o forse addirittura uccisa…Un’indagine nel mondo dorato e pericoloso del cinema per Jack Morgan.

 

 

 

 

 

Emily Giffin

“Il luogo del cuore”

Per diventare madre e figlia ci può volere un solo istante oppure quasi vent’anni. Ma da quel momento la nostra vita avrà un nuovo sapere.

 

 

 

 

 

 

Carol Shields

“In cerca di Daisy”

Un romanzo strano e bellissimo. Carol Shields ha esplorato i misteri della vita con allegro abbandono, assumendosi insoliti rischi lungo la strada…

 

 

 

 

 

 

Julie Kibler

“Tra la notte e il cuore”

Ci racconta di un amore impossibile, di un’amicizia senza tempo e di come la vita a volte ci può regalare una seconda occasione, perchè il perdono può guarire ogni ferita.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 15 febbraio 2019

 

 

Alda Merini

“L’altra verità”

“La felicità questo testo non è altro che l’incontro con la perfezione del dolore; la salvezza è il battesimo verbale della disperazione”

 

 

 

 

 

 

Paolo Di Paolo

“Una storia quasi solo d’amore”

Si incontrano una sera di ottobre, davanti a un teatro. Lui, rientrato da Londra, insegna recitazione a un gruppo di anziani. Lei lavora in un’agenzia di viaggi. Dal fascino indecifrabile di Teresa, Nino è confuso e turbato e…

 

 

 

 

 

 

Blanca Busquets

“L’ultima neve di primavera”

“Un omaggio alle donne che in ogni epoca hanno avuto il coraggio di prendere in mano la penna per raccontare la propria solitudine, rompendo il silenzio a loro imposto.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Camilla Baresani

“Un’estate fa”

“Ogni inizio contiene un delitto passionale: è l’omicidio che si compie ai danni del proprio passato sentimentale, cancellandolo come non fosse mai esistito.”

 

 

 

 

 

 

 

 

 Paolo Cognetti

“Le otto montagne”.

Una storia di amicizia tra due ragazzi, così diversi  da assomigliarsi, un viaggio avventuroso e spirituale fatto di fughe e tentativi di ritorno, alla continua ricerca di una strada per riconoscersi.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 13 febbraio 2019

 

 

Gaio Valerio Catullo

“Le poesie”

Appassionato nei versi d’amore, ironico nell’invettiva personale, divertente nel descrivere la vita quotidiana, tra i grandi poeti dell’antichità classica, Catullo è quello che riesce a parlare con più immediatezza al lettore contemporaneo, regalandogli l’emozionante esperienza di una identificazione senza filtri con i sentimenti di un passato remoto.

 

 

 

 

Ovidio

“L’arte di amare”

“L’Arte di amare”è il libro più irresistibile di Ovidio. Fin dai primi versi ci informa che l’amore è un gioco psicologico, un’attrazione erotica, un ricamo dell’intelligenza, un continuo inganno. Ovidio vuole trasformare l’amore in un’arte e in una tecnica, come quelle del cacciatore, del mercante e del marinaio (sebbene, poi, quella di amare sia la più impossibile delle arti, e l’unico consiglio che Ovidio può darci è di conservare l’animo flessibile e proteiforme, adattandoci alla molteplicità del mondo umano).

 

  

 

 

Hikmet

“Poesie d’amore”

Partecipe in eguale misura dell’estrema dolcezza orientale e di una certa crudezza di ritmi di tipo occidentale, in queste “Poesie d’amore”, accompagnate dalle foto di Robert Doisneau, Hikmet ci mostra le due facce della sua natura, lirica ed epica, saldate in un risultato unico. Versi immortali, che riassumono nell’elemento erotico i diversi aspetti dell’attività e dell’esperienza dell’autore, poeta d’amore perché prima di tutto poeta di battaglie e di idee.

 

 

 

 

 

Rosa Ventrella

“Il giardino degli oleandri”

C’è un oleandro in fiore nel giardino di una casa a Carbonara, in Puglia. Lo ha piantato Agostino, quando si è trasferito lì con sua moglie Anita, per tutti “Margiala”. Donna di rara e profonda bellezza, la Margiala ha il potere di lenire i dolori dei neonati, è aiuto prezioso durante i parti e all’occorrenza è in grado di togliere il malocchio. Ha tre figlie: Rosetta, Cornelia e Diamante, la più piccola. La prima è bella e selvaggia come lei. La seconda ha i capelli color miele e gli occhi chiari del padre. Diamante invece è paffuta e la sua testa è sempre arruffata: da quei ricci indomiti – le ripete la madre – deriva il suo spirito ribelle. Con occhio severo, che quasi mai indulge alla tenerezza, la Margiala assiste negli anni alla morte del marito, al sopraggiungere della guerra e alla crescita delle figlie, con i loro amori infelici, le passioni brucianti, le delusioni amare. ..

 

 

 

Jacques Prèvert

“Poesie”

Nell’immaginario di molti lettori la poesia d’amore si identifica con la poesia di Jacques Prévert. Ed è una fama meritata, questa, per il grande autore francese. In un secolo in cui la poesia, spesso e volentieri, ha scelto la cifra dell’oscurità e la strada di un’inevitabile distanza dal grande pubblico, Prévert ha avuto il coraggio di andare controcorrente, di mirare dritto al cuore dei lettori, di intonare la sua voce sul registro della sincerità e della spontaneità, adottando un linguaggio intessuto di una fitta rete di rimandi, giochi di parole e puntate ironiche.

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 12 febbraio 2019

 

Carlo Fruttero, Massimo Gramellini

“La Patria bene o male”

“Non sembra il caso di suggerire ai nostri lettori di non aspettarsi i grandiosi affreschi di Tucidide o Tacito, di Machiavelli o Gibbon. Tutti sanno che non siamo storici e non avremmo comunque il mestiere e il genio per guardare a tali altezze. Ma da quei maestri una lezione l’abbiamo pur appresa: la Storia obiettiva, la Storia imparziale, la Storia definitivamente veritiera non esiste, può essere soltanto un’aspirazione, una meta intravista e irraggiungibile. Ogni pagina di questo libro è arbitraria e contestabile. Abbiamo scelto 150 giornate a nostro avviso significative, distribuendole equamente fra i quindici decenni dell’Italia Unita. Ma cosa vuol dire significative?

 

 

 

Giancarlo Pansa

“Sangue sesso soldi”

 

De Gasperi ha salvato la libertà dell’Italia e non era affatto un lacchè del governo americano. Togliatti veniva chiamato il migliore, ma per molti era il peggiore perché s’inchinava davanti ai baffi di Stalin. L’editore Feltrinelli non è stato eliminato dai servizi segreti, si è ucciso nell’inseguire la chimera di una rivoluzione proletaria. Il Sessantotto si è rivelato un tragico bluff che ha distrutto la nostra Università. Andreotti  -Belzebù le ha sbagliate tutte? Assolutamente no.

 

 

 

Danielle Steel

“Un angelo che torna”

 

Alice e Johnny, una madre e un figlio, un legame potente e indistruttibile. Lui è bello, simpatico, intelligente e… innamorato. Al ritorno dal ballo studentesco, però, un terribile incidente d’auto cancella di colpo i suoi diciassette anni e sconvolge la vita della sua famiglia e della sua ragazza Becky. È soprattutto Alice che sembra non reggere al lutto che le ha lacerato il cuore e le rende insopportabile svegliarsi la mattina per affrontare un nuovo giorno. Ma i miracoli accadono, basta solo volerli, crederci. Dapprima presenza impalpabile, fugace apparizione che turba i sogni della donna. Poi invisibile (agli occhi degli altri), intima compagnia e bene ancora più grande e profondo di quando era in vita.

 

 

Massimo Recalcati

“I tabù del mondo”

 

In un’analisi lucida e appassionata, Recalcati ci dice che dobbiamo distinguere due versioni del tabú: «da una parte la sua forma semplicemente ideologico-superstiziosa; il tabú come luogo di restringimento e oppressione della vita. Dall’altra una forma del tabú come ammonimento e indice simbolico. Il nostro tempo sembra aver dissolto ogni confine, compresi quelli stabiliti dai tabú. Non esiste piú un limite che non sia possibile valicare. La trasgressione è divenuta un obbligo che non implica alcun sentimento di violazione. La disinibizione diffusa ha preso il posto della reverenza passiva e sacrificale di fronte alle nostre vecchie credenze…

 

 

Maurizio De Giovanni

“Cuccioli”

 

Una neonata viene abbandonata accanto a un cassonetto della spazzatura. Una giovane domestica ucraina rimane presa in una morsa di avidità e frustrazioni. I piccoli animali randagi spariscono dalle strade. Cullata dall’aria frizzante di un giovane aprile, la città sembra accanirsi contro l’innocenza. Il compito di combattere un male più disumano del solito tocca a una squadra di poliziotti in cui pochi credono. Li chiamano i Bastardi di Pizzofalcone. In una società che si sgretola, dove il privilegio diventa sopraffazione, i poliziotti di Maurizio de Giovanni combattono non solo il crimine, ma anche l’indifferenza verso chi è più debole. Perché quando la violenza colpisce gli indifesi, a perdere siamo tutti.

 

 

 

Letture consigliate lunedì 11 febbraio 2019

 

Giuseppe Mammarella

“L’Italia contemporanea”

Il volume traccia la storia del nostro paese a partire dalla seconda guerra mondiale per giungere ai giorni nostri. Dalla caduta del fascismo alle elezioni del ’48, dagli anni del centrismo a quelli del centro-sinistra, sino al terremoto politico del 1992 e, attraverso le vicende della Seconda Repubblica, alla crisi politica culminata nella caduta del governo Berlusconi nel novembre 2011. Pur privilegiando l’aspetto politico e istituzionale, l’autore non trascura i problemi economici e sociali, e il contesto internazionale.

 

 

 

Simonetta Agnello Hornby

“Nessuno può volare”

 

Un racconto che si dipana dall’inconsueta famiglia siciliana dell’autrice fino ai più recenti viaggi con il figlio George e i nipoti, alla scoperta dei tesori del nostro patrimonio artistico e delle barriere architettoniche che ne limitano l’accesso.
Quando si nasce in una famiglia inconsueta come quella di Simonetta Agnello Hornby, sin da piccoli si cresce con la consapevolezza…

 

 

 

 

Melissa Hill

“Un matrimonio complicato”

 

Cara, una giovane designer di successo, è felice. La ciliegina sulla torta arriva quando Shane, il suo fidanzato bello, intelligente e sicuro di sé, le chiede di sposarlo: il matrimonio sarà il sigillo del loro sogno d’amore. I due non vedono l’ora di festeggiare con un’idilliaca cerimonia su una spiaggia caraibica, con il sole al tramonto e il caldo abbraccio delle famiglie e degli amici che amano. Ma qualcosa va storto e…

 

 

 

Sveva Casati Modignani

“Dieci e lode”

 

Passiamo tanto tempo a inseguire sogni che ci sfuggono di mano, una felicità che non si lascia catturare. E poi capita che il meglio della vita si sveli in un attimo, magari nella magia di un incontro inatteso.

 

 

 

 

 

 

Simona Colarizi

“L’opinione degli italiani”

 

partire dalle relazioni degli informatori di polizia, qui selezionate, esposte e commentate, l’autrice delinea un quadro rivelatore degli umori e delle opinioni degli italiani dal 1929, quando il regime totalitario è ormai consolidato, al 25 luglio 1943, il momento del crollo. Un libro per capire la questione cruciale del consenso al fascismo.

 

 

Letture consigliate venerdì 8 febbraio 2019

 

 

Elena Ferrante

“Storia della bambina perduta”

Storia della bambina perduta è il quarto e ultimo volume dell'”Amica geniale”. Le due protagoniste Lina (o Lila) ed Elena (o Lenù) sono ormai adulte, con alle spalle delle vite piene di avvenimenti, scoperte, cadute e “rinascite”. Ambedue hanno lottato per uscire dal rione natale, una prigione…

 

 

 

 

 

 

 

 

Giulia Fiore Coltellacci

“I segreti tecnologici degli antichi romani”

La tecnologia non è un’invenzione dei tempi moderni, ma accompagna la vita dell’uomo da sempre.  Sbirciando i segreti con cui i romani hanno progettato la città, gestito l’Impero e organizzato il tempo libero, ovvero svelando la più grande “invenzione” di questa intramontabile civiltà – il suo sistema di vita – si tocca con mano che il modus vivendi…

 

 

 

 

 

Mauro Corona

“Aspro e dolce”

L’epopea di Erto e dei suoi abitanti narrata in prima persona da Mauro Corona, protagonista e sciamano. Uomini di foreste e bevute, donne di coraggio e fatica, femmine sciccose per rompere la solitudine di una sera, tra una sbronza e una rissa. La fantasia e la rabbia, la gioia di vivere, la festa e la morte riportate alla memoria in un’ennesima levata di bicchieri, brindisi alla vita, l’aspro e il dolce assaporati insieme. Autobiografia di un uomo, romanzo fatto di avventure, di beffe e di omeriche bevute, il libro è anche la storia di un intero paese distrutto e rinato, a suo modo, dalla catastrofe. Immancabile sfondo è la natura, madre e matrigna…

 

 

Federico Chabod

“L’Italia contemporanea”

Libro esemplare, ogni italiano dovrebbe leggerlo. In questo testo troviamo una chiara ed essenziale storia dell’Italia nel trentennio 1918-1948, periodo in cui la vita per gli italiani fu “estremamente complessa, quasi sempre, si può dire, drammatica e talvolta tragica” . Alla fine di questo bel libro capiamo che il nostro paese,alla fine del trentennio 1918-1948 è “rimasto saldamente in piedi nonostante una crisi senza uguali” e questo grandissimo risultato è costato agli italiani lacrime e sangue. Onore a questi uomini e a queste donne!

 

 

 

 

 

 

Giorgio Bocca

“Fratelli coltelli”

Di Giorgio Bocca sono note la vena polemica e la mordace ironia che puntellavano con forza i suoi commenti sulla situazione politica. Per Bocca,eccellenza del giornalismo italiano era persino facile mettere alla berlina i tanti protagonisti delle vicende nazionali, grazie alla notevole conoscenza storica degli eventi…

 

 

 

 

 

Letture consigliate giovedì 7 febbraio 2019

 

 Tommaso Baris

“Il fascismo in provincia”

Come è cambiato il potere locale durante il fascismo? Quali ceti, beneficiando delle scelte della dittatura, hanno conquistato i vertici delle amministrazioni periferiche? Come ha inciso il partito nazionale fascista nelle province italiane? Una ricerca documentata su base locale tratteggia la strategia di controllo del governo fascista sul territorio provinciale italiano.

 

 

 

.

 

a cura del Centro di Studi Sorani Vincenzo Patriarca

”BARONIO E LE SUE FONTI”

Atti del Convegno internazionale di studi sul tema “Baronio e le sue fonti (Sora, 10 – 13 Ottobre 2007), promosso dal Centro di Studi Sorani “Vincenzo Patriarca”, nel quarto centenario della morte di Cesare Baronio (Sora,1538 – Roma,1607).

 

 

 

 

 

 

 

Basil Davidson

“La civiltà africana”

I sistemi sociali, le religioni, le arti, il profilo delle varie culture, le prospettive: un’immagine particolare della civiltà africana, aggiornata sino agli ultimi sviluppi.

 

 

 

 

 

 

David Hatcher Childress

“Le scoperte scientifiche delle antiche civiltà”

Sulla Terra 15.000 anni fa erano presenti civiltà altamente progredite e sofisticate, come quella di Atlantide, Osiride e l’impero Rama. Un saggio coinvolgente e interessante.

 

 

 

 

 

 

 

 

Clive Cussler

“Piranha”

1902, isola della Martinica: una terribile e totalmente inattesa eruzione del vulcano Pelée distrugge sotto la sua lava rovente la cittadina di Saint-Pierre. Insieme a centinaia di abitanti, l’eruzione uccide anche uno scienziato tedesco, i cui studi sono alla vigilia di una svolta sorprendente… Più di un secolo dopo, il comandante Juan Cabrillo, alla testa della sua ciurma, è impegnato a indagare su un traffico di armi tra il Venezuela e la Corea del Nord. A operazione conclusa, Cabrillo si ritrova inaspettatamente a fare i conti con un’arma micidiale nelle mani dei nemici: il prototipo di un ordigno sottomarino, ideato per raggiungere indisturbato l’obiettivo e distruggerlo. Dietro il prototipo sembra esserci uno studio…

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 6 febbraio 2019

 

Giuseppe Grossi

“Marsica”

Il volume è una guida storico-archeologica aggiornata della Marsica antica e medievale compilata dal maggior conoscitore di tale territorio. L’opera si compone di quattro parti e a conclusione, un elenco topografico di tutte le località monumentali, storico-archeologiche antiche e medievali ed un piccolo atlante per meglio collocare geograficamente i siti trattati nel loro divenire storico.

 

 

 

Arrigo Petacco

“O Roma o morte”

“È notorio” scriveva Massimo d’Azeglio pochi giorni dopo la proclamazione dell’unità d’Italia “che, briganti o non briganti, i napoletani non ne vogliono sapere di noi e che ci vogliono sessanta battaglioni, e pare che non bastino, per tenerci quel regno. Forse c’è stato qualche errore…” Era il 1861. L’Italia non era ancora fatta, anche se era già stata proclamata regno. Sfumato il progetto federalista di Cavour, il sogno unitario di Garibaldi e di Mazzini tardava a realizzarsi…

 

 

 

 

 

Silvano Patriarca

“Italianità”

Dai primi anni Novanta del secolo scorso l’interesse degli italiani per la questione dell’identità nazionale non accenna a diminuire. Le preoccupazioni per la fragilità dell’assetto nazionale si accompagnano alla questione della modernità, o della scarsa modernità, del paese e della qualità della sua cultura civile. Come mai un concetto come “carattere nazionale”, che ha perso legittimità in campo teorico, è ancora tanto radicato nella cultura popolare? Che genere di popolo siamo e perché ci comportiamo così? …

 

 

 

 

 

 

Angelo d’Orsi

“Intellettuali nel Novecento italiano”

 

Tesi di fondo dell’autore è che gli intellettuali italiani hanno privilegiato la tutela della propria “genialità” su ogni altro valore compreso quello della propria dignità. E, indipendentemente dagli orientamenti ideologici, gli intellettuali italiani hanno tutelato il proprio interesse di ceto, in nome di una solidarietà tra “colti”.

 

 

 

Arrigo Petacco

“L’Esodo”

Che cosa è accaduto esattamente nelle regioni dell’Istria, un tempo italiane, negli anni fra il 1943 e il 1947? Solo da poco tempo si ricomincia a parlare, dopo cinquant’anni di silenzio delle foibe e della pulizia etnica slava. Questo capitolo della nostra storia che si vorrebbe cancellare dalla memoria collettiva riemerge finalmente anche grazie a questa ricostruzione minuziosa e documentata.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 5 febbraio 2019

Pietro Margiotta

“SORA. Itinerario storico-turistico”

“E’ un itinerario turistico volto alla valorizzazione della nostra Città nel tentativo di un recupero di memoria storica….Le risorse turistiche, le opere d’arte, la storia, le curiosità si intrecciano in quest’opera in  modo puntuale e in un connubio indissolubile”.

 

Pietro Margiotta,Canistro

“storia e cultura, terra ed acqua”

 

“ Tra i paese della Valle Roveto, è Canistro a testimoniare l’incontro tra passato agropastorale e presente, segnato da motivi di modernità. Alle antiche manualità contadine e pastorali, si è passato, nel volgere di un secolo, all’attiva presenza di una centrale idroelettrica e…”

 

Pietro Margiotta

“Toponomastica sorana”

“E’ un’indagine sulla Città vista e sviluppata in una dimensione storica, statistica, urbanistica e vuole far conoscere non solo  l’esatta ubicazione di una piazza, di una strada, ma anche…

 

Costantino Jadecola

“Linea Gustav”

 

“..la descrizione dei fatti bellici costituisce solo il pretesto per evidenziare le molte vicende umane che si consumarono nel vasto scenario di guerra che dall’estate del 1943 all’inizio di quella successiva ebbe come ribalta della tragedia il territorio della Provincia di Frosinone e quello ad essa più vicino. Insomma, il territorio tagliato dalla Linea Gustav, teatro di furenti venti di guerra.”

 

Costantino Jadecola

“Roccasecca-Sora. I cento anni di una ferrovia”

“ Cento anni della ferrovia Roccasecca – Sora sono anche cento anni di economia e di costume, in definitiva di storia sociale e culturale della Media Valle del Liri…”

 

Letture consigliate lunedì 4 febbraio 2019

 

Michele Ferri

“Antifascisti senza gloria”

Uomini recuperati alla memoria collettiva per riflettere sul fenomeno del trasformismo sociale prima durante e dopo il Ventennio. In questa prospettiva di studio si inseriscono le biografie di “sovversivi”del Circondario di Sora…

 

 

 

 

 

Erri De Luca

“Il più e il meno”

 

Il più e il meno sono segni della contabilità, della partita doppia dare/avere. Qui riguardano lo scorrere del tempo. Il Più è già arrivato, era un vento di corsa alle spalle… Il Più è stato giovane e indurito come un callo. Il Meno governa il presente e mantiene quello che dice. Il Meno è sobrio, risoluto perchè deve condurre fino in fondo.

 

 

 

 

Glenn Cooper

“La mappa del destino”

 

Un codice medioevale salvato dal misterioso incendio di un’abbazia. La riproduzione di inspiegabili affreschi preistorici. Una mappa cifrata che porta a una grotta in cui nessuno è mai entrato.

 

 

 

Mario Luzi

“Lasciami, non trattenermi”

 

Luzi  presenta alcuni inediti assoluti, scritti nell’ultimo anno: una sorta di monologo, intimo e dolente, sulla propria vicenda coniugale e …

 

 

 

 

Francesca Barra

“Verrà il vento e ti parlerà di me”

Una storia in cui il passato ha il sapore delle cose preziose. Una storia in cui la cucina è vita. Due donne e la magia di trovare il proprio posto nel mondo.

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 1 febbraio 2019

 

Massimiliano Mancini

“I Volsci”

La storia ed i misteri di uno dei popoli italici che più di ogni altro  ha minacciato il destino di Roma. Il libro si propone di far capire e rivalutare la valenza storica e culturale delle aree della Ciociaria e  della Provincia Pontina e di rendere un tributo postumo ad un popolo italico, così misconosciuto quanto valoroso.

 

 

 

 

 

Marco Malvaldi

“Argento vivo”

  C’e una rapina nella casa di uno scrittore molto noto; col bottino, sparisce il computer in cui è salvato il suo ultimo romanzo non ancora consegnato alla casa editrice e incautamente non conservato in altro modo…

 

 

 

 

Giorgio Faletti

“L’ultimo giorno di sole”

 

Mentre tutti fuggono alla ricerca di un impropabile luogo dove potersi salvare da un imminente esplosione solare, una donna decide di restare nel paese dov’è nata, e di guardarsi dentro…

 

 

 

Francesco Abate

“Un posto anche per me”

 

“Un uomo che viaggia da solo sull’autobus della notte porta sempre con sé un gran segreto e lo accompagnano molte vergogne. E gli uomini che custodiscono segreti e vergogne è meglio non disturbarli”.

 

 

 

Luca D’Andrea

“Lissy”

 

Una giovane donna in fuga, un solitario che vive sulla montagna, un uomo divorato dal passato…Poi Lissy…

 

 

Letture consigliate lunedì 28 gennaio 2019

 

 

Georges Bensoussan

“L’eredità di Auschwitz”

Georges Bensoussan indaga con sguardo acuto e lucido non tanto la dinamica della shoah come fatto storico, quanto il modo in cui la civiltà occidentale ha gestito e gestisce la memoria dell’evento: una memoria spesso mistificante e conciliatrice, che tende ad attenuare la drammaticità dell’accaduto….la shoah è stata un’aberrazione unica nel corso della Storia e il problema, oggi, è il suo insegnamento alle generazioni presenti e future….

 

 

 

 

 

Aldo Carpi

“Diario di Gusen”

La storia può ripetersi tragicamente. Questo libro , uscito da un lager nazista, può servire da monito per non abbassare la guardia contro chi vuole cancellare la verità calpestando i diritti e la dignità dell’uomo…

 

 

 

 

 

Anna-Vera Sullam Calimani

“I nomi dello sterminio”

 

Shoah, catastrofe, lager, deportazione…queste sono le parole con le quali dopo la fine della seconda guerra mondiale si è cercato di “definire”l’evento più indicibile della storia , per renderlo comprensibile e farlo entrare nel nostro lessico e nelle nostre biblioteche mentali.

 

 

 

 

 

Anne Grynberg

“Shoah: gli ebrei e la catastrofe”

 

Alla vigilia della seconda guerra mondiale vivono in Europa nove milioni di ebrei. Più di cinque milioni  vengono eliminati in nome dell’ideologia hitleriana: è la Shoah , la catastrofe in ebraico, la storia del terribile genocidio ricostruita sulla base dei documenti e delle testimonianze. Perchè nessuno dimentichi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laurence Rees

“Auschwitz. I nazisti e e la soluzione finale”

 

Un autorevole studioso e documentarista ricostruisce l’origine e il funzionamento della più tristemente celebre macchina di morte nazista. Auschwitz, che fu dapprima luogo di prigionia per i dissidenti politici polacchi e successivamente campo di sterminio in cui trovarono la morte un milione di ebrei…..

 

 

 

Letture consigliate venerdì 25 gennaio 2019

 

Marco Revelli

“Non ti riconosco. Un viaggio eretico nell’Italia che cambia”

Un viaggio in Italia, da Torino a Lampedusa, sulle tracce di città e territori conosciuti, amati, e poi, a volte, perduti. Di luoghi dell’esperienza e della memoria che mutano nel tempo e nelle stagioni fino a “non riconoscerli più”….

 

 

 

 

Paulo Coelho

“Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto”

Per Pilar, il sogno di un’esistenza al fianco dell’amato sembra dissolversi nelle gelide acque del fiume Piedra, ma talvolta anche i gorghi, le cascate e i ciottoli di un torrente possono rinventare il destino e far comprendere che “amare significa comunicare con l’altro e scoprire in lui una particella di Dio”.

 

 

 

 

 

 

Carlo Cracco

“In principio era l’anguria salata”

Carlo Cracco ci accompagna alla scoperta di tutti gli ingredienti che danno valore a un piatto   ricordandoci che ciò che è importante è l’emozione che si prova nel gustarlo.

 

 

 

 

 

 

Antonio Biondi

“Lazio di ieri. Figure e Mestieri scomparsi”

Mons. Biondi rievoca l’atmosfera della Ciociaria di ieri. La scena è generalmente Morolo, ma potrebbe essere uno qualsiasi degli altri piccoli centri del frusinate. Il filo conduttore dell’opera è costituito da una lunga serie di lavoratori, che esercitano i più disparati mestieri, quasi tutti, ormai, scomparsi.

 

Gaetano Squilla

“La Chiesa di S. Silvestro in Sora”

Il libro di Don Gaetano Squilla venne pubblicato nel 1981 in coincidenza con una data storica  : il 22 gennaio del 1981 ricorrevano 950 anni dalla morte di S. Domenico, la cui Chiesa , sorta nel 1030 alla confluenza del  Fibreno con il Liri, continua ancora  oggi la sua storia gloriosa.

Domenico, visse gli ultimi anni della sua vita tra la Chiesa di S. Domenico e la Chiesa di S. Silvestro, fondata sul Colle di Cancello nel 1029 proprio da S. Domenico….

 

 

Letture consigliate giovedì 24 gennaio 2019

 

Raul Hilberg

La distruzione degli ebrei d’Europa.

L’idea di sterminare gli Ebrei prese corpo in un lontano passato, tanto che se ne può rintracciare un’allusione nella famosa omelia di Lutero contro i Giudei. Ma è solo con la formazione del Terzo Reich che la suggestione di una distruzione totale del “popolo eletto” si insinuò sempre più in tutta la società tedesca, assumendo una forma ben definita. Inesorabilmente, si formò una macchina destinata a condurre  fino alla soluzione finale lo sterminio…

 

 

 

 

 

 

Bruno Maida, La Shoah dei bambini

“La persecuzione dell’infanzia ebraica in Italia 1938-1945”

Questo libro racconta la storia dei bambini ebrei che furono perseguitati e deportati dall’Italia  dal 1938 al 1945. Racconta sia come vissero concretamente, sia l’aspetto psicologico più strettamente legato al trauma, poiché fu un’esperienza che coincise con la fase della crescita, indirizzando per sempre alcuni elementi della loro identità e del loro rapporto con il mondo.

 

 

 

 

“Il diario di Dawid Rubinowicz”

 

“Era un bimbo curioso… Una sola volta l’ho visto triste: piangeva. Fu quando gli dissi che i tedeschi avevano proibito ai ragazzi ebrei di frequentare le scuole. Lo trovai in un angolo del cortile , appartato. Guardava gli altri giocare, si sentiva solo, lo avevano escluso”.

Testimonianza della maestra di Dawid.

 

 

 

 

 

Rosella Postorino,

“Le assaggiatrici. Premio Campiello 2018”

Rosella Postorino ispirandosi alla vera storia di Margot Wolk, (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf) , racconta la vicenda di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della storia, forte dei desideri  della giovinezza. La prima volta in cui Rosa Sauer entra nella stanza in cui dovrà consumare i suoi prossimi pasti è affamata. Siamo nell’autunno del 1943, a Gross-Partsch, un villaggio molto vicino alla Tana del Lupo, il nascondiglio di Hitler. Ha ventisei anni, Rosa, ed è arrivata da Berlino una settimana prima, ospite dei genitori di suo marito Gregor, che combatte sul fronte russo. Le SS posano sotto ai suoi occhi un piatto squisito: “mangiate” dicono, e la fame ha la meglio su che combatte sul fronte russo.  Le SS posano sotto ai suoi occhi un piatto squisito: “mangiate” dicono, e la fame ha la meglio sulla paura…

 

 

Roma Ligocka

“La bambina col cappotto rosso”

 

“Mia madre e io aspettiamo in fila . E’ una giornata torrida. Il sole picchia sul mio cappotto rosso. Ho le gambe così stanche che riesco a malapena a reggermi in piedi. Ho una sete terribile e la gola secca. Ma so che devo rimanere in piedi, immobile. Gli uomini con gli stivali hanno i fucili puntati contro di noi e ci osservano.”

 

 

Letture consigliate martedì 22 gennaio 2019

 

Melissa Muller

“Anne Frank”

Scritto nel nascondiglio di Amsterdam fra il 1942 e il 1944 , il Diario di Anna Frank è il più diffuso documento letterario  sui crimini nazisti, e ha fatto di lei una delle figure più note del XX secolo…

 

 

Locke

“Lettera sulla tolleranza”

Il primo, il più argomentato e il più persuasivo manifesto per la tolleranza e la libertà di pensiero. La “Lettera sulla tolleranza”, e il Saggio sullo stesso tema che qui l’accompagna, sono tra i testi fondamentali della moderna cultura europea, tra quelli che più hanno contribuito ad educare alla civiltà liberale. E nello stesso tempo sono tra le pagine più attuali mai scritte. John Locke (1632-1704) è uno dei maggiori esponenti dell’empirismo inglese. ..

 

 

 

 

Nico Pirozzi

“Napoli Salonicco-Auschwitz”

Luglio 1938. Le leggi razziali si abbattono sulla comunità ebraica italiana. Anche sugli Hasson, commercianti greci emigrati a Napoli dopo l’incendio di Salonicco dell’agosto 1917. Gli Hasson sono costretti a lasciare l’Italia, e tornano a Salonicco alla vigilia dell’invasione fascista della Grecia. Con loro anche i due figli Giacomo e Dino, che grazie a un biglietto pagato dalla “Delasem” riescono a emigrare negli Stati Uniti. Da sfondo alla vicenda, la storia dei consoli Guelfo Zamboni e Giuseppe Castruccio, di Lucillo Merci e Riccardo Rosenberg, che riescono a fornire centinaia di documenti attestanti l’italianità di altrettante persone che vengono dirottate su Atene. Ma la storia degli Hasson è destinata a concludersi …

 

 

Tullia Zevi

“Ti racconto la mia storia”

Tullia Zevi, esule con la famiglia prima in Svizzera e poi negli Stati Uniti dopo le leggi razziali del 1938, ha partecipato attivamente alla lotta politica antifascista nei movimenti repubblicani e liberalsocialisti. Ha studiato musica e ha suonato anche nell’orchestra sinfonica di New York, ma alla fine della guerra il bisogno di partecipare alla ricostruzione della democrazia in Europa e in Italia l’ha condotta al giornalismo militante e all’impegno nell’Unione delle comunità ebraiche italiane…

 

 

 

 

I giusti d’Italia

“I non ebrei che salvarono gli ebrei. 1943-1945”

Il titolo di ‘Giusto tra le nazioni’ designa chi, non ebreo, abbia manifestato un atteggiamento amichevole nei confronti degli ebrei. Lo Yad Vashem, il più grande memoriale del mondo per le vittime della Shoah, attribuisce questo titolo ai non ebrei che durante la seconda guerra mondiale hanno soccorso ebrei in grave difficoltà senza alcun vantaggio personale ma, al contrario, rischiando in prima persona. Ancora oggi, ad ogni nuovo giusto vengono consegnati una medaglia e un diploma d’onore, durante una cerimonia che si svolge sia a Gerusalemme che nel paese d’origine. Qui sono raccolte le storie di questi uomini e di queste donne che hanno salvato non solo la vita di molti ebrei, ma anche la dignità umana e l’onore dei loro compatrioti.

 

 

 

Letture consigliate venerdì 18 gennaio 2019

 

Roberta Bernabei

“Chiese di Roma”

Questo volume dà conto dell’importanza della committenza religiosa nell’Urbe attraverso una rigorosa selezione di 100 edifici religiosi, meta dei percorsi di pellegrinaggio nel Medioevo, nel Rinascimento, negli anni della Controriforma e terreno della sperimentazione progettuale   più ardita in anni recenti. Le Chiese di Roma sono capolavori dell’architettura attraverso i secoli, ma anche scrigni preziosi  che racchiudono al loro interno capolavori di tutte le arti: affreschi, mosaici e pale d’altare, sculture, vetrate…

 

 

Renzo De Felice

“Mussolini il fascista:la conquista del potere 1921 – 1925”

Il lavoro di De Felice condotto su documenti inediti o poco noti, si conferma contributo storiografico di grande importanza e porta alla luce molti elementi nuovi accendendo su questi temi e su quegli anni un dibattito sempre attuale.

 

 

 

 

 

 

Eva Cantarella

“Pompei: i volti dell’amore”

 

Questo libro vuole illustrare con le parole e con le immagini: case, locali, strade e templi che parlano dei diversi volti dell’amore. I testi articolati in tre capitoli, illustrano i diversi aspetti o volti dell’amore: l’amore nel matrimonio, gli amori in vendita, i liberi amori.

 

 

 

Bruno Zevi

“Erich Mendelsohn Opera completa”

 

L’opera completa ha un enorme rilievo filologico e storico ed è uno strumento per ripensare il periodo tra le due guerre mondiali alla luce di una prospettiva angolata sull’inquieta esperienza degli ultimi decenni e sul futuro dell’architettura.

 

 

 

 

 

A cura di Israel Gutman

“Album Auschwitz”

 

L’album Auschwitz è il più importante documento iconografico sui campi di sterminio: mostra le fotografie scattate dai nazisti nel maggio 1944. sono le immagini della selezione a cui erano sottoposti i prigionieri ebrei. L’album, ritrovato da una detenuta, è stato utilizzato come prova giudiziaria nel processo di Francoforte contro venti criminali nazisti del campo.

 

Letture consigliate giovedì 17 gennaio 2019

 

 

Gregg Hurwitz

“Orphan X”

Orphan X è un ragazzo emarginato, strappato a un futuro già scritto e trasformato in un sicario al servizio del governo americano. Ma quando decide di cambiare vita si trasforma da cacciatore in preda e…

 

 

 

 

Irene Nemirovsky

“I doni della vita”

Alla vigilia del matrimonio, Pierre decide di infrangere quella invisibile  ma solida barriera destinata a proteggere i giovani dalle insidie della sorte e dalle loro stesse passioni. E’ la legge non scritta per la quale intere generazioni, mediante accoppiamenti giudiziosi, stringevano  sempre più i legami tra le poche famiglie della ricca borghesia di provincia e…

 

 

 

 

 

Gianni Rodari

“La torta in cielo”

La storia divertente è ambientata nella Scuola Elementare Collodi, Borgata del Trullo, Roma, tra gli scolari della signorina Bigiaretti, a contatto cioè con la realtà viva della scuola, con il supporto dei bambini, miniera inesauribile di trovate, di soluzioni ardite e di impreviste soluzioni.

 

 

 

 

A cura di Stefano Zucchi

“La Natura morta”

Il volume presenta l’evoluzione, la fortuna, i capolavori della natura morta, inoltre vengono svelati  i  significati simbolici, le soluzioni creative, l’originalità dei maestri internazionali.

 

 

A cura di Gerard G. Aymonin

“L’Erbario delle quattro stagioni”

Pubblicato nel 1613 dal botanico e farmacista di Norimberga  Basilius  Besler, l’Erbario della quattro stagioni è uno dei più ambiziosi libri mai prodotti  sulle piante ornamentali da fiore…

 

 

Letture consigliate mercoledì 16 gennaio 2019

 

Elio Lodolini, Archivistica

“Principi e problemi”

E’ un testo basilare per gli “addetti ai lavori”: studiosi, ricercatori, studenti di archivistica che hanno necessità di organizzare e riordinare documenti, fatti ed avvenimenti.

 

 

 

 

 

 

Paola Carucci

“Le fonti archivistiche: Ordinamento e Conservazione”

Il libro si propone come uno strumento prezioso di formazione e aggiornamento sia per quanti già operano nel settore, sia per chi si prepara oggi a lavorarvi.

 

 

 

 

 

 

Elio Lodolini

“Storia dell’archivistica italiana. Dalle origini alla metà del XX secolo”

Non   esisteva finora una trattazione della storia dell’archivistica italiana e questo volume, partendo dall’antichità classica e dal medioevo per arrivare fino al nostro secolo, prende in esame tutte le fasi del complesso sviluppo della scienza archivistica.

 

 

 

 

 

 

Niccolò Ammaniti

“Branchie”

E’ il primo romanzo di  Niccolò Ammaniti. Il protagonista è un ragazzo che fabbrica acquari, malato di cancro, apatico finchè gli arriva una proposta curiosa…

 

 

 

 

 

 

 

 

Scarlett Thomas

“Il messaggio segreto delle foglie”

Narra le vicende di una famiglia e del rapporto che si crea a seguito della morte di un loro componente.

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 15 gennaio 2019

Favilli, F. Cavallo

“Storie della buonanotte per bambine ribelli”

Sono 100 le donne raccontate: scienziate, pittrici, astronaute, esempi di coraggio, di generosità e determinazione, insomma donne eccezionali. Sono storie vere della buonanotte che sostituiscono le principesse.

 

 

 

 

 

 

Lucio Meglio

“Passionisti sorani”

E’ la biografia dei Padri e dei religiosi della città di Sora, nella Congregazione della Passione di Gesù Cristo. Questi uomini sono modelli per chi cerca uno sbocco di senso ad un impulso concreto di libertà o spazio di fede.

 

 

 

 

 

Costantino Jadecola

“Riflessi della Grande Guerra tra ciociaria e Alta Terra di Lavoro”

L’ampia regione compresa tra Ciociaria e Alta Terra di Lavoro, prima che l’intervento legislativo fascista ne disegnasse dal 1927 le attuali configurazioni, partecipò alle vicende della  Grande Guerra come tutto il resto dell’Italia e…

 

 

 

 

 

 

Alfredo Gabriele

“Giacobini di Provincia”

Diario dell’esilio di Giambattista Franchi di Veroli e lettere di Onofrio Fiani di Torremaggiore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Heikki Solin “Le epigrafi della Valle di Comino”

Atti del XIV Convegno Epigrafico Cominese. Atina-Palazzo Ducale .

27/28 Maggio 2017

 

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 14 gennaio 2019

 

Lucinda Riley

“Il segreto di Elena”

Sono passati più di vent’anni da quando Helena, allora quindicenne, trascorse un’indimenticabile estate nell’isola di Cipro, dove, circondata da distese di olivi e da un mare color smeraldo, si innamorò per la prima volta…

 

 

Les dessins de la collection Mariette

“Ecole francaise. Tome 1 e 2”

E’ la più grande collezione di disegni mai raccolta al mondo . Mariette è stato il “principe”nel campo del collezionismo di disegni. Iniziò la sua attività a partire dal 1750 e, nel corso della sua vita mise insieme, quasi 9000 pezzi che, alla sua morte vennero dispersi in ben 42 sessioni  d’asta ( tra il novembre del 1775 e il gennaio del 1776). L’incredibile lavoro di recupero è stato reso possibile dal marchio M, impresso da Mariette su ogni proprietà. La collezione intera sarà pubblicata in sei volumi : i primi due dedicati alla scuola francese, tre a quella italiana, uno ai disegni olandesi fiamminghi e tedeschi.

La Biblioteca Comunale di Sora possiede i primi due tomi dedicati alla Scuola francese.

 

 

 

Janice  lobb

“Splish Splash”

Un  primo  libro di scienze ricco e divertente per i bambini,dai sei anni in su. Dodici esperimenti illustrati da fare in casa senza particolari attrezzature.

 

 

 

 

 

La Città Dipinta

“Il rotolo di Suzhou”

L’opera comprende la riproduzione di un rotolo lungo 12 metri, un documento storico sull’antica Cina e un volume critico che ne spiega il valore artistico. Il pittore di corte Xu Yang della dinastia Qing impiegò 24 anni per realizzare il rotolo dipinto un tempo chiamato “Scene di prosperità”, che illustrava la ricchezza economica e culturale della città cinese nel XVIII secolo. Lungo 12,25 metri e alto 35,8 cm, comprende 4.600 figure, 1.140 edifici, 40 ponti e 300 barche.   Riproduce fedelmente il paesaggio, le scene di vita urbana, i costumi locali nel periodo d’oro della Cina e riprende le attività quotidiane come viste dall’alto: ricco di dettagli, consente di vedere chiaramente le persone all’interno delle case o…

 

 

  

 

Andrea Camilleri

“Donne”

 Donne fiere che non cedono a minacce né a lusinghe, pronte ad affrontare il loro destino. Donne misteriose che compaiono e scompaiono nel volgere di un viaggio in nave. Donne soavi e inebrianti, come la Sicilia. Donne scandalose, perché non hanno paura di prendere ciò che è loro, compresa la libertà…

 

 

Letture consigliate martedì 8 gennaio 2019

 

Francois Boespflug

“Le immagini di Dio. Una storia dell’Eterno nell’arte

Dio è trascendente e irrappresentabile: è un punto sul quale i tre monoteismi, detti abramici, concordano. Possiamo però immaginarlo, o renderlo visibile attraverso l’immagine…

 

 

 

 

 

 

 

 

Giancarlo Rostirolla

“Guida alle Biblioteche e agli Archivi Musicali Italiani”

L’Istituto di Bibliografia Musicale italiana, che ha prodotto il volume, è un’associazione  culturale che promuove lo sviluppo e la diffusione degli studi storico-musicali a livello nazionale ed internazionale, in relazione al patrimonio bibliografico, storico, artistico e documentario delle arti musicali italiane dal Medioevo all’età contemporanea.

 

 

 

 

 

Anthony Blunt

“Architettura barocca e rococò a Napoli – Electa”

Il volume pubblicato da Anthony Blunt (1907 – 83), è il frutto di una prolungata  e costante riflessione  sull’arte italiana e sui compiti dello storico. Analizza, in modo particolare e puntuale, tutta la storia dell’architettura napoletana partendo dai singoli edifici fino a…

 

 

 

 

 

Angela Adriana Cavarra

“La Biblioteca Casanatense”

La Biblioteca Casanatense, sorta nel 1698 e ricca di 250.000 volumi, 6.000 manoscritti, 71.000 editti …, costituisce, nel firmamento della cultura italiana, una delle stelle di prima grandezza. Il volume, ricco di immagini destinate a mettere in evidenza i principali fondi della Biblioteca, servirà senza dubbio a far conoscere ed apprezzare la grande raccolta libraria romana che da tre secoli mette a disposizione le sue collezioni conservate e sempre più arricchite, per la diffusione della cultura e per l’approfondimento della ricerca scientifica.

 

 

 

 

 

 

 

David Fishman

“Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri”

Vilnius, 1941. Le armate tedesche entrano nella capitale lituana e cominciano a saccheggiare la città, ricca di tesori d’arte. Nel frattempo gli ebrei vengono ammassati nei ghetti e, nelle biblioteche della città, i direttori provano a salvare dei libri…

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 7 gennaio 2019

 

 

Ronald Dahl

“Il GGG”

Il GGG è un gigante che afferra i sogni al volo con una rete di farfalle e poi soffia con una tromba i sogni più belli nelle camere da letto dei bambini…

 

 

 

 

 

 Cristina Marziano

“Il mondo di Titò”

Titò è una bambina di otto anni e rappresenta tutti coloro che si impegnano a fare e costruire con atteggiamento sempre propositivo e divertente. Titò può fare e dire qualsiasi cosa serva per realizzare un mondo migliore…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Enrico Colle

“Il mobile barocco in Italia”

Il prezioso volume dell’Electa fornisce arredi e decorazioni d’interni dal 1600 al 1738. Da consultare.

 

 

 

 

Fulvio Irace, Codice Mendini

“Le regole per progettare”

E’ un volume ricco dei progetti e degli allestimenti  dell’architetto Francesco Mendini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Amos Oz

“Una storia di amore e di tenebra”

E’ un libro magico colmo di umorismo e di tristezza. E’ la storia del distacco e della nostalgia di un’intera generazione di profughi e di un’infanzia piena di bellezza, amore e tantissimo dolore.

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 4 gennaio 2019

 

Guillaume de Lorris, Jean de Meun

“Romanzo della rosa”

Nel mito greco la rosa sboccia dalla stessa candida schiuma del mare da cui nasce Afrodite e sarà quindi per sempre emblema di Eros e della donna amata.

 

 

 

Marco Malvaldi

“Negli occhi di chi guarda”

In un posto isolato e bellissimo della Maremma toscana, un’enorme tenuta tra le colline  e il mare, si ritrova una compagnia di persone diverse tra  di loro. E’ un appuntamento del destino, anche se non lo sanno…

 

 

 

 

David Foster Wallace

“Questa è l’acqua”

I sei racconti di “Questa è l’acqua”, scritti tra il 1984 e il 2005, offrono uno sguardo di insieme sulla straordinaria avventura artistica di Wallace, e una “summa” delle sue tematiche e dei diversi stili con cui le ha affrontate ed esaltate. Da leggere.

 

 

 

Torey L. Hayden

“Bambini del silenzio”

E’ la storia di due bambini che vivono in ambienti completamente diversi e con problematiche diverse. Torey Hayden ha una capacità straordinaria:sa vedere i problemi dei bambini attraverso  loro occhi e…

 

 

 

Dacia Maraini

“La bambina e il sognatore”

Ci sono sogni capaci di metterci a nudo. Sono schegge impazzite, che ci svelano una realtà a cui è impossibile sottrarsi. Lo capisce appena apre gli occhi il maestro Nani Sapienza : la bambina che lo ha visitato nel sonno non gli è apparsa per caso….

 

 

Letture consigliate giovedì 3 gennaio 2019

Don Winslow

“Lady Las Vegas”

Dai deserti nel Nevada alle mille luci di Las Vegas, Neal Carey è alle prese con una cliente da proteggere, una rossa esplosiva con gli occhioni verdi, braccata da chiunque negli Stati Uniti: FBI, mafiosi,killer da quando ha osato denunciare per stupro Jack Landis, un noto conduttore televisivo, famoso per le sue posizioni moraliste…

 

 

Carlo Fontana

“Il TempioVaticano 1694”

Il Tempio Vaticano e sua origine. Con gli edifici più cospicui antichi,  e moderni fatti dentro, e fuori di esso è stato pubblicato in Roma nel 1694 dallo stampatore Giovanni Francesco Buagni. Il testo ripercorre  la storia progettuale della Basilica Vaticana dalle origini, quando venne eretta per volere dell’imperatore Costantino presso la tomba dell’apostolo Pietro e sul luogo dell’antico circo di Nerone, fino alla fine del XVII secolo. Il suo autore Carlo Fontana (1638-1714), era il più accreditato professionista della città e venne insignito del titolo di conte da Augusto di Sassonia, proprio grazie alla documentazione prodotta da Fontana a confutazione delle accuse lauterane circa i reali costi della fabbrica di San Pietro.

 

 

Michel Pastoureau

“Storie di pietra. Timpani e portali romanici”

L’autore ripercorre la storia di ogni facciata, fornendoci le chiavi necessarie per comprendere fino in fondo lo splendore e l’incomparabile ricchezza dell’architettura romanica.

 

 

 

 

Albert D. Schafer

“Illusionologia. La scienza segreta dei maghi”

In questo volume la sapienza dei maestri è stata scritta pensando alle nuove generazioni. Custodisci questi segreti con la massima cura: c’è magia  nel mistero.

 

 

 

 

 

Donatella Di Pietrantonio

“Mia madre è un fiume”

Il racconto poetico e indimenticabile di un amore tra madre e figlia. Un romanzo potente e vitale, in cui le vicende personali si uniscono alla storia corale di un’Italia contadina, ritratta dalla guerra fino ai nostri giorni.

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 2 gennaio 2019

Mario Luzi

“L’opera poetica – I Meridiani”

Il Meridiano dedicato a Mario Luzi comprende tutte le raccolte  poetiche e un consistente numero di inediti. Numerose sono le informazioni sulla genesi dei testi e sulle loro ascendenze letterarie. La cronologia è ricca di documenti epistorari inediti tra Luzi e i più grandi poeti ed intellettuali del ‘900.

 

 

 

 

 

 

 

Piergiorgio Paterlini

“Bambinate”

Paterlini in questo romanzo torna ad affrontare le passioni dei ragazzi, nel loro tratto più oscuro ed inquietante

 

 

 

 

 

 

Auder Ava Olafsdottir

“Hotel Silence”

Auður Ólafsdóttir ha scritto il suo romanzo piú bello, il piú essenziale, tenero e ironico. Un libro che è un segno di pace, una stretta di mano laica che ci riavvicina a quanto di umano dentro di noi resiste agli orrori del mondo.Jónas ha quarantanove anni e un talento speciale per riparare le cose. La sua vita, però, non è facile da sistemare: ha appena divorziato, la sua ex moglie gli ha rivelato…

 

 

 

 

Marco Malvaldi

“La battaglia navale”

“Un lavoro d’indagine vero, sul campo, è molto più simile alla battaglia navale. All’inizio spari alla cieca, e non cogli niente, ma è fondamentale che tu ti ricordi dove hai sparato, perché anche il fatto che lì tu non abbia trovato nulla è una informazione”. Non lontano dalla casa di Nonno Ampelio, uno dei quattro vecchietti investigatori del BarLume, ci sono i Sassi Amari, il litorale di Pineta. Abbandonato lì, viene trovato il cadavere di una bella ragazza con un particolare tatuaggio…

 

 

 

 

 

 

Robert Ludlum

“Complotto”

Agosto 1991: la Russia di Gorbaciov è sconvolta da un tentativo di colpo di stato. L’ambasciatore americano Stephen Metcalfe viene interpellato dal generale Kundrov: solo lui può convincere il capo del complotto, il “Direttore”, a far rientrare l’esercito nelle caserme. Così Metcalfe si trova di nuovo al centro della storia mondiale. Nel 1940, infatti, quando l’Europa era quasi tutta sotto il tallone nazista, a Metcalfe era stata affidata una missione impossibile: convincere i tedeschi che l’esercito sovietico era debolissimo e che Stalin meditava un rovesciamento di alleanze…

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 21 dicembre

Paul Auster

“4 3 2 1”

C’è molto  in “4321”. C’è la scoperta del sesso e della poesia, ci sono le proteste per i diritti civili e l’assassinio di Kennedy, c’è lo sport e il Sessantotto, c’è Parigi e c’è New York, c’è tutta l’opera di Auster, come un grande bilancio della maturità, e ci sono tutti i maestri che l’hanno ispirato, c’è il fato e la fatalità, c’è la morte e il desiderio…

 

 

Elliott Ackerman

“Prima che torni la pioggia”

“Un romanzo toccante, forte e crudo: una storia di vendetta, lealtà e amore tra fratelli” -«Ciò che rende grande questo romanzo è la capacità dell’autore di provare empatia, la sua abilità di infilarsi sotto la pelle dei personaggi che descrive, per ricordarci che siamo tutti diversi, ma ciò che condividiamo è il valore della nostra umanità.»
Aziz e il fratello maggiore Ali vivono in un villaggio sperduto, sotto le imponenti montagne dell’Afghanistan orientale. Non vanno a scuola, ma la madre insegna loro a leggere e a scrivere, e..

 

A cura di G. Barberi Squarotti e C. Ossola

“Letteratura e Industria.  – LEO S. OlSCHKI”

  • Dal Medioevo al XX Secolo
  • Il XX Secolo

Atti del XV Congresso dell’Associazione Nazionale per gli studi di Lingua e Letteratura Italiana ( Torino, 15 – 19 Maggio 1994).

L’opera testimonia, dal Medioevo all’età contemporanea, con particolare riferimento all’800 e al ’900, all’era della civiltà industriale e alle sue trasformazioni, la varietà e la ricchezza di una lingua aderente agli oggetti e ai modi del produrre, i generi letterari – novella, romanzo, azione teatrale, testo cinematografico, manifesto politico – che hanno cercato di descrivere un corpo collettivo di tentacolare forza e di anonimo volto, con esiti poetici che si sono impressi nella memoria collettiva del XX secolo.

 

 

A cura di Vincent Pomarede

“Louvre. Tutti i dipinti”

Il volume è concepito” come un libro e non come raccolta di illustrazioni della stessa natura”in modo che chiunque  – “dall’accademico a..colui che ignora”- potrà riflettere sui tesori del Louvre e farne tesoro nella propria  memoria.

 

 

 

Cinzia Tani

“Lo stupore del mondo”

Roma, 1201.Due gemelli sono appena venuti alla luce, quando un tuono improvviso irrompe su Palazzo Graziani,la balia perde la presa e il primo dei due gemelli le scivola dalle mani. In quel tuono inspiegabile, è racchiuso il cattivo presagio che condiziona il destino di Pietro…

 

 

 

 

 

Letture consigliate giovedì 20 dicembre

Fornasetti

“L’artista alchimista-La bottega fantastica”

Designer di culto per i collezionisti del modernariato, Piero Fornasetti fu geniale e prolifico creatore: la sua produzione artistica, di decorazione, progettazione di interni e design viene finalmente raccolta e documentata in un volume completo, finora mai realizzato, capace di contenere l’immensa opera di una mente ribelle, fuori da ogni schema. Il primo dei due poderosi volumi raccoglie gli aspetti biografici e le opere più significative realizzate in campo artistico: dipinti, sculture, incisioni, arredi, allestimenti, grafica, produzione tessile (foulard e tessuti moda) e vetraria. Il secondo tomo, invece, è dedicato al disegno e alla decorazione di oggetti, dai mobili ai paraventi, dai pannelli alla ceramica, ripercorrendo la storia dell’atelier dalla nascita fino a oggi.

 

Philippe Dagen

“Picasso”

Philippe Dagen, tra i più accreditati studiosi dell’Arte del ‘900, analizza tutta l’opera di Picasso: dalle opere giovanili del 1890 al 1973. Dagen ci regala così la lettura di un Picasso moderno, perché si misura costantemente con la modernità del mondo, lasciando che questa penetri nei suoi lavori, nel linguaggio, nelle tecniche e nelle tematiche.

 

Lionello Puppi, Palladio 

“Electa”

Il Palladio fu il più importante architetto della Repubblica Veneta, nel cui territorio progettò numerose ville, chiese e palazzi. Di lui, Goethe disse: “v’è davvero alcunchè di divino nei suoi progetti, né meno della forza del grande poeta, che dalla verità e dalla finzione trae una terza realtà, affascinante nella sua fittizia esistenza”.Con questo volume, l’autore ripercorre ogni tappa della formazione e della carriera di Palladio, ne commenta le opere principali, addentrandosi, poi, nella disamina di ciascuno dei suoi progetti.

 

 

 

Jan Guillou

“Il mercato dei ladri”

Stoccolma, estate 2003. Una serie di furti sconvolge i nuovi ricchi dell’alta finanza.  I  ladri portano via, oltre a gioielli e quadri, una costosissima bottiglia di vino pregiatissimo. L’inchiesta è affidata all’ispettore Ewa Johnsen, da poco divorziata, fisico statuario, tutta intuito e….

 

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 19 dicembre 

 

 

Mario Rigoni Stern

“Tra due guerre”

L’autore tocca i temi a lui più cari: la guerra, la montagna, la natura e offre al lettore un viaggio nella memoria e nella storia di tutti noi.

 

 

 

 

 

Pier Giorgio Viberti

“Il Popolo degli Uomini. Storie, miti e leggende degli Indiani d’America”

Un tempo, “il Popolo degli Uomini” viveva felice nelle immense praterie, nelle impenetrabili foreste. Tutti gli animali erano suoi fratelli, per questo viveva in pace con se stesso e con gli altri.

 

 

 

Toby Wilkinson

“Nilo”

L’autore ci guida in un lento viaggio lungo la corrente del fiume, dalla diga di Assuan fino al Cairo: attraverso le sue parole scorrono sotto i nostri occhi paesaggi mutevoli e i segni di mille storie stratificate…

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Campolieti

“Il re Bomba”

Ferdinando II di Borbone, passato alla storia come il “Re Bomba”, per la dura repressione dei moti del 1848, è uno dei personaggi di maggior fascino e interesse della sua dinastia, per la continua tensione che ne caratterizzò il governo e per i tratti romanzeschi che ne colorarono l’esistenza.

 

 

 

 

Scelte e illustrate da Henriette Sauvant

“Incantesimi. Fiabe magiche dalla tradizione”

Henriette Sauvant, con il suo stile fiabesco e inconfondibile si è imposta come una delle più affermate illustratrici europee. Il libro con i suoi incantesimi , dona ai bambini che lo leggono senso di libertà e di felicità.

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 18 dicembre

 

John Green

“Tartarughe all’infinito”

Il romanzo narra la storia di Aza,studente liceale afflitta da ansie continue,che si troverà ad indagare sulla scomparsa del padre del suo migliore amico d’infanzia.  Lettura consigliata a tutti gli amanti dei romanzi contemporanei e per chi vuole approcciarsi a qualcosa di semplice ma allo stesso tempo profondo!

 

 

Valerio Varesi

“La paura nell’anima”

Il commissario Soneri non vedeva l’ora di lasciare l’afa agostana di Parma, e fuggire insieme ad Angela a Montepiano, sul suo amato Appennino. Troppo bello per essere vero. Infatti non è vero: pochi giorni dopo il loro arrivo, la quiete notturna del paesino viene squarciata da un grido proveniente dal bosco…

 

 

 

 

 

Sergio Natalia

“Paesi d’acqua”

Il libro è un grande affresco sul percorso che il Liri compie, dal medioevo ai nostri giorni, chiave di volta è quella “grande trasformazione, la nascita  della moderna industria, che vede mutare anche il ruolo dell’acqua…”

 

 

 

 

Maurizio De Giovanni

“Il senso del dolore”

E’ ambientato nella Napoli degli anni ‘30, in pieno periodo fascista. La figura del Commissario Ricciardi, presenta elementi di originalità nel panorama degli investigatori sia italiani che stranieri. La trama è ben congegnata ed anche il finale risulta  convincente.

 

 

 

 

Nadia Fusini

“Hannah e le altre”

E’ un libro sulla differenza femminile: Simone, Rachel, Hannah sono tre donne, diversamente grandi, che con il loro sguardo hanno illuminato le tenebre del ‘900 e hanno saputo leggere il mondo. Tutte e tre hanno vissuto gli stessi anni di guerre, totalitarismi e barbarie. Hanno affrontato le tempeste e i momenti più bui senza mai sottrarsi alla riflessione, all’impegno e alla ribellione.

 

 

Letture consigliate lunedì 17 dicembre

 

 

Maria Luisa Bigiaretti

“A casa per Natale”

Un libro per bambini da sfogliare durante le vacanze di Natale.

 

 

 

 

 

 

“Io scopro: La vita lungo le coste”

Mondadori

Che cos’è la sabbia? Dove va il mare quando c’è bassa marea? Cosa si può pescare negli stagni o fra gli scogli? Questo libro si legge anche con le mani. Ci sono, infatti, ruote da girare, finestre da

 

 

 

 

J.M.  Coetzee

“Aspettando i barbari”

Un magistrato bianco, che per decenni si è occupato degli eventi del piccolo insediamento di frontiera in cui vive, ignorando la guerra tra i barbari e l’Impero che pure incombe sulla cittadina, si trova all’improvviso a confrontarsi con la realtà: dapprima comincia a simpatizzare con i prigionieri angariati durante gli interrogatori, poi si innamora di una di loro, una barbara. Tanto l’amore quanto la dura condizione carceraria lo spingono a compiere, finalmente, un atto di ribellione…

aprire e altre sorprese fra le pagine per divertirsi e andare alla scoperta del mondo …

 

 

 

Donnio, D. de Monfreid

“Mangerei volentieri un bambino”

Ogni mattina, mamma Coccodrillo porta ad Achille delle ottime banane per la sua prima colazione, ma, un bel giorno, ad Achille viene un’idea assurda e irrealizzabile: quella di mangiare un bambino..

 

Paolo Cognetti

“Le otto montagne”

“Le otto montagne” di Paolo Cognetti è il vincitore del Premio Strega 2017. Il romanzo si è aggiudicato anche il Premio Strega Giovani 2017 e la prima edizione del premio Strega Off.  Pietro è un ragazzino di città. La madre lavora in un consultorio di periferia, farsi carico degli altri è il suo talento. Il padre è un chimico, un solitario, e torna a casa ogni sera carico di rabbia. Ma sono uniti da una passione comune …

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 14 dicembre

 

 

Ildefonso Falcones

“La cattedrale del mare”

Barcellona, XIV secolo. NeI cuore dell’umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza. Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana, Arnau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt’oggi incarna lo spirito di Barcellona…

 

 

Grazia Deledda

“Canne al vento”

Unica donna insignita dal Nobel nell’ambito della letteratura italiana e autrice di più di cinquanta volumi tra romanzi e novelle, Grazia Deledda è forse ancora tutta da scoprire, un po’ come la sua Sardegna. “Canne al vento” è in questo senso un’opera esemplare: induce, già nel titolo, un’inconfondibile immagine dell’aspro ed essenziale paesaggio dell’isola, ma evoca nel contempo l’immagine universale, “biblica” dell’uomo, fragile e oscillante creatura battuta dalla sorte, ma sempre tentata da un confronto diretto con la forza potente di una misteriosa Giustizia…

 

 

 

Alessandra Appiano

“Solo un uomo”

“Solo un uomo” è un intenso viaggio nel cuore di ogni donna , una struggente storia di una amicizia e di come la scoperta dell’amore vero ci doni la vera libertà.

 

 

 

Matteo Collura

“L’isola senza ponte”

Collura ridisegna in modo originale la mappa emotiva dei luoghi resi famosi da Sciascia, Pirandello e Tomasi di Lampedusa, mettendosi sulle tracce dei romanzi e dei loro autori, facendo rivivere le pagine più belle del “Gattopardo” e insieme tante altre storie e volti di Sicilia…

 

 

 

 

 

Ronald Dahl

“La fabbrica di cioccolato”

Un bel giorno la fabbrica di cioccolato Wonka dirama un avviso: chi troverà i cinque biglietti d’oro nelle tavolette di cioccolato riceverà una provvista di dolciumi bastante per tutto il resto della sua vita e potrà visitare l’interno della fabbrica, mentre un solo fortunato tra i cinque ne diventerà il padrone. Chi sarà il fortunato?

 

 

Letture consigliate giovedì 13 dicembre

 

Fedor Dostoevskij

“I demoni”

I demoni è un romanzo di Fëdor Dostoevskij pubblicato in volume per la prima volta nel 1873. Leone Ginzburg analizzava in un suo bellissimo saggio del 1942, la complessità della genesi di quest’opera: “ nei Demoni la poesia si innesta sul  tronco originario del libello politico, che ne viene modificato ma non trasformato per intero: a Dostoevskij premeva soprattutto di potersi sfogare contro gli inconcludenti della sua generazione e contro i rivoluzionari senza scrupoli che , di venti o trenta anni più giovani, intorno al  1870 stavano sostituendo i suoi coetanei sulla scena politica russa.

 

Jòn Kalman Stefansson

“Grande come l’universo”

Le persone possono trasformarsi in una lacrima o in un pugno – a volte la differenza tra le due cose è molto sottile» e racchiude la storia di un’intera famiglia. Dopo aver mandato all’aria il suo matrimonio, la scrittura ed essere fuggito lontano, Ari torna in Islanda per incontrare il padre malato e vicino alla fine. Ma il muro di silenzio che li divide lo obbliga a un viaggio indietro nel tempo che intreccia i destini…

 

 

 

Rajaa Alsanea

“Ragazze di Riad”

E’ un romanzo incredibilmente onesto sulla difficile condizione femminile in una società come quella saudita, e per questo ha subito forti censure in patria. Ma è anche , e soprattutto, uno straordinario racconto sulla ricerca dell’amore a qualsiasi costo.

 

 

 

 

Pierluigi Baima Bollone

“Le ultime ore di Mussolini”

Chi ha ucciso Benito Mussolini? Con quale arma e con quanti colpi? Il suo corpo e quello di Claretta Petacci sono stati sottoposti, prima o dopo la morte, a violenza? Dopo uno studio durato anni, già presentato in convegni e trasmissioni televisive, il criminologo Baima Bollone ricompone tutti i documenti e le testimonianze sull’argomento utilizzando nuovi reperti e tecniche moderne di ricostruzione fotografica. Emergeranno così particolari finora non considerati, grazie anche alla competenza di medico legale che l’autore ha dimostrato nei suoi studi sulla Sacra Sindone e sulla vita e la morte di Gesù Cristo.

 

 

Susanna Lopez  Rubio

“Un posto chiamato incanto”

Sullo sfondo contrastato e sfolgorante di una Cuba perduta per sempre, la storia avvincente di un uomo e una donna divisi da tutto , tranne che dal proprio caparbio bisogno di amore.

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 12 dicembre

 

Giuseppina Torregrossa

Il basilico di palazzo Galletti.

E’ Ferragosto a Palermo, il caldo è estenuante. La commissaria Marò Pajno, da poco promossa a capo della squadra antifemminicidio, viene subito chiamata a indagare sul caso e …

 

 

 

 

Marco Malvaldi

“A bocce ferme”

Un vecchio omicidio mai risolto, avvenuto nel fatidico 1968, si riapre per una questione di eredità. In questo giallo comico Marco Malvaldi coniuga una formula felice di leggerezza intelligente e intricato delitto, un sottile pennello che dipinge l’acquerello di un’Italia esclusa dalla ribalta mediatica, e che del Paese vero, anche quello più attuale, fa capire molte cose.

 

 

 

 

Francesco Recami

“Commedia nera n. 1”

Un romanzo brillante e cinico. Una satira dei costumi sociali in cui l’autore inverte gli stereotipi maschili e femminili. Una nuova serie spietata e agrodolce.

 

 

 

 

Alda Merini

“Diario di una diversa”

Un alternarsi di orrore e solitudine, di incapacità di comprendere e di essere compresi, in una narrazione che nonostante tutto è un inno alla vita e alla forza del “sentire”. Alda Merini ripercorre il suo ricovero decennale in manicomio: il racconto della vita nella clinica psichiatrica, tra elettroshock e autentiche torture, libera lo sguardo della poetessa su questo inferno, come un’onda che alterna la lucidità all’incanto. Un diario senza traccia di sentimentalismo o di facili condanne, in cui emerge lo “sperdimento”.

 

 

 

 

 

 

Teresa Ciabatti

“Matrigna”

Teresa Ciabatti ci immerge nel racconto di un mistero, con un romanzo sui ruoli che non si finisce mai di attribuire: padre, madre, fratello, sorella. Dove la famiglia dispiega tutte le sue ossessioni, manifestandosi prima come rifugio, poi come condanna.

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 11 dicembre

 

Marco Vichi

“Se mai un giorno”

Storie e destini che chiedono di essere ascoltati:  donne e uomini  esasperati e alla fine beffati. Un inquietante vicino di casa, l’intensa lettera di un padre alla figlia…tutti abitanti di un pianeta popolato di personaggi affascinanti, comici, drammatici, violenti…

 

 

 

Karen Swan

“Il segreto di Parigi”

Lungo le strade di Parigi, si trova un appartamento sommerso da strati di polvere e segreti: è stracolmo di opere d’arte di inestimabile valore che sono rimaste lì, nascoste a tutti per decenni. L’incarico di valutare questi tesori  venuti alla luce è affidato a Flora, giovane e ambiziosa esperta d’arte, una donna in grado di mantenere il pieno controllo di se stessa…

 

 

 

Andrea Vitali

“Nome d’arte Doris Brilli”

La notte del 6 Maggio 1928, i carabinieri di Porta Ticinese a Milano fermano due persone per schiamazzi notturni e rissa. Uno è uno studente universitario provvisto di tesserino da giornalista e interrogato snocciola una lista di conoscenze. L’altra è una bella ragazza che non ha documenti per cui devono crederle sulla parola, circa l’identità e la provenienza…

 

 

 

Cristina Cassar Scalia

“Sabbia nera”

Un eccellente romanzo giallo, un’ambientazione perfetta, una protagonista interessante e per niente scontata.  Nell’ala abbandonata di una signorile villa alle pendici dell’Etna, viene trovato un corpo mummificato dal tempo. Del caso è incaricato il vicequestore Giovanna Guarrasi, detta Vanina, che…

 

 

 

Javier Marias

“Berta Isla”

Berta Isla ha sposato Tomas Nevinson nel Maggio 1974, vicino la scuola che entrambi hanno frequentato e dove si sono incontrati la prima volta. Lo ha sposato dopo essere stata la sua ragazza per anni e dopo aver perso la verginità  con un altro a cui penserà sempre.Tomas, però, nasconde dei segreti…

 

 

 

Letture consigliate lunedì 10 dicembre

Danielle Steel

“La duchessa”

L’incomparabile Danielle Steel ci porta in un viaggio indietro nel tempo, tra l’Inghilterra, Parigi e New York, e ci racconta un’incredibile storia di sopravvivenza e liberazione.
Inghilterra, XIX secolo. Angélique Latham, orfana di madre, cresce nel magnifico castello inglese di Belgrave, circondata dall’amore del padre Phillip, il Duca di Westerfield, e in compagnia dei due fratellastri. Intelligente, ben istruita e bellissima…

 

 

 

Francesco Recami

“La clinica Riposo e Pace”

Recami conduce il gioco con una ironia così tagliente da farsi critica sociale, con tocchi macabri da commedia nera, e riesce nell’impresa di farci sorridere là dove potremmo prostrarci e deprimerci, perché la vecchiaia prima o poi ci riguarda tutti.

 

 

 

Michele Morganti

“Ambiente costruito Mediterraneo”

La città è il luogo in cui l’energia assume una valenza fisico spaziale. Ma qual è il legame tra forma ed energia che ne caratterizza il tessuto edilizio?
Indagando questo legame nei tessuti edilizi compatti e densi delle città mediterranee l’autore imbastisce un racconto che intreccia forma urbana ed energia, cercando di colmare un vuoto di natura concettuale e tecnica esistente nell’ambito della conoscenza dell’ambiente costruito. Il fenomeno oggigiorno dominante dell’urbanizzazione, da molti identificato nel concetto di densità, sembra, infatti, non essere guidato da un pensiero maturo, capace di comprendere e risolvere le sfide odierne, innanzitutto quelle energetiche ed ambientali. Nello studiare questi aspetti, il testo si avvale del concetto di densità e delle sue interpretazioni nel campo dell’architettura e della sostenibilità, esplorandone significati, proprietà e capacità analitiche, utilizzando come campo di analisi due città mediterranee come Roma e Barcellona.
Il volume è rivolto a tutti gli studiosi e i progettisti sensibili alle dimensioni dell’energia applicate all’edilizia che desiderano comprenderne meglio le peculiarità alla luce della condizione urbana odierna e, in particolare, di quella della città mediterranea.

 

 

Marcela Serrano

“Il giardino di Amelia”

In un Cile sotto dittatura, si ritrovano il rivoluzionario Miguel  e la latifondista signora Amelia, due personaggi estremamente diversi, le cui vite, dopo un’iniziale diffidenza, si intrecciano e ci permettono di comprendere i due lati della stessa medaglia. L’autrice tratta temi fondamentali per il contesto storico di metà anni ’80: l’esilio, le lotte civili e l’incomprensione tra ricchi e poveri. Un tema ben trattato, da approfondire e da leggere.

 

 

Katie Hilkman

“La donna del mercante di spezie”

Katie Hilkman racconta con maestria di un’epoca affascinante e di un sentimento tormentato. Di una giovane donna: Celia vittima della violenza dei turchi e tra le favorite del sultano e di Paul, ricco mercante inglese che fa approdare nei porti di tutto il mondo i tesori dell’Oriente. Ora, tutto sembra perfetto, ma…

 

 

 

 

Letture consigliate venerdì 7 dicembre 

 

 

Pier Paolo Frigotto e Francesca Vignaga

“Il mio braccio sopra il tuo”

È un testo teatrale sulla tolleranza, sul rispetto della diversità che significa saper vedere, al di là delle sovrastrutture esteriori, l’identità basilare della natura umana

 

 

 

 

Massimiliano Frezzato,

“L’uomo albero”

“C’era una volta un colle che il vento accarezzava e in cima, come un folle l’Uomo Albero viveva”.

 

 

 

 

Delphine De Vigan

“Le fedeltà invisibili”

«Le fedeltà invisibili è un’immersione appassionata nelle relazioni complesse tra adolescenti, genitori e insegnanti.»

 

 

 

Paolo Giordano

“Divorare il cielo”

«Un romanzo bellissimo sul credere e sul desiderare, sull’amicizia totalizzante della giovinezza, e sull’irrimediabile solitudine della giovinezza.»

 

 

 

 

Alice Munro

“Uscirne vivi”

Basta un racconto a esplorare tutta la complessità dell’esistenza umana. Basta un racconto, se a scriverlo è Alice Munro. Vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura 2013, l’autrice canadese supera se stessa – una volta ancora – con una raccolta illuminata da una chiarezza di visione e da un talento narrativo senza pari. E ci rivela,  la verità su ciò che siamo…

 

 

Letture consigliate giovedì 6 dicembre

 

Chiara Parenti

“La voce nascosta delle pietre”

Luna era una bambina quando il nonno le ha insegnato che l’agata infonde coraggio, l’acquamarina dona gioia e la giada comunica pace e saggezza. Ma ora che ha quasi trent’anni, lei non crede più che le pietre possano aiutare le persone. Non riesce più a sentire la loro voce. Sono solo sassolini colorati che vende nel negozio…

 

 

 

 

 

Clara Sanchez

“L’amante silenzioso”

Rigogliose piante di un verde smeraldo addobbano il patio dove si svolge la cena. Isabel è lì su invito di un’ambasciata spagnola in Africa. Tutti credono che sia una giovane fotografa con la voglia di immortalare i colori e i panorami di quella terra bruciata dal sole. Ma non è questa la verità. Isabel sta cercando qualcuno…

 

 

 

 

 

Michele Casella e Massimiliano Feroldi

“Cariclò alla ricerca del volo”

Un libro per i più piccoli, divertente e ricco di illustrazioni.

 

 

 

 

 

Illustrazioni Marcello Conti

“La magia del Natale”

Babbo Natale vola di città in città, arriva ovunque: in montagna, al mare, in città e non si ferma finchè non ha esaudito le richieste di tutti i bambini.

 

 

 

 

Ben Brooks

“Storie per bambini che hanno il coraggio di essere unici”

 

Un libro coinvolgente e ricco di avventure. Storie vere di bambini straordinari che hanno cambiato il mondo senza dover uccidere draghi.

 

 

 

 

Letture consigliate mercoledì 5 dicembre 2018

Donato Carrisi

“L’ipotesi del male”

Mila Vasquez ha i segni del buio sulla pelle, come fiori rossi che hanno radici nella sua anima. Forse per questo Mila è la migliore in ciò che fa: dare la caccia a quelli che il mondo ha dimenticato, gli scomparsi. Ma se d’improvviso alcuni scomparsi tornassero con intenzioni oscure? …

 

 

 

Angelo Petrella

“Fragile è la notte”

Una mattina d’agosto il corpo di Ester Fornario, ricca, disinibita e bellissima, viene trovato ai piedi della torre che domina la sua villa da copertina: dopo dieci anni d’inattività forzata, è per Denis Carbone l’occasione perfetta per placare la sete di giustizia …

 

 

 

 

Matteo Dalena

“Puttane antifasciste nelle carte di polizia”

 

Ammonite, recluse, confinate, internate, soggette a oblio. Non partigiane, né eroine. Particelle minime, fascinose perché piccole, rare, difficili da distinguere, afferrare. Figure sbiadite, dimoranti nei bassi di città decadenti dove l’esercizio della prostituzione è anticamera del crimine ma anche contenitore di piccole, quotidiane, resistenze al fascismo.

 

 

Yari Selvetella

“Le stanze dell’addio”

Le stanze dell’addio di Yari Selvetella è un libro sulla perdita , sullo smarrimento, sul dolore. Un dolore che rischia di divorarci, una lotta tra la voglia di dimenticare e di  scomparire, contro quella di rialzarsi. E’ la storia di un uomo che si mette in trappola da solo, condannato a dimenticare e ricordare allo stesso tempo, prigioniero della perdita.

 

 

 

Ilaria Tuti

“Fiori sopra l’inferno”

«Ilaria Tuti ha creato non un personaggio ma una persona vera. Teresa Battaglia è più di una protagonista: è una luce piena di ombre, uno spazio dentro il nostro cuore. È già indimenticabile.» Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell’orrido che conduce al torrente, tra le pozze d’acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde…

 

 

 

 

Letture consigliate martedì 4 dicembre 2018

 

Mikel Santiago

“L’estate del silenzio”

Un thriller psicologico avvincente. Una morte sospetta. Un segreto nascosto in piena vista. Una cittadina in cui tutti hanno un motivo per mentire…  Di che cosa si tratta esattamente? Incidente? Suicidio? Oppure…

 

 

 

 

 

Lidia Labianca e Martina Fuga

“La storia dell’arte raccontata ai bambini”    

E’ un libro per i bambini di  circa sette anni   che si ispira alla vita dei grandi artisti, esplora i loro capolavori    e…..

 

 

 

 

Cristina Comencini

“Da soli”

Ci si incontra sotto la luna, sul ponte di una nave, e ci si innamora. Venticinque anni dopo ci si lascia chissà dove e perché, senza bisogno della luna.
È successo cosí anche ad Andrea e Marta e a Laura e Piero che ora, increduli, fanno i conti con la solitudine.
Cristina Comencini racconta tutto quello che avviene quando un matrimonio entra in crisi…

 

 

Collin Dexter

“La morte mi è vicina”

Un nuovo mistero tra le mani dell’ispettore Morse, una giovane, attraente donna è morta, uccisa con un colpo di pistola esploso attraverso la finestra del soggiorno di casa sua. Due indizi lo instradano inizialmente: un criptico messaggio che cela data, ora e luogo di un appuntamento, e una foto con uno sconosciuto dai capelli grigi…

 

 

 

Nicholas Sparks

“Ogni respiro”

Ogni respiro è la storia di un incontro voluto dal caso. È la storia di un amore che toglie il respiro. Tru Walls non è mai stato in North Carolina. Lui è nato e cresciuto in Africa, dove fa la guida nei safari. Si ritrova a Sunset Beach dopo aver ricevuto una lettera da un uomo che sostiene di essere suo padre…

 

 

 

 

Letture consigliate lunedì 3 dicembre 2018

 

Mathew Engelke

“Pensare come un antropologo”

Intrecciando esempi e teorie provenienti da tutto il mondo, Matthew  Engelke ci presenta dell’antropologia un quadro vivace, sempre accessibile, talvolta irriverente, che attraversa una vasta gamma di approcci e temi, classici e contemporanei, e chiama in causa il contributo dei suoi protagonisti. …

 

 

 

 

Cavazza, E. Scarpellini

“Storia d’Italia. Annali 27”

Il panorama completo del fenomeno «consumo» in Italia, con riferimento soprattutto al periodo novecentesco: dalle dinamiche socio-economiche in età moderna ai consumi culturali e digitali di oggi.

 

 

Bill Clinton e James Patterson

“Il presidente è scomparso”

Il presidente è scomparso. Il mondo è sotto shock. E il motivo della sparizione è molto più grave di quanto chiunque possa immaginare… Per la prima volta un romanzo che fa vivere da protagonisti assoluti tutto ciò che realmente succede all’interno della Casa Bianca. Un thriller raccontato da un punto di vista unico: quello del Presidente degli Stati Uniti.

 

 

Glenn Cooper,

“I figli di Dio”

Manila, Filippine. Nausea, mal di testa, uno svenimento: per sapere di cosa si tratti, Maria, una sedicenne anni che vive in una baraccopoli, affronta la lunga attesa per essere visitata da un medico volontario. La diagnosi è semplice: Maria è incinta. Ma le circostanze di quella gravidanza sono eccezionali… Maria infatti è ancora vergine. Gort, Irlanda. Da alcuni giorni, fuori della casa della famiglia Riordan si allunga una fila di persone raccolte in preghiera. Vogliono un’unica cosa: vedere e…

 

 

James Patterson

“Una coppia pericolosa”

Isola di San Dominica, un angolo di paradiso nel mar dei Caraibi: sabbia bianca, mare cristallino, resort di lusso. Il luogo ideale per vivere un sogno. Da qualche tempo, però, il sogno si sta trasformando in un incubo: alcuni turisti sono stati brutalmente uccisi a colpi di machete. Una diabolica mente criminale sta cercando di scatenare il caos. Ma per quale motivo? Se lo chiede Peter Mac Donald, un ex marine arrivato sull’isola alla ricerca di un po’ di tranquillità. Finché non si ritrova ad assistere a uno degli…

 

 

Letture consigliate domenica 2 dicembre 2018

Valerio Massimo Manfredi

“Quinto comandamento”

Valerio Massimo Manfredi abbandona la storia antica per ricostruire le vicende di un sacerdote del Novecento in “Quinto Comandamento”. Padre Mario Giraldi, bergamasco d’origine, ha aiutato i partigiani durante la Seconda Guerra Mondiale ed è partito pochi anni dopo per la sua prima missione. Il Congo decolonizzato è la terra destinata alle sue opere e alla sua attenzione. Un territorio in cui i belgi stanno pensando di andarsene e i partiti indipendentisti del Paese stanno emergendo con sempre maggiore forza e aggressività.

 

Franco Stelzer

“Cosa diremo agli angeli”

Per lui che lavora come addetto ai controlli di un aeroporto, il mondo è fatto delle vite che gli corrono sotto gli occhi. C’è, in particolare, un uomo che arriva ogni domenica e riparte ogni venerdi: “magro, lo sguardo aperto…” Con passo poetico e un’attenzione particolare al dettaglio, la voce di questo romanzo dice tutta la forza delle nostre vite piene di difetti. E coglie la vita come si coglie un fiore selvatico, guardandolo in ogni sua più piccola parte. E con questa voce unica, filosofica che Franco Stelzer è diventato un autore di culto per molti lettori e scrittori.

 

Emma Piazza

“L’isola che brucia”

Sotto di lei, la scogliera è un precipizio perfetto. L’alba è una cartolina di mare, luce e vento che sferza la natura selvaggia del Cap Corse. Thérèse non vuole guardare giù, ma non ha scelta. Ancora un passo, solo uno, e la vede. ..

 

 

 

 

Philp Roth

“Romanzi 1959/1986”

Il Meridiano, propone i più importanti romanzi del periodo giovanile e della prima maturità, tra i quali spicca “Lo scrittore fantasma”(1979), preceduto da “Goodbye, Columbus” (1959), “Lamento di Portnoy” (1969) e “La mia vita di uomo” (1974); seguono “Zuckerman scatenato” (1981), “La lezione di anatomia” (1983), “L’orgia di Praga” (1985) e “La controvita” (1986). Il saggio introduttivo firmato da Elena Mortara e gli apparati critici, redatti da Mortara e Paolo Simonetti, contribuiscono a presentare l’opera di Roth alle nuove generazioni, offrendo informazioni preziose e inedite anche a chi di Roth è già lettore appassionato.

 

 

 

Marcello Simoni

“Il patto dell’abate nero”

E’ l’autore italiano di thriller storici più letto nel mondo. 13 marzo 1460, porto di Alghero. Un mercante ebreo incontra in gran segreto l’agente di un uomo d’affari fiorentino, messer Teofilo Capponi…

 

 

 

 

 

 

 

Letture consigliate sabato 1 dicembre 2018

Charles Bukowski

“Il ritorno del vecchio sporcaccione”

Il ritorno del vecchio sporcaccione è la raccolta di tutte le gemme inedite che Bukowski aveva scritto nei vent’anni passati, a partire dal 1967, sulla sua colonna ogni settimana.Si riesce a ritrovare in ogni sua storia le sue passioni e le sue ossessioni come il sesso, l’alcol e le corse dei cavalli, partendo dall’operaio che si ritrova la vita rovinata a causa del collega che gli affiancano, passando all’intervista che Bukowski fa ai proprietari di una nuova casa editrice che non guadagnano nulla ma continuano lo stesso a lottare per il loro sogno, al periodo di depressione assoluta che lo colpisce.Ogni personaggio descritto fa parte di lui, attraverso loro trasmette al lettore le sue incursioni letterarie e politiche, le tormentate relazioni amorose. Partendo dalla sua biografia, infatti in molti stralci il protagonista è proprio Bukowski stesso, ricrea alla perfezione il disagio in cui la società sa far annegare chi non ritiene all’altezza.

Sveva Casati Modignani

“Suite 405”

Un’auto di lusso sfreccia nella notte lungo l’autostrada che collega Roma a Milano. A bordo c’è il conte Lamberto Rissotto, che possiede un’importante industria metallurgica e la dirige con sapienza, nonostante le difficoltà legate alla crisi economica del Paese. L’uomo ha fretta di rincasare per chiudere immediatamente ogni rapporto con la bellissima moglie Armanda, perché ha appena scoperto la sua ultima imbarazzante follia. A mitigare la cupezza del suo stato d’animo c’è il recente ricordo del fuggevole incontro con una sconosciuta «molto giovane, molto bella, di gran classe»…

 

Jojo Moyes

“Sono sempre io”

Con questo ultimo romanzo Jojo Moyes conferma il suo stile fresco e accattivante, catturando il lettore con una scrittura arguta ed emozionante che, pur toccando temi profondi e affetti vissuti con intensità, non cade mai nel patetico o in uno sdolcinato sentimentalismo ma resta anzi piena di humour, di calore e di leggerezza. Louisa è un personaggio in cui non si può fare a meno di identificarsi: una giovane donna originale, ottimista, onesta, testarda, amorevole, creativa e determinata…

 

 

Andrea Camilleri

“Il metodo Catalanotti”

Andrea Camilleri porta nuovamente in scena la sua creatura più splendente con una nuova avventura interamente dedicata al mondo del teatro, che l’autore siciliano così ben conosce e ama. E, per una volta, trasforma i suoi affezionati lettori in veri e propri spettatori. Uno dei romanzi più introspettivi  e avvincenti della serie, in cui le malinconiche riflessioni e gli imprevedibili entusiasmi del commissario Montalbano diventano trama a sé.

 

Stefano Benzoni

“Figli fragili”

E se la colpa fosse nostra? Di genitori esili, smarriti, incapaci di fronteggiare il disagio dei figli? Non sarà che l’epidemia di tristezza esplosa tra bambini e adolescenti è la conseguenza inevitabile del nuovo feticcio della felicità a tutti i costi? …

 

 

 

Letture consigliate venerdì 30 novembre 2018

 

 

Helena Janeczek

La ragazza con la Leica” (Vincitore del Premio Strega 2018)

Il 1° agosto 1937 una sfilata piena di bandiere rosse attraversa Parigi. È il corteo funebre per Gerda Taro, la prima fotografa caduta su un campo di battaglia. Proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto: erano stati felici insieme, lui le aveva insegnato a usare la Leica e poi erano partiti tutti e due per la Guerra di Spagna. Nella folla seguono altri che sono legati a Gerda da molto prima che diventasse…

 

 

 

Carlo Ossola

“Nel vivaio delle comete. Figure di un’Europa a venire”

L’Europa è stata ricettacolo e semenza d’avvenire e a quella responsabilità non può sottrarsi. I classici, che hanno modellato il suo pensiero, hanno fondato i loro testi sul principio della dignità dell’uomo. Con questo spirito Carlo Ossola ha tracciato trentatré ritratti di autori che hanno incarnato, dalla civiltà greca e romana ad oggi, il pensiero europeo, rendendoci destinatari di un’eredità immensa

 

 

 

Aldo  Busi

“Le consapevolezze ultime”

«Ma una voce è una voce e uno sguardo è uno sguardo e un ascolto è un ascolto ovunque, e non esistono deserti, esistono habitat nascosti alle brame umane o in divenire che non sono meno vivi solo perché non li abiti tu o non farai più in tempo a viverci, questa è la realtà e questa è anche la mia consapevolezza ultima, di altre non saprò che farmene…»

 

 

Elena Improta

“Ordinaria diversità. Diario di una figlia, moglie, madre”
Elena Improta ha deciso di aprirsi agli altri, perché le quattro mura di casa non riescono più a contenere il desiderio di far sapere cosa ha vissuto, pensato, sperato accanto a un bimbo, ora 26enne, che ha compiuto passi da gigante nonostante i gravi problemi di disabilità. Una storia d’amore e di riflessione, alla ricerca del peccato originale – semmai ce ne fosse stato uno – con il desiderio di far capire a tante famiglie che gli ostacoli si possono superare. E che non è impossibile tornare a sorridere.

 

 

 

 

Francesco

“I Vangeli letti dal Papa”

Il Vangelo è il libro della misericordia di Dio, da leggere e rileggere, perché quanto Gesù ha detto e compiuto è espressione della misericordia del Padre.

 

 

 

Letture consigliate giovedì 29 novembre 2018

A cura di Raphael Ebgi, con un saggio di Massimo Cacciari

“Umanisti Italiani”

Umanesimo come scuola di retorica, culto dei Latini e dei Greci, nascita della filologia? Cacciari ci fa capire come le cose sono più complesse e meno schematiche, e come la stessa filologia umanistica vada in realtà inserita in un progetto culturale più ampio nel quale l’attenzione al passato è complementare alla riflessione sul futuro…

 

 

 

 

Gustavo Zagrebelsky

“Diritto allo specchio”

Diritto allo specchio è una riflessione sul diritto che, per chiarezza e profondità si volge a un ampio pubblico. Nato dalle lezioni tenute dall’autore presso l’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano, il libro segnala il suo intento: chiarire la natura del diritto attraverso i tanti problemi in cui si imbatte chiunque entri nel mondo giuridico, incontrandone molteplici e contrastanti concezioni.

 

 

Andrée  Mazure

“La storia di Adamo ed Eva attraverso l’arte”

Al contrario di numerose tradizioni che riservano solo rapidi cenni all’apparizione del primo essere umano, la creazione dell’uomo rappresenta il coronamento della cosmologia biblica. Con questo atto, il creatore conclude e firma la sua opera grandiosa, come se la luce e le acque, i cieli e la terra, la vegetazione e gli animali – emanazione della sua potenza -non fossero che lo scenario e il contrappunto necessari all’apparizione del genere umano: supremo sbocciare dopo il quale la manifestazione divina si riassorbe nel riposo… Intorno alla narrazione della Genesi, tramite il gioco di queste immagini di  Mazure…

 

 

 

Don Winslow

“Lady Las Vegas”

Dai deserti nel Nevada alle mille luci di Las Vegas, Neal Carey è alle prese con una cliente da proteggere, una rossa esplosiva con gli occhioni verdi, braccata da chiunque negli Stati Uniti: FBI, mafiosi,killer da quando ha osato denunciare per stupro Jack Landis, un noto conduttore televisivo, famoso per le sue posizioni moraliste…

 

Carlo Lucarelli

“Peccato mortale”

C’è una macchia nel passato del commissario De Luca, qualcosa che lo ha reso ricattabile e lo ha costretto, da li in poi, a rincorrere sé stesso. È il suo peccato mortale. Quello tra il 25 luglio e l’8 settembre del 1943 è un periodo strano, allucinato. L’Italia si sveglia una mattina senza più il fascismo e praticamente la mattina dopo con i tedeschi in casa. Proprio nel caos di quei giorni De Luca, in forza alla polizia criminale di Bologna, si trova a indagare su un corpo…

 

 

Letture consigliate mercoledì 28 novembre 2018

 

Ian McGuire

“Le Acque del Nord”

1859, Patrick Sumner è un giovane medico che ha servito nell’esercito inglese durante l’assedio di Delhi. Ma nel suo passato militare c’è un evento oscuro che l’ha costretto alle dimissioni e il cui ricordo lo perseguita….

 

 

Banana Yoshimoto

“Le Sorelle Donguri”

Rimaste orfane, Guriko e Donko gestiscono un sito di posta del cuore che si chiama “Le sorelle Donguri”. Donko è tanto energica e indipendente quanto la sorella è solitaria e taciturna. Questo fino a quando Guriko riceve il messaggio di una donna che le scrive del dolore per la perdita del marito, parole che inducono Guriko a ripensare al suo primo amore…

 

 

 

Chiara Gamberale

“Qualcosa”

Una storia che ha la leggerezza della fiaba e la profondità di un classico. Un’originalissima riflessione sul dolore, l’amicizia, l’amore e il (non) senso della vita a partire dallo «spazio vuoto» che ognuno ha dentro di sé…

 

 

 

Antonino Cannavacciuolo

“I menu d’autore”

Per favorire la convivialità e alleggerire la vita mangiando, Antonino Cannavacciuolo suggerisce cinquanta ricette, corredandole di foto dall’antipasto al dessert, dai vini alle bevande da abbinare…

 

 

 

Nadia Terranova

“Addio Fantasmi”

Fra il tramonto e la cena l’assenza di mio padre tornava a visitarmi. Aprivo il balcone sperando che il temporale filtrasse dai soffitti e squarciasse le crepe sul muro, supplicavo la tramontana di trasformarsi in uragano…non vuoi sapere che sono diventata grande? Chiedevo, e nessuno rispondeva…

 

 

 

Letture consigliate martedì 27 novembre 2018

 

Marco Malvaldi

“La misura dell’uomo”

A cinquecento anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, Marco Malvaldi  gioca con la lingua, la scienza,la storia, il crimine e lo riporta in vita immaginando la sua multiforme intelligenza alle prese con le fragilità e la grandezza dei destini umani. Ottobre 1493…

 

 

 

Volker Kutscher

“La morte non fa rumore”

Berlino 1930. La star del grande schermo Betty Winter muore durante le riprese del suo primo film sonoro: un riflettore cade e la colpisce in pieno. E’ stato davvero un incidente? Il commissario Gereon Rath, ormai passato alla Omicidi, inizia ad indagare e…

 

 

Joice Dunbar

“L’oca brontolona”

 L’oca è scontrosa: lo stagno è asciutto e, per giunta sulla sua testa è apparsa una nuvola grigia che la segue ovunque! Cosa possono fare i suoi amici?…

 

 

 

 

Geronimo Stilton,

“Undicesimo viaggio nel Regno della Fantasia”

Secondo l’antica leggenda di Dragonia, per salvare cinque principesse in pericolo, il cavaliere  senza macchia e senza paura dovrà trovare cinque draghi dalle qualità…. Riuscirà in questa incredibile impresa?

 

 

 

David Bate

“La fotografia d’arte”

Gli ultimi decenni hanno conosciuto un’enorme crescita di interesse per la fotografia artistica e per il ruolo sempre piú centrale che essa svolge all’interno dell’arte moderna e contemporanea. In questo libro, David Bate presenta le principali questioni legate alla fotografia, dall’epoca della sua invenzione nell’Ottocento fino ai giorni nostri.

 

 

Letture consigliate lunedì 26 novembre 2018

 

Antonio Manzini

“L’anello mancante”

Sono cinque racconti diversi ed eterogenei, il cui protagonista è Rocco Schiavone, vicequestore permaloso, scorbutico, ma molto efficiente. L’anello mancante è il primo dei cinque racconti di questa raccolta e narra del misterioso ritrovamento del cadavere di un uomo sconosciuto sulla bara di una donna; unico elemento per risalire alla sua identità uno strano anello nuziale al dito. Si prosegue poi con Castore e Polluce, il racconto di una gita alpinistica tra tre amici e soci in affari finita tragicamente con la morte di uno di questi…

 

Antonio Manzini,

“Fate il vostro gioco”

E’ un romanzo duro, inquietante, ad altissima tensione e l’omicidio di un pensionato spinge il vicequestore Rocco Schiavone nel mondo della ludopatia e del gioco d’azzardo.

 

 

 

Biancamaria Frabotta

“Tutte le poesie 1971-2017”

E’ un lungo coinvolgente percorso di decenni tra i più solidi e duraturi della nostra poesia d’oggi, quello in cui ci guida la voce di Biancamaria Frabotta. Questa poetessa, tanto amabile e riflessiva, passa dal giovanile ardore, dall’ideologica passione degli esordi, ai mutamenti, lievi quanto essenziali e profondi, di una personale avventura, dentro le lacerazioni e le delusioni dell’epoca, per approdare a un vivo e paziente sentimento

 

 

 

 

Matteo Bussola

“La vita fino a te”

Matteo Bussola scrive un libro sull’amore di coppia, specchiandosi nelle storie di ciascuno e rivelando ciò che di straordinario si nasconde nella quotidianità della vita,  come se accadessero per la prima volta.   Lo fa mettendosi a nudo, ricordando gli amori passati, per ripercorrere la strada che lo ha portato fino a qui, alla sua esistenza con Paola e le loro tre figlie.

 

 

Giovanni Floris

“Ultimo banco”

E’ un atto d’amore riconoscente verso un’istituzione: la Scuola che tutti hanno relegato in un angolo, svalutando le figure dei Professori e Presidi. E’ la Scuola, invece,che può salvare l’Italia.

 

 

 

 

Letture consigliate domenica 25 novembre 2018

Khaled Hosseini

“Preghiera del mare”

“Mio caro Marwan…” È l’inizio della lettera scritta di notte, su una spiaggia buia, con persone che parlano “lingue che non conosciamo”….E’ la lettera di un padre a suo figlio dopo la morte di Alan Kurdi, il bambino siriano di tre anni, annegato, la cui foto ha fatto il giro del mondo.

 

 

 

 

 

Kristin Hannah

“Il grande inverno”

Kristin Hannah, ci regala un romanzo dalle molteplici sfaccettature che analizza i legami di una famiglia, indaga sul rapporto dell’uomo con la natura ed esplora la forza delle donne. Tutti gli elementi raccolti in una unica storia che con un ritmo serrato ed incalzante narra le avventure della famiglia ALLBRIGHT.

 

 

 

 

Deborah Levy

“Come l’acqua che spezza la polvere”

Una storia che ammalia per la caratterizzazione profonda e bizzarra dei suoi personaggi, per lo stile stravagante e colto della Levy. E’ una lettura diversa,  e fuori dagli schemi. Almería, sud della Spagna. La sabbia bruciata dal sole respira grazie alle onde fresche del mare. Sulla battigia, una accanto all’altra, passeggiano due donne. Sono madre e figlia. Rose combatte da anni con un dolore di cui nessuno riesce a scoprirne la causa chiamandola una malattia “immaginaria”…

 

 

Tiziano Fratus,

“Il bosco è un mondo”

Tiziano Fratus, servendosi delle sue peculiari e sterminate conoscenze, ci regala un volume che aiuta a scoprire gli alberi e i boschi d’Italia e in particolare quelli che rischiano di scomparire per incuria,o per il cambiamento climatico, o per cattiva amministrazione.

 

Federica Bosco

“Il nostro momento imperfetto”

Un romanzo che sfata il mito della perfezione per ridare vita alle scelte sbagliate, agli errori, alle cadute.La vita non rispetta mai i piani, e Alessandra lo scopre nel peggiore dei modi. Credeva di avere tutto sotto controllo: il lavoro come docente di fisica all’università, una famiglia impegnativa ma…

 

Letture consigliate sabato 24  novembre 2018

Philippa Gregory

“La sesta moglie”

Costretta a sposare un assassino. Intrappolata in un gioco pericoloso. L’incredibile storia della sesta e ultima moglie  di Enrico VIII. A trent’anni, Caterina Parr è una donna ancora giovane, eppure già vedova due volte,  di due mariti sposati per ragioni molto pratiche e ben poco romantiche. Ora, finalmente, ha un amore segreto che la appaga profondamente. Ma quando un uomo abbastanza vecchio, un uomo che ha già seppellito quattro mogli, le intima di sposarlo, lei non ha scelta. Perché Caterina non nutre alcun dubbio sul fatto che quell’uomo sia straordinariamente pericoloso: il suo nome è Enrico VIII, è il suo re e le ultime due regine non sono durate più di una manciata di mesi. Enrico adora la sua nuova sposa, tanto che la loro unione è benedetta da una sconfinata fiducia reciproca. Indipendente, avida di conoscenza e vivacissima, la nuova regina domina da subito la scena. Qualcuno comincia a pensare che tutto quel potere sia eccessivo e…..

 

Jamie Ford

“L’aroma nascosto del tè”

Due giovani separati dal destino. Un amore che non conosce ostacoli. Solo il tempo potrà farli incontrare di nuovo. Jamie Ford scrive una storia di sentimenti, un romanzo realizzato con delicatezza in cui si rintracciano le origini orientali di una famiglia venuta da lontano. Il protagonista non è solo Ernst, bimbo con ricordi tristi e un destino incerto, ma tre bambini, la cui infanzia è stata rovinata per sempre. I destini dei tre si incrociano e si uniscono sin dal principio. Ernst e Fahn, lui cinese e lei giapponese, si incontrano sulla nave mercantile che li trasporta a Seattle, e tra loro due nasce subito un sentimento di affetto che durerà con diversi destini…

 

Maurizio De Giovanni

“Il purgatorio dell’angelo”

E’ maggio, e la città si risveglia per avviarsi verso la stagione più bella. Eppure il male non si concede pause. Qualcuno ha barbaramente ucciso, nel mare di Posillipo, un anziano prete.   È inspiegabile, perché padre Angelo, la vittima, era amato da tutti. Il commissario Ricciardi è più inquieto che mai. Lui ed Enrica hanno cominciato a incontrarsi, ma il commissario non può continuare a nasconderle la propria natura, il segreto che a lungo lo ha tenuto lontano da lei…

 

 

 

Maurizio De Giovanni

“Sara al tramonto”

E’ una storia avvincente, intricata, ottimamente sviluppata e mai banale. Il talento di Sara è quello di rubare i segreti delle persone. Capelli grigi, di una bellezza trattenuta solo dall’anonimato in cui si è chiusa, per amore ha lasciato tutto seguendo l’unico uomo capace di farla sentire viva…

 

 

 

John Grisham

“La grande truffa”

John Grisham affronta,con efficacia, un argomento di grande attualità non solo in America, mettendo a nudo gli interessi e i profitti che vengono maturati nel grande business delle scuole private. Gli studenti Mark, Todd e Zola si sono iscritti alla scuola di legge di Washington con le migliori intenzioni e il sogno di cambiare il mondo una volta ottenuta la sospirata laurea, ma…

 

 

 

Letture consigliate venerdì 23  novembre 2018

Paula Hawkins

“Dentro l’acqua”

Una storia avvincente, un linguaggio semplice e concreto. Da leggere. Quando il corpo di sua sorella Nel viene trovato in fondo al fiume di Beckford, nel nord dell’Inghilterra, Julia Abbott è costretta a fare ciò che non avrebbe mai voluto: mettere di nuovo piede nella soffocante cittadina della loro adolescenza, un luogo da cui i suoi ricordi, spezzati, confusi, a volte ambigui, l’hanno sempre tenuta lontana. Ma adesso che Nel è morta, è il momento di tornare…

 

 

 

 

Alice Basso

“La scrittrice del mistero”

Un giallo i cui personaggi, i fatti spazio-temporali, le ambientazioni sono ben descritti e di facile lettura. Vani ama scrivere nel chiuso della sua casa, in compagnia dei libri e lontano dal resto dell’umanità per la quale non ha una grande simpatia. Ma soprattutto perché può sfruttare al meglio il suo dono di capire al volo le persone, di emulare i loro gesti, di anticipare i loro pensieri, di ricreare perfettamente il loro stile di scrittura. Una empatia innata che il suo datore di lavoro sa come sfruttare al meglio. Lui sa che solo Vani è in grado di mettersi nei…

 

 

 

Rosella Postorino

“Le assaggiatrici”  Vincitore Premio Campiello 2018

Rosella Postorino, ispirandosi alla storia vera di Margot Wolk (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf) , racconta la vicenda di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della storia, forte dei desideri della giovinezza. La prima volta in cui Rosa Sauer entra nella stanza in cui dovrà consumare i suoi prossimi pasti è affamata. Siamo nell’autunno del 1943, a Gross-Partsch, un villaggio molto vicino alla Tana del Lupo, il nascondiglio di Hitler. Ha ventisei anni, Rosa, ed è arrivata da Berlino una settimana prima, ospite dei genitori di suo marito Gregor, che combatte sul fronte russo. Le SS posano sotto ai suoi occhi un piatto squisito: “mangiate” dicono, e la fame ha la meglio sulla paura…..

 

 

 

Fred Vargas

“Il morso della reclusa”

Il commissario Adamsberg è costretto a rientrare dalle vacanze per seguire le indagini su un omicidio. Il caso è presto risolto, ma la sua attenzione viene subito attirata da quella che sembra una serie di sfortunati incidenti, tre anziani uccisi…

 

 

 

Elisabeth George

“Punizione”

Lettura piacevole e coinvolgente. L’autrice offre uno spaccato variopinto e autentico della provincia Inglese e la ricerca del colpevole non è scontata. Suicidio. Questo sostiene la polizia. Ma la vittima, Ian Druitt, diacono della cittadina medioevale di Ludlow, è deceduta mentre era sotto custodia cautelare con l’accusa di un crimine vergognoso. Quando anche l’inchiesta degli Affari Interni conferma che non c’è nulla di sospetto in quanto accaduto, il caso sembra chiuso. Ma la famiglia della vittima non accetta questa versione dei fatti….

 

 

 

Letture consigliate giovedì 22  novembre 2018

 

Michael Connelly

“L’ultimo giro della notte”

Michael Connelly, con questa ultima opera, ci regala Renèe Ballard, ex reporter di nera, ora detective dal carattere  solitario e dalla dura corazza. Ci accompagnerà in una storia torbida, ricca di casi da dipanare e di violenza; con uno stile pulito, realistico e cinematografico.

 

 

 

 

Lucinda Riley

“La lettera d’amore”

Lucinda Riley, ci trasporta in un mondo di pericolosi segreti, intrighi di Stato e colpi di scena, in cui lasciarsi andare all’amore è un rischio troppo grande. Ci sono segreti facili da smascherare e altri che restano sepolti per una vita intera. Come quello di Rose, l’anziana signora che Joanna, giovane reporter , conosce durante la cerimonia di commemorazione del famoso attore Sir James Harrison. Pochi giorni dopo, Joanna riceve un plico contenente una vecchia lettera d’amore e un biglietto dalla grafia tremolante, ma…

 

 

 

 

Charlotte Link

“La scelta decisiva”

Trama ben congegnata, narrazione molto piacevole, ottima descrizione di personaggi e luoghi. Simon sognava di trascorrere le vacanze di Natale con i figli e la sua compagna in un tranquillo paesino nel sud della Francia. Ma a quanto pare il sogno è destinato a non realizzarsi: i figli gli comunicano che hanno tutt’altri progetti, e la compagna lo abbandona all’ultimo momento. Ciò nonostante Simon decide di partire da solo, finché, lungo la strada, incontra una giovane donna…

 

 

 

Guillaume Musso

“La ragazza e la notte”

Un campus prestigioso cristallizzato sotto la neve. Tre amici legati da un tragico segreto. Una ragazza portata via nella notte. Dal maestro del noir il nuovo palpitante romanzo che ha scalato ancora una volta la vetta delle classifiche francesi.
Costa Azzurra, inverno del 1992. In una notte glaciale, mentre il campus del suo liceo è paralizzato da una tempesta di neve, Vinca Rockwell, diciannove anni, una delle studentesse più brillanti dell’ultimo anno, fugge insieme al suo professore di filosofia, con il quale aveva una relazione segreta. Per la ragazza “l’amore è tutto o niente”, ma…

 

 

 

Valentina D’Urbano

“Isola di neve”

Un’isola con una storia segreta e un amore che si rifugia tra gli scogli e le pareti di un carcere. Un romanzo intenso e appassionante di accettazione e ricerca tra passato e presente: un’isola che sa proteggere. Ma anche ferire. Un amore indimenticabile sepolto dal tempo. A ventotto anni, Manuel si sente già al capolinea: un errore imperdonabile ha distrutto la sua vita e ricominciare sembra impossibile. L’unico suo rifugio è Novembre, l’isola dove abitavano i suoi nonni. Sperduta nel mar Tirreno insieme alla sua gemella, Santa Brigida, l’isoletta del vecchio carcere, abbandonato, Novembre sembra il posto perfetto per stare da solo. Ma i suoi piani vengono sconvolti….

 

Letture consigliate mercoledì 21 novembre 2018

 

Cristina Caboni

La stanza della tessitrice”

E’ un libro dove i fili del passato e del presente si intrecciano. Dove gli abiti sono pieni di significati misteriosi e dove i destini di due donne si incontrano per far volare i loro sogni.

 

Stephanie Butland

La libreria dove tutto è possibile”

Un libro piacevole con una protagonista difficile da dimenticare, capace di far sorridere, emozionare, ricordare.

 

 

 

Elena Ferrante

 L’amica geniale”

Romanzo ambientato negli anni ‘50, in cui si narra la storia dell’amicizia tra due donne molto diverse, ma, nel contempo, con tante affinità. Nella storia si mescolono i profumi e i paesaggi dell’Italia del Sud.

 

 

Gail Honeyman

Eleanor Oliphant sta benissimo”

Il romanzo di Gail Honeyman è in grado di commuovere, ma anche di far sorridere grazie alla  pungente ironia e al desiderio di conoscere il mondo.

 

 

Murakami Haruki

L’assassinio del commendatore”

Murakami descrive l’abisso interiore del suo protagonista, con un gioco di magia e realtà, mistero ed indagine psicologica.