Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora

Giornata di microchippatura gratuita: appuntamento domenica 24 aprile

LocandinaMicrochippaturagratuitaPrima Giornata di Microchippatura gratuita a Sora. L’evento è organizzato dall’associazione EKOS Pet Onluns e dal Circolo Ambientale provinciale di Frosinone, in collaborazione con il Comune di Sora.

Questa prima giornata di microchippatura gratuita, realizzata con il supporto dell’ambulanza veterinaria, è in programma per domenica 24 aprile 2016, a partire dalle ore 9.00, in Via Martiri di Via Fani, presso Parco “Valente”. La campagna fa riferimento alla legge regionale n.34 del 21/10/97 che riguarda la “Tutela degli animali di affezione e prevenzione del randagismo”. Saranno applicati gratuitamente i microchip, obbligatori per legge, ai cani di proprietà dei cittadini residenti a Sora e, contestualmente, gli esemplari saranno iscritti all’anagrafe canina.

Auspichiamo che molti cittadini rispondano al nostro appello e regolarizzino la propria posizione nei confronti della normativa regionale. Microchippare i cani è un atto obbligatorio e molto importante perché, in caso di smarrimento, è possibile rintracciare con facilità i legittimi proprietari. Questo dispositivo, oltre a identificare il cane e il relativo proprietario, consente di combattere i furti poiché l’animale identificabile non è rivendibile. I microchip, inoltre, sono particolarmente utili ai canili, agli allevatori, ai venditori, agli addestratori, nelle strutture veterinarie e nell’allevamento del bestiame. Giornate come quella in programma il 24 aprile rappresentano concreti mezzi di prevenzione al triste fenomeno del randagismo, un problema con implicazioni sociali, culturali ed economiche. Ringrazio gli organizzatori della giornata per l’alto valore della loro iniziativa. Microchippare i cani significa evitare che i nostri amici a quattro zampe finiscano in canile con conseguenti sofferenze per loro e aggravio di costi sulle casse comunali” dichiara il Sindaco Ernesto Tersigni.

Share