Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora

Fiaccolata in difesa dell’Ospedale: un fiume di persone a sostegno del SS.Trinità

foto fiaccolataUn fiume di persone, composto e compatto, ha illuminato la notte sorana. Sono state più di 5000 le presenze alla fiaccolata in difesa dell’Ospedale SS. Trinità. Grande la commozione del Sindaco Ernesto Tersigni che, nonostante ieri sera fosse al suo 5° giorno di sciopero della fame, ha voluto guidare il corteo insieme ai 27 sindaci del Distretto Sanitario C. In prima linea anche i rappresentanti dell’A.D.O. (Associazione Dipendenti Ospedalieri), promotrice della manifestazione, e numerosissime associazioni culturali e di volontariato del territorio.

La fiaccolata ha preso il via da Piazza Santa Restituta, quindi, dopo avere percorso il lungoliri ha raggiunto l’Ospedale.

Il corteo è stata preceduto da una riunione tra i Primi Cittadini presenti che si è svolta alle 20.30 presso la Sala Consiliare del Palazzo Comunale.

Il Sindaco Tersigni ha annunciato di avere sentito telefonicamente il Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin che si trovava in Lussemburgo che gli ha dichiarato che si interesserà personalmente della situazione del nosocomio sorano. Il Primo Cittadino ha ribadito l’importanza della coesione tra i 27 sindaci in vista dell’incontro con il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, fissato per lunedì 23 giugno alle 11.00.

Dobbiamo essere uniti. Io da 5 giorni sono in sciopero della fame ma ho bisogno del sostegno di tutti voi per continuare in questa battaglia. Stiamo difendendo il diritto dei cittadini alla salute e questa lotta non ha certo colore politico. Mi dispiace per le strumentalizzazioni della situazione che si stanno verificando ma qui la politica non c’entra niente – ha dichiarato il Primo Cittadino di Sora – Con la lettera che ho inviato nei giorni scorsi al Governatore Zingaretti ho cercato proprio di stemperare gli animi, affinché lunedì la nostra delegazione sia accolta con una predisposizione migliore”.

Il Sindaco Tersigni ha spiegato, inoltre, che lunedì si recherà a Roma con dati alla mano, soprattutto per quel che riguarda le attività del Reparto Ortopedia a rischio chiusura: “Mi sono accorto che in Regione i dati numerici non coincidono con quelli reali in nostro possesso che, per quanto riguarda ortopedia, riportano 138 interventi effettuati nel periodo luglio agosto 2013, di cui 35 interventi per fratture di femore e 30 interventi di altro genere. Con questi numeri non esiste il rischio chiusura del reparto. Lunedì per prima cosa dovremo chiarire questa discrepanza. Purtroppo, però, a quanto sembra la nostra richiesta di istituzione del DEA di 1° livello è molto difficile che possa essere accolta”.

Sulla stessa lunghezza d’onda gli altri sindaci presenti che faranno quadrato in difesa del territorio e si recheranno uniti a Roma insieme al Sindaco Tersigni.

Share