Rete civica del comune di Sora, notizie dall'Amministrazione Comunale.
Città di Sora

Progetto P.R.I.M.A. I., siglata convenzione tra Comune di Sora e associazione SOS Donna

E’ stata siglata questa mattina la convenzione tra il Comune di Sora e l’associazione “Sos Donna Sportello Telematico e Centro di Ascolto” che darà ufficialmente avvio ai lavori di ristrutturazione di parte dell’edificio Valfrancesca. L’iniziativa rientra tra le azioni previste dal progetto P.R.I.M.A. I. (Promuovere le risorse per l’infanzia mediante approcci innovativi) – selezionato da impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo a contrasto della Povertà educativa minorile – di cui il Comune e l’associazione sono partner.

A sottoscrivere l’accordo sono stati il sindaco Roberto De Donatis e il presidente di S.O.S Donna, Riccardo Lutrario.

Grazie alla stipula della convenzione i lavori- che prevedono la ristrutturazione di un’ala della palazzina di proprietà del Comune di Sora  che in passato ospitava una scuola – potranno partire già dai prossimi mesi. L’ultimazione dell’intervento avverrà entro la fine dell’anno ed i locali ristrutturati verranno messi a disposizione della comunità educante, in linea con le finalità del progetto che mira al contrasto della povertà educativa minorile.

L’inserimento del budget per la ristrutturazione dell’edificio Valfrancesca all’intero del progetto nazionale P.R.I.M.A. I. (che oltre al territorio di Sora coinvolge anche Manfredonia e Crotone) risponde all’obiettivo di aumentare l’accessibilità alle offerte culturali, educative e i servizi per minori e famiglie. Lo spazio oggetto di lavori, in particolare, ospiterà eventi, iniziative ed appuntamenti che prevedono il coinvolgimento della comunità educante, e ancora: incontri formativi e workshop sui temi della genitorialità con il coinvolgimento del territorio. Lo spazio rimesso a nuovo sarà, quindi, a disposizione di tutta la cittadinanza e diventerà un luogo di socialità e confronto importante.

Nelle intenzioni del Comune di Sora l’edificio Valfrancesca, già messo a disposizione per le attività di diverse associazioni del territorio, dovrà essere destinato anche “ad accogliere, negli spazi comuni, iniziative finalizzate alla realizzazione delle attività previste nel Progetto P.R.I.M.A. I.”, come si legge nella convenzione sottoscritta.

Il budget destinato ai lavori di adeguamento è di 30mila euro.

“Ritengo che la firma della convenzione sia l’attestazione del paradigma dell’energia virtuosa che può instaurarsi tra l’amministrazione comunale e le associazioni- ha dichiarato il presidente di SOS Donna dopo la firma – perché entrambi abbiamo come fine il miglioramento delle condizioni di vita dei soggetti più bisognosi. Il Comune è stato molto realista e vedendo quali erano i sostegni che poteva assicurarci ci ha messo a disposizione una struttura che ci impegniamo a migliorare e porre a servizio di tutte le attività di SOS Donna a favore delle donne vittime di violenza, e delle attività previste dal progetto P.R.I.M.A.I. Non possiamo, quindi, che ringraziare il sindaco De Donatis per la sua sensibilità”.

“Siamo molto soddisfatti di questa convenzione con SOS Donna – ha aggiunto il primo cittadino di Sora– associazione da anni impegnata nella lotta alla violenza di genere che ha dei numeri preoccupanti anche nella nostra provincia. Ritengo importantissima la collaborazione tra l’Ente Comune e le associazioni del territorio. Siamo felici che, grazie alla firma di questa mattina, l’istituto Valfrancesca avrà anche il compito di perseguire gli obiettivi del progetto P.R.I.M.A. I. mettendo al centro le necessità dei bambini”.

Presente al momento della firma anche Antonella Fornari, vicepresidente dell’associazione SOS Donna e impegnata, nell’ambito delle attività previste da P.R.I.M.A.I, a dare consulenza e aiuto a genitori ed insegnanti, attraverso lo sportello di ascolto attivato all’interno delle scuole partner del progetto. Lo sportello di ascolto è un servizio gratuito, gestito da psicologhe ed esperte, che mette a disposizione di tutti coloro che avessero necessità di supporto anche la possibilità di incontri riservati in luoghi protetti.

Share